Saggistica Economia e finanza Capitalismo di rapina
 

Capitalismo di rapina Capitalismo di rapina

Capitalismo di rapina


Le manovre intorno a Telecom Italia, il crac della Parmalat di Tanzi, la resistibile ascesa dei nuovi finanzieri e non solo: il libro racconta la storia sotterranea del capitalismo di rapina. I percorsi occulti del denaro, un sottobosco mai illuminato dagli articoli dei giornali, che troppo spesso non vanno oltre i semplici verbali d'interrogatorio o le intercettazioni telefoniche. Gli autori seguono le tracce dei soldi, entità resa ormai sempre più astratta, tra conti bancari e giochi di sponda in Borsa, fino ad alzare il velo sulle complicità ad altissimo livello nelle grandi banche, nelle istituzioni, nel mondo politico, nelle autorità di controllo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Capitalismo di rapina 2009-10-07 08:49:39 David Oddone
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da David Oddone    07 Ottobre, 2009

Capitalismo di rapina

Tanto è ben raccontata, questa assurda vicenda dell’alta finanza, oggetto del volume “Capitalismo di rapina” (per intenderci quella che vide coinvolti Fiorani, Ricucci, Coppola and company), che alla fine si finisce per provare compassione per i piccoli uomini protagonisti delle grandi storie alla base della crisi economica. Che come bambini dinnanzi a un canestro di ciliegie, si sono lasciati sorprendere mentre, incapaci di smettere, seguitavano a ingoiarne, una dopo l’altra, tutto il contenuto. Trasformando l’amplesso con il denaro in un coito interrotto. Ma sono certo che le persone truffate dal “capitalismo di rapina” non leggeranno mai questo libro. Penseranno che sarebbe una fatica inutile e non alla propria altezza. Fossero stati in grado di comprendere i labirinti dell’alta finanza, allora non avrebbero perso i propri risparmi. Ma persone più intelligenti si sono prese gioco di loro….Questo penseranno. Se invece qualcuno di loro si accingesse a leggere il libro, si accorgerebbe immediatamente che capire come sono andate le cose non è poi così difficile. Non solo perché lucidamente raccontate da tre giornalisti di razza che non si sono voluti fermare a descrivere la superficie delle cose (il libro è firmato da Paolo Biondani, Mario Gerevini e Vittorio Malagutti ed è edito da Chiarelettere). Ma perché realmente non si tratta di operazioni così complicate, frutto dell’ingegno dei guru dell’alta finanza. Bensì della spregiudicata ambizione di un gruppo di rampanti rampolli che hanno reso pubblica la propria tragedia privata: un miscuglio di avidità e ignoranza. Riproponendo fin quando possibile uno schema ormai collaudato: far perdere la banca, far guadagnare il cliente e spartire con quest’ultimo i profitti da capogiro. Fa sorridere, eppure sono questi i ‘capitani coraggiosi’ la cui irresistibile ascesa entusiasmò l’allora presidente del Consiglio Massimo D’Alema che giunse, appunto, sino a definirli tali. Illuminanti a questo proposito alcuni passaggi del volume “Arrivati al potere anche i Ds tentano di ritagliarsi un loro spazio d’influenza nella sfera economica, ma sbagliano clamorosamente cavallo”. Questi personaggi “Esportano alla grande, commerciano con mezzo mondo senza saper una parola d’inglese. Si esprimono in uno slang italo-bresciano”. Emblematico il personaggio di Ricucci, talmente ignorante da non saper rispondere alla perfida domanda del pm che dopo averlo ascoltato illustrare per ore il suo progetto per Caorle, chiedeva dove si trovasse tale località. La risposta fu “A San Donà del Piave”. Il lettore del volume è dunque disorientato: qui manca tutto; le letture cosmopolite, l’intelligenza geniale e quella certa eleganza che da sempre distingue le classi dirigenti. Per dirla con la Arendt, qui si tocca con mano la banalità (e purtroppo anche una buona dose di stupidità) del male. Complici, va da sé, tutti coloro cui era affidata la responsabilità del controllo “Una stagista neolaureata vede e capisce tutto […] gli ispettori mandati da Bankitalia poco vedono e nulla capiscono. Loro monitorano”. In fondo dunque si legge questo libro per affrontare la banalità del presente con lo stile squisitamente ironico suggerito dai suoi autori.
di David Oddone

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri