Narrativa italiana Fantasy Absence. Il gioco dei quattro
 

Absence. Il gioco dei quattro Absence. Il gioco dei quattro

Absence. Il gioco dei quattro

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Viviamo anche attraverso i ricordi degli altri. Lo sa bene Faith, che a sedici anni deve affrontare l'ennesimo trasloco insieme alla madre, in dolce attesa della sorellina. Ecco un ricordo che la ragazza custodirà per sempre. Ma cosa accadrebbe se, da un giorno all'altro, quel ricordo non esistesse più? E cosa accadrebbe se fosse Faith a sparire dai ricordi della madre? La sua vita si trasforma in un incubo quando, all'improvviso, si rende conto di essere diventata invisibile. Nessuno riesce più a vederla, né si ricorda di lei. Non c'è spiegazione a quello che le è accaduto, solo totale smarrimento. Eppure Faith non è invisibile a tutti. Un uomo vestito di nero detta le regole di un gioco insidioso, dove l'unico indizio che conta è nascosto all'interno di un biglietto: 0°13'07''S78°30'35''W, le coordinate per tornare a vedere. Insieme a Jared, Scott e Christabel - come lei scomparsi dal mondo - la ragazza verrà coinvolta in un viaggio alla ricerca della propria identità, dove altri partecipanti faranno le loro mosse per sbarrarle la strada. Una corsa contro il tempo che da Londra passerà per San Francisco de Quito, in Ecuador, per poi toccare la punta più estrema del Cile, e ancora oltre, verso i confini del mondo. Primo volume della trilogia di Absence, Il gioco dei quattro porta alla luce la battaglia interiore più difficile dei nostri giorni: definire chi siamo in una società troppo distratta per accorgersi degli individui che la compongono. Cosa resterebbe della nostra esistenza, se il mondo non fosse più in grado di vederci? Quanto saremmo disposti a lottare, per affermare la nostra identità?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Absence. Il gioco dei quattro 2017-07-10 19:29:21 Vincenzo1972
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    10 Luglio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mondo ti ha perso, il mondo non ti vede..

Nuovo romanzo per la giovane ma promettente scrittrice milanese Chiara Panzuti, Il gioco dei quattro si presenta come il primo capitolo della trilogia Absence.
Assenza, come sinonimo di invisibilità, di non percezione fisica e visiva: 'ma assenza fisica non vuol dire mancanza'.
Lo capiranno poco alla volta quattro giovani ragazzi londinesi che improvvisamente e senza la minima consapevolezza di quanto stia accadendo vengono letteralmente cancellati dal mondo e dalla vita che conducevano sino a quel momento.
E' come se qualcuno fosse riuscito non solo a renderli invisibili agli occhi della gente ma fosse stato anche capace di rimuoverli dalla memoria delle persone con cui erano a più stretto contatto, genitori, amici, fratelli, eliminando persino i loro account sui vari social network.
Tutto rimosso, quattro vite annullate più che scomparse. Perché la scomparsa di una persona non ne rimuove il ricordo o le immagini dei momenti trascorsi insieme.
Invece per Faith, Christabel, Scott e Jared è come se qualcuno si fosse preoccupato di colmare il vuoto generato dalla loro assenza in modo che essa non fosse percepibile dall'esterno: l'effetto è paragonabile a quello di una buca scavata con le mani nella sabbia, quando tutta la sabbia rimossa viene quasi istantaneamente sostituita da quella circostante che cadendo ricopre la cavità sino a rendere impercettibile il vuoto creato prima.
I quattro ragazzi si renderanno conto ben presto di essere stati coinvolti contro la loro volontà in una trama, in un meccanismo perverso che non riescono a comprendere pienamente perché ci sono ancora tante domande a cui non sono in grado di dare una risposta.
Ma di certo qualcuno ha fatto in modo che si incontrassero e che formassero una squadra, qualcuno tramite potenti tecnologie ha organizzato tutto quanto prevedendo persino le loro mosse e li sta muovendo come pedine in un gioco mortale costringendoli a seguire indizi sparsi per il mondo pur di avvicinarsi alla verità.
Non è necessario svelare oltre la trama per riconoscere in questo romanzo i connotati tipici di un genere che negli ultimi cinque anni ha riscontrato un grande favore di pubblico e di critica, sull'onda del successo conquistato da alcuni titoli divenuti ben presto best seller, come la saga di Harry Potter sino ai più recenti Hunger Games, Maze Runner, Divergent tanto osannati dai lettori da indurre investimenti milionari per la loro trasposizione cinematografica.
E' il genere noto come YA, young adult, rivolto appunto a giovani adulti, ragazzi ormai cresciuti per le favole da bambini ma ancora troppo acerbi per una letteratura più impegnativa.
Seppure ambientato nel presente e non in un mondo futuristico, anche il romanzo di Chiara Panzuti propone una visione distopica della società moderna, puntando il dito contro la progressiva ed inarrestabile alienazione dell'uomo, succube e schiavo della tecnologia, ormai incapace di farne a meno, incapace di osservare e di vedere oltre lo schermo di un pc o di uno smartphone.
"Occhi reali, capaci di vedere il mondo reale, non lo osservavano più. Vagavano distratti, rapiti da schermi che proiettavano solo il già visto."
Forse Faith ed i suoi amici erano già invisibili, quattro vite in perenne disagio: Faith costretta a seguire la madre nei suoi continui cambi di residenza dopo il divorzio, Jared orfano ed affidato col fratello ad una coppia che difficilmente potrà mai accettarlo come un figlio, Christabel e Scott che cercano ciascuno a suo modo di nascondere la propria solitudine interiore, Christabel col nuoto e Scott mostrandosi spavaldo e sfrontato con le ragazze.
Sono ombre confuse e prive di identità in una società affetta da distrazione di massa, noia, ripetitività: granelli di sabbia la cui assenza non sarebbe stata neanche percepita perchè subito colmata dalla dilagante indifferenza ed apatia della sabbia circostante.
Paradossalmente l'invisibilità fisica consentirà ai quattro ragazzi di vedere meglio se stessi, consentirà loro di estraniarsi da un mondo che non li vede per acquisire coscienza di sé e dei propri sentimenti.
Con uno stile fluido, essenziale e diretto, in perfetta sintonia col target adolescenziale a cui è rivolto, il romanzo di Chiara Panzuti è stato una piacevole sorpresa, peraltro tutta italiana, in un panorama dominato da autori inglesi ed americani.
E pur non essendo da tempo (ahime!) uno young adult, così come riconosco di aver amato e parteggiato con ardore da teenager per Katniss Everdeen nei suoi Hunger Games, allo stesso modo non nascondo l'intenzione di completare la lettura della trilogia Absence, convinto che l'autrice saprà dare degno prosieguo alla saga.
"Se il mondo non mi voleva, sarei stata ombra, se il mondo non mi vedeva, sarei stata assenza. Invisibilità, silenzio, morte. Sarei stata la solitudine, la vera solitudine, quella che cerchiamo di zittire distraendo le nostre menti con ogni mezzo possibile."

Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri