Dettagli Recensione

 
Scompartimento n. 6
 
Scompartimento n. 6 2014-12-17 18:04:22 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    17 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio nella rassegnazione

La Transiberiana è la ferrovia che attraversa l’Eurasia, che collega Russia europea, e la capitale russa, alle regioni centrali della Siberia e quelle orientali dell’l’Estremo Oriente russo. La sua lunghezza di circa 10.000 km ne fa la ferrovia più lunga nel mondo, rimanendo l’unica che percorre tali distanze dopo l’abolizione, in tempi recenti, del famoso Orient Express molto conosciuto e descritto in romanzi e avventure.

La vicenda ha luogo, appunto, lungo la tratta che collega Mosca a Ulan Bator, capitale della Mongolia, nella Russia degli anni ’80; due estranei si trovano a condividere lo stesso scompartimento: una studentessa finlandese, timida e riservata, e un proletario russo dal carattere rozzo e violento che è molto attaccato alla bottiglia di vodka. Un lungo in viaggio per mezzo della famosa o famigerata transiberiana con tutti i suoi pregi e molti difetti; la descrizione acuta e spietata della natura selvaggia, dei vari personaggi e dei luoghi che si incontrano immersi nella loro tradizione, miseria e crudeltà. Attraverso i finestrini si intravvede il lento disfacimento dell’Unione Sovietica propedeutico al successivo distacco delle tante repubbliche sovietiche dalla grande madre Russia; le soste forzate nelle stazioni sono inquietanti e inducono a una sorta di depressione: la convivenza dei due viaggiatori, caratterialmente così diversi tanto da creare costante tensione, fa riflettere sui ruoli di entrambi e su cosa cercano in un futuro incerto.

Il viaggio fisico si trasforma in spazio mentale che induce alla valutazione su un mondo diverso dai canoni occidentali ma che scorre comunque in avanti fino all'ineludibile arrivo.

Un romanzo che rappresenta, in maniera speculare, la società sovietica degli anni ’80 con tutti i suoi paradossi e contraddizioni, che anela a un altro modello sociale idoneo a una svolta epocale che abbatta tutte le sovrastrutture radicate sin dalla rivoluzione bolscevica del 1917.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo
Il libro del mare