Saggistica Economia e finanza La leggenda della globalizzazione
 

La leggenda della globalizzazione La leggenda della globalizzazione

La leggenda della globalizzazione

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di "La leggenda della globalizzazione. L’economia mondiale degli anni novanta del Novecento", saggio di Elvio Dal Bosco edito da Bollati Boringhieri. La globalizzazione viene strumentalizzata dal neoliberismo che le addebita la necessità di ridurre i costi salariali nelle aree sviluppate e reggere così la concorrenza delle aree emergenti. Lo sviluppo delle attività finanziarie, alimentato dall'assoluta libertà dei movimenti di capitali, ha accresciuto i rischi sistemici e ha ridotto l'efficacia delle politiche delle banche centrali. Il peso eccessivo della finanza rispetto all'economia reale ha riallocato la spesa finale del PIL a favore dei consumi privati a scapito degli investimenti. La flessibilità richiesta dal mercato del lavoro impone un ritorno a condizioni di lavoro e di vita tipicamente ottocentesche. Tutti fattori che mettono in crisi i pilastri dello Stato sociale classico.

Elvio Dal Bosco, ex dirigente della Banca d’Italia, collabora dal 1996 alle ricerche promosse dall’Associazione Guido Carli. Ha pubblicato Germania economica (1987) e Guida alla relazione della Banca d’Italia (1988) editi da Ediesse e, per il Mulino, L’economia mondiale in trasformazione (1993), dedicato agli anni 80 del Novecento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La leggenda della globalizzazione 2013-05-06 17:38:13 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    06 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I mali del neoliberismo

Si sente spesso parlare di globalizzazione e c’è chi ne elogia i vantaggi, mentre altri la considerano un male devastante. Al di là di quello che può essere un’opinione di carattere politico, resta il fatto che alla base c’è sempre un fondamento economico e allora sembra giusto che a parlarne sia un esperto in materia, uno studioso cioè che la esamini con dati certi e incontrovertibili.
Elvio Dal Bosco, che ha diretto per lunghi anni il settore di economia internazionale della Banca d’Italia, ha tutti i titoli per poterne parlare scientificamente.
Ecco che allora la globalizzazione si rileva per quello che è: un mostro creato per assecondare gli interessi del neoliberismo economico, avviato negli Stati Uniti sotto la presidenza Reagan e che non ha nulla di meglio del più bieco capitalismo ottocentesco. Questa sorta di libero mercato arricchisce solo chi di denaro ne ha un bel po’, mentre provoca immiserimento delle classi medie dei paesi evoluti e vero e proprio schiavismo delle popolazioni degli stati minori.
Articolato in quattro capitoli (La globalizzazione alibi del neoliberismo, L’economia reale preda della finanza, Il lavoro ostaggio della precarietà, Lo stato sociale sotto assedio), questo saggio dimostra non con parole, ma con fatti e dati economici ufficiali che tutti noi siamo preda di un vero e proprio gruppo di sciacalli, che hanno un concetto tutto personale e individuale di società e che sono disposti a tutto per imporre la loro sete di potere e di ricchezza. Benché spesso si richiamino alla religione, violano sistematicamente tutti i comandamenti e operano con la menzogna, vantando inesistenti successi per la collettività.
E’ un libro forte e che dovrebbe far molto riflettere quando più evidente è la nostra sfiducia nel futuro, che ha un solo nome: neoliberismo, un teoria economica che serve solo ad avallare la cupidigia di individui che hanno un concetto distorto del loro ruolo nell’umanità, che si professano benefattori, ma lo sono solo delle loro tasche.
La globalizzazione è uno strumento con cui esercitano il potere e determinano il destino degli altri esseri umani.
Un libro che è assolutamente da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri