Amy Foster Amy Foster

Amy Foster

Letteratura straniera

Classificazione

Cosa avrà provato il ventunenne Teodor Józef Konrad Korzeniowski, discendente da una famiglia di antica nobiltà terriera polacca fieramente avversa al dominio russo, quando nel 1878 decise di mettersi al soldo come semplice marinaio della marina mercantile britannica? Beh, forse ha tentato di dircelo in Amy Foster, il racconto qui presentato, datato 1901. Qui è un giovane naufrago, Yanko, unico superstite della nave su cui viaggiava come misero emigrante alla volta dell’America, che approda molto fortunosamente sulla costa di una sconosciuta cittadina inglese, che per lui potrebbe essere un qualsiasi posto del mondo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Amy Foster 2019-12-17 22:13:40 Innamorata
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Innamorata Opinione inserita da Innamorata    18 Dicembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una perla affascinante

Amy disprezza la sua vita. Percepisce se stessa come diversa e non sente di appartenere con lo spirito al luogo dove vive. Ella è lontana come nessuno può comprendere. Amy ha trovato nello straniero che veniva dal mare un ancora per fuggire, per allontanarsi dai valori e dalle persone con cui passivamente ha vissuto la sua vita. Un allontanamento vissuto più nella sua immaginazione, sotto il mio punto di vista. Una distanza soprattutto mentale e psicologica nel cui mezzo si distende il mare, dalle profondità del quale è emerso lo straniero, descritto come un elegante uccello selvaggio disgraziatamente finito in gabbia. Egli vede in lei un cuore buono e generoso in grado di accogliere il suo, e si innamora della donna.
Ma io penso che Amy non si sia mai davvero innamorata di lui. Grazie alla sua immaginazione ha provato dei sentimenti verso una figura idealizzata da lei stessa, ma come ogni immagine anche questa è destinata a svanire. Amy è fragile, apatica e invisibile rispetto alle esperienze che la vita le offre. Non coglie la vita nel modo impulsivo, emotivo, affamato e vorace di lui. Vive per di più nella sua immaginazione ma si ritrova avvolta dalla solitudine, che solo l'immaginazione stessa nel suo caso può colmare. Alla fine forse non comprende più la distinzione tra le due, in quanto talmente abituata a colmare il reale con l'abbagliante immagine desiderata, ha scelto di vivere nella sua luce.
Dopo aver visto il film ed esserne rimasta affascinata, colpita dalla forza di questa storia, consiglio la lettura di questo breve ma comunque intenso romanzo. Una piccola perla degna di essere letta, in quanto densa di significati anche molto attuali.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Amy Foster 2013-11-06 19:41:23 LittleDorrit
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    06 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo straniero che venne dal mare

Ho cercato questo racconto di Joseph Conrad in lungo e in largo ma non l'ho mai trovato in edizione italiana.
Qualche tempo fa, però, dopo aver acquistato un ebook reader e spulciato tra i libri dello store, sono incappata nell'edizione della biblioteca di repubblica, con possibilità di lettura in inglese.
Non ci credevo!
Mi sono detta:" Finalmente!!!"
Dopo essermi emozionata col bellissimo film "Lo straniero che venne dal mare", dovevo assolutamente leggere il libro.
In realtà non siamo di fronte ad un romanzo ma ad una "short story", un racconto breve, (troppo) con una protagonista (che poi protagonista non è) davvero insolita.
In una piccola contea inglese vive Amy Forster, creatura silenziosa e defilata dal resto del mondo.
Chiusa in una sorta di bolla di vetro che la rende incomprensibile alla gente del posto tanto da essere considerata la "scema del villaggio", avrà il coraggio di avvicinare il romeno Yanco, un giovane che, partito da una zona remota dei Carpazi per cercare fortuna in America, verrà sorpreso da una tempesta e si ritroverà naufrago sulle coste inglesi.
In cerca d'aiuto sarà trattato da appestato, vittima della xenofobia locale pilotata dall'ignoranza.
Amy avrà per lui una sincera pietà ed una profonda comprensione tanto da colpirlo a tal punto che Yanco se ne innamorerà e, di lì a poco, la chiederà in sposa.
La storia è narrata in terza persona dal medico del villaggio (quale conoscitore della vicenda) ad un suo amico.
In queste pagine c'è l'essenza stessa di Conrad. Troviamo tratti autobiografici che lo avvicinano al personaggio di Yanco e tematiche a lui care che rendono la narrazione personalissima. Peccato però che il tutto duri un soffio. È una storia che avrebbe tutte le caratteristiche per decollare ma è poco sviluppata e non si ha il tempo materiale per entrare in simbiosi con personaggi e vicenda.
Amy, è lasciata troppo all'interpretazione del lettore; la sua influenza c'è ma è quasi impercettibile se si compie una lettura poco attenta. Il perno centrale è Yanco che con il suo drammatico vissuto ci immette in un contesto più ampio. Ne consiglio la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Conrad
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri