Narrativa straniera Classici Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
 

Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti

Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Questo è uno dei romanzi meno conosciuti e più riusciti del grande scrittore russo. Dove l'orrendo e insopportabile protagonista, Fomà Fomìc, detta legge nella piccola corte famigliare della generalessa Krachòtkina nel paesino di Stepàncikovo, come un Rasputin di ultima categoria. È un romanzo abbondantemente comico, cosa rara in Dostoevskij. Fomà Fomìc chiacchiera, mena la lingua, fa l'intellettuale onnisciente, intontisce tutti a furia di istruzione, vuole insegnare il francese anche ai contadini; sembra un personaggio isterico e sbraitante della televisione d'oggi, un tuttologo spudorato, che a buttarlo in mezzo al letame continuerebbe a cianciare. Appartiene alla schiera dei rancorosi falliti; ce n'è uno in ogni romanzo di Dostoevskij, qui è eccezionalmente caricaturale e antipatico. Il libro è del 1859, anticipa le "Memorie del sottosuolo" e i suoi grandi più noti romanzi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti 2021-11-04 23:11:10 Kvothe
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Kvothe Opinione inserita da Kvothe    05 Novembre, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANTE RASPUTIN

È incredibile come esattamente 10 anni dopo la pubblicazione di questo romanzo umoristico nacque un mistico che diventerà molto famoso. Siamo in un paese sperduto della Russia di nome Pokrovskoe ed è qui che nacque il monaco, il sessuomane, l’empio, il fidato consigliere, il mistico, il manipolatore, Grigorij Efimovi? Rasputin (Novych). È uno di quei personaggi che ha spaccato letteralmente la Russia e che ne ha agevolato in maniera inconsapevole la nuova nascita a discapito di quella imperiale. Ma torniamo indietro di 10 anni da Dostoevskij e al suo romanzo. Considerato minore dai più ma molto amato dallo scrittore che lo considerava, con tutti i suoi difetti, il romanzo che più racconta al meglio l’anima russa appieno. Ci lavorò subito dopo la sua scarcerazione ed è il suo primo romanzo dopo l’incompiuto Neto?ka Nezvanova (che ho amato immensamente). Prima dei grandi capolavori che conoscono tutti e prima delle sue memorie dalla casa dei morti dove scrisse dei terribili giorni della prigionia.
Dostoevskij lavorò a quest'opera tra il 1857 e il 1858, concependola inizialmente come commedia teatrale (già dallo stile si nota questa cosa e credo avrebbe funzionato alla perfezione in teatro)
Qualche mese prima della pubblicazione, ne spiegò la genesi al fratello Michaìl:
«Questo romanzo, certo, ha gravissimi difetti [...] ma io sono convinto, come di un assioma, che esso abbia grandi pregi e che sia la mia migliore opera. L'ho scritto in due anni [...] L'inizio e la parte centrale sono stati elaborati con cura, il finale, invece, è stato scritto affrettatamente. Ma vi ho messo la mia anima, la mia carne, il mio sangue [...] in esso vi sono due grossissimi caratteri tipici, creati e studiati nel corso di cinque anni, elaborati (secondo me) alla perfezione, caratteri russi in tutto e per tutto e mai rappresentati finora nella letteratura russa.»

(Fëdor Dostoevskij)

Prima dei suoi grandi capolavori c’è lui: Il villaggio di Stepan?ikovo e i suoi abitanti. Siamo in un piccolo villaggio di tot anime che è uguale a tutti gli altri ma è qui che si districa una storia surreale, con un personaggio surreale. Fomà Fomì? Opiskin, un manipolatore che tiene le redini del villaggio in maniera astuta e subdola. Il Rasputin prima di Rasputin. È veramente affascinante ed inquietante come Rasputin venne descritto molti anni prima della sua comparsa ed affermazione nel mondo russo. Questo romanzo ad alcuni ha fatto ridere ma a me per niente, ho provato solo molto pietà nel leggere le scene descritte, mi è salita solo un enorme rabbia a leggerne le frasi. Non posso fare a meno di collegare questo personaggio efferato ai molti manipolatori presenti in tutto il mondo che avendo capito la psicologia umana hanno potuto compiere le peggiori atrocità uscendone puliti, e non solo. Con il loro carisma, la loro falsa faccia hanno tenuto in pugno le povere vittime; le hanno letteralmente piegate e assorbite. Già solo a pensare al documentario “rapita alla luce del sole” di netflix o “la ragazza nella scatola” ci fa capire la assurdità del mondo umano e di quanto queste persone hanno potere e controllo sulle menti delle persone, un potere sconfinato. Forse sembrerà azzardato collegare personaggi del mondo moderno con quelli storici ma la storia si ripete e le persone anche.
L'opera tra l’altro è stata citata da Leonardo Sciascia nel romanzo “Candido ovvero un sogno fatto in Sicilia! (1977), dove viene utilizzato l'epiteto Fomà Fomì? come offesa non capita da colui verso il quale è rivolta. (insulto molto pesante)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fëdor Dostoevskij ma da non iniziare come primo libro
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo