Narrativa italiana Fantasy La regina del silenzio
 

La regina del silenzio La regina del silenzio

La regina del silenzio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice
Il malvagio re Urdal scende da Nord, invade col suo esercito la pianura dei Burjaki e proibisce loro ogni forma di musica. Con tre mostri – Antrax, Uter e Saraton – terrorizza la popolazione. Eco, il mago dai lunghi capelli bianchi che suscita i suoni della terra, viene fatto prigioniero e nella terra dei Burjaki cala il silenzio assoluto. Mila, la figlia del valoroso cavaliere Vadim, ha il dono innato della musica e cresce ascoltando la melodia della natura. Con il suono della sua voce sfida il divieto di Urdal e decide di cercare il bardo Tahir, l'uomo che le ha insegnato il canto, per guidare insieme la battaglia più importante, nel nome della musica e della libertà.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La regina del silenzio 2018-01-02 14:41:22 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una armoniosa favola

Paolo Rumiz scrive La Regina del silenzio: una favola composta da suoni da usare contro la violenza del silenzio e del troppo rumore. Il libro rivolge un pressante invita ad ascoltare la voce del proprio cuore e di se stessi, e di non farsi tiranneggiare dal frastuono che ci circonda.
La protagonista è Mila, una bambina che nasce quando suo padre, il guerriero Vadim, è morto, ucciso da un bisonte dalle corna avvelenate dalla regina Ubidaga, una tiranna che ha imposto il silenzio degli strumenti e la cancellazione delle vocali, schiavizzando un popolo, togliendovi gioia ed armonia. Ma Mila nella pancia della sua mamma ha ascoltato la musica, ha imparato la melodia della tamburica di Tahir, il bardo che ha accompagnato con le sue armonie la morte del padre. Mila acquisisce il senso di nostalgia per qualcosa che non ha più. Fino a quando il nonno Lev non le narra del bardo che ha suonato e lei decide di cercarlo: insieme liberano Eco, prigioniero nelle grinfie della tiranna, restituendo la sonorità e l’armonia a tutto il paese. Inoltre Mila incontra un maestro di violino e lei decide che non ha mai suonato, ma riesce immediatamente a far vibrare le corde con l’archetto e a rivivere la magia dei suoni che in un tempo passato aveva fatto propri.
Il libro è dedicato all’amico musicista triestino Alfredo Lacosegliaz, scomparso un anno fa, l’artista che anticipò l’interesse per la musica balcanica e le contaminazioni con i suoni che venivano dall’Oriente: su di lui e il suo codino grigio è modellato uno dei protagonisti del libro stesso, il bardo Tahir, discendente di un popolo guerriero che canta la nostalgia e con la sua tamburiza seduce uomini e animali.
La Regina del silenzio, dice l’autore, che ha avuto una gestazione lunga. Comincia a sedimentare circa otto anni fa, quando la musica è entrata fortemente nella vita di Paolo Rumiz. L’amicizia con Lacosegliaz, poi con Riccardo Muti, che gli suggerisce la forma per la ballata “La cotogna di Istanbul”, il romanzo-canzone edito nel 2010,più volte riscritto. Infine l’incontro con Igor Coretti-Kuret e con la sua European Spirito f Youth Orchestra, il complesso di novanta giovanissimi musicisti, di diversi paesi, che ogni anno si scioglie e l’anno dopo rinasce, con altri talenti in erba, sconosciuti gli uni agli altri.
Inoltre il libro è frutto di una collaborazione tra “uomini di confine”. L’amico Piero Porro, calligrafo, ha creato le “cornici” dei capitoli in un alfabeto runico un po’ “latineggiante”, più vicino a noi, mentre la copertina e le illustrazioni sono firmate da Cosimo Miorelli, figlio di Moreno, fondatore del festival Stazione Topolò. Sulla copertina Miorelli ha disegnato anche la mappa del paese immaginario dove è ambientata la favola. E’ la terra dei Burjaki, la grande pianura dei Carpazi, dove si stendono l’Ucraina, la Bielorussa, la Polonia. E dove, in assenza della cassa di risonanza naturale delle montagne, i popoli sono costretti a cantare per non deprimersi. Il Mare del Nord è il Baltico, Negroponto il Mar Nero, Ramadania un paese arabo d’oriente.
Ne consegue una favola pieno di suoni contro la violenza del silenzio e del troppo rumore. Una lettura armoniosa, ricca di fascino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La cercatrice di corallo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Parlarne tra amici
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Sorprendimi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini che restano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita riflessa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In
In
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Davanti agli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sera a Roma
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lo spirito della fantascienza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hotel Silence
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La grande truffa
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il diavolo nel cassetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri