Narrativa italiana Fantasy Stryx. Il marchio della strega
 

Stryx. Il marchio della strega Stryx. Il marchio della strega

Stryx. Il marchio della strega

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Dopo aver vissuto in Inghilterra, Sarah, una potente strega, torna a Salem decisa a ricominciare una nuova vita senza la magia. Inaspettatamente, giunge la sorella minore: Susan, determinata a sconvolgere l’esistenza di Sarah e degli ignari studenti del liceo di Salem. La vita scolastica si rivela fin da subito molto più dura del previsto. L’unico apparentemente interessato a conoscerla è un giovane dai grandi occhi grigio azzurro: Scott. Ma Salem ben presto comincerà ad essere sconvolta da numerosi delitti inspiegabili.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stryx. Il marchio della strega 2014-09-30 11:56:29 Jess
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Jess Opinione inserita da Jess    30 Settembre, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stryx - il marchio della strega

allora..parto dicendo che inizialmente mi sembrava un po'..sciatto. mi spiego: sapete quei libri per ragazzini da 12-15 anni, che mentre leggi pensi "boh..chissà perchè ho scaricato questo libro".
Insomma, non mi prendeva molto, poi la storia tra Sarah, la strega buona, e Scott, il ragazzo figo mortale della scuola, ignaro di tutto, un po' mi lasciava perplessa. Di storie sulla magia, streghe e compagnia bella ne ho lette ben poche, insomma dopo Harry Potter la mia dose di magia e stregoneria pensavo di averla raggiunta, insomma la Rowling è imbattibile.
Ma poi con il passare delle pagine...è come cambiato qualcosa..la trama è diventata più coinvolgente e la storia più..intrigante (non a caso l'ho finito in tre giorni)..
La perenne guerra tra cacciatori di streghe e streghe viene come incorporata dai pensieri di Sarah, da quello che prova in ogni singola occasione, da come cerca in tutti i modi di non commettere errori già fatti in passato, e questo rende tutto meno da "Harry Potter".
Se Sarah è la strega buona Susan sua sorella, è la sua metà cattiva diciamo. trasgressiva, impavida, ma comunque legata molto alla sorella e questo è decisamente un punto a suo favore.
Le due sorelle insieme sono una forza della natura, incontrastabili. Non a caso sono le due streghe più antiche che si siano mai viste in giro.
Ritornate entrambe a Salem, troveranno una situazione complicata, ma che comunque non è differente da quella che avevano lasciato 300 anni prima, quando il fantomatico uomo affascinante dal mantello nero le aveva trasformate in streghe.
Il modo in cui sia Sarah, sia Susan prendano a cuore la situazione delle nuove streghe di Salem, insegnando loro tutto ciò che sanno, viene descritto abbastanza bene..ma..perdonatemi forse sono abituata ad altro, ma anche in questo punto mi è sembrato troppo sbrigativo, poco dettagliato; certo, mettendomi nei panni della scrittrice forse mi renderei più conto delle difficoltà.
I personaggi maschili di questa storia..non mi hanno preso particolarmente. Scott è un ragazzino che si è fatto immischiare in una situazione piu grande di lui, non capendo esattamente cosa stesse succedebdo o quanto fosse pericoloso il tutto; per non parlare del fatto che si innamora di Sarah ma inizialmente lo fa solo perchè i cacciatori glielo impongono come "gavetta" per entrare a far parte di questo gruppo di maschilisti e riscattare così il nome della famiglia, dato che il padre si era rifiutato di diventare un cacciatore di streghe.
È uno di quei personaggi che per quanto mi riguarda che ci sia o meno non cambia assolutamente nulla.
D'altro canto Marco..marco l'ho odiato per l'intera storia; insomma non gli hanno insegnato che non si fa dell'erba tutt'un fascio?!..miseriaccia..
È il cattivo della storia, naturalmente senza di lui e di tutta la combricola di maschilisti non ci sarebbe stata la storia...però..ecco quando arriva alla fine e scopre di essere figlio di un cacciatore ed di una strega..li un po' mi ha fatto pena.
La storia termina con un bellissimo colpo di scena (della serie anche i cattivi hanno il cuore tenero) e forse è stato proprio questo a dare qualche punto in più al libro..
Va beh..insomma, l'ennesima lotta tra il bene ed in male in cui il bene trionfa..:D

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Stryx. Il marchio della strega 2014-06-30 12:57:15 Ery89
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ery89 Opinione inserita da Ery89    30 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stryx. Il marchio della strega

Bellissimo libro fantasy che rientra perfettamente nella sezione Paranormal Romance perchè l'autrice è riuscita a intrecciare in un'unica storia due argomenti molto interessanti: l'amore e la magia.
Il romanzo parla di due sorelle, streghe da più di 3 secoli, che vogliono due cose diverse dalla vita: Sarah vorrebbe vivere una vita normale e rimpiange ancora a distanza di secoli il suo primo amore, mentre Susan coglie il meglio dall'essere strega e usa i suoi poteri per divertirsi e ammaliare i ragazzi. Un libro che racchiude un mix di stregoneria e di modernità. La storia narra l'epica battaglia tra donne e uomini che in questo caso si identificano con la Congrega delle Streghe e i Cacciatori di streghe. Secoli addietro hanno vinto i cacciatori ma questa volta le cose potrebbero andare diversamente perchè una strega e un cacciatore si sono innamorati e quando c'è di mezzo l'amore è difficile uccidere.
Il romanzo contiene un messaggio finale, ecco le parole dell'autrice:
"Il messaggio finale del libro è che tutte le donne lo posseggono, ma la differenza consiste appunto nel modo in cui si decide di usarlo. Stare dalla parte del Bene o del Male delineerà il tipo di persona che si diventerà 'da grande'."
Un libro che consiglio a tutti quelli che amano il genere fantasy.

baci
Erica

Recensione presente anche sul mio forum.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La prigione della monaca senza volto
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri