Narrativa straniera Classici I misteri di Udolpho
 

I misteri di Udolpho I misteri di Udolpho

I misteri di Udolpho

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Considerato l'archetipo del romanzo gotico, "I misteri di Udolpho" fu pubblicato nel 1794, anno dell'ascesa e della caduta di Robespierre. Sull'apparente struttura del racconto di formazione femminile, Ann Radcliffe modella un percorso attraverso gli spazi sublimi del terrore, nei quali l'eroina si smarrisce in una vertigine noir che la conduce oltre i limiti della ragione e della natura. Nella Francia del 1584 la giovane e sensibile Emily St. Aubert, rimasta orfana di entrambi i genitori, viene rinchiusa dalla zia Madame Cheron e dal suo compagno, il perverso zio Montoni, nel tenebroso castello di Udolpho, sugli Appennini. Solo dopo una convulsa serie di avvenimenti agghiaccianti Emily riesce a riacquistare la libertà e a ricongiungersi con il suo innamorato, Valancourt.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I misteri di Udolpho 2023-08-01 09:11:47 Erich28592
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Erich28592 Opinione inserita da Erich28592    01 Agosto, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un buon romanzo di formazione con tinte gotiche

La quarta di copertina dell’edizione in mio possesso dei Misteri di Udolpho ospita le seguenti parole: “Sull’apparente struttura del racconto di formazione femminile, Ann Radcliffe modella un percorso attraverso gli spazi sublimi del terrore, nei quali l’eroina si smarrisce in una vertigine noir che la conduce oltre i limiti della ragione e della natura”. Letta infine anche l’ultima delle 1025 pagine che danno corpo ai quattro “volumi” dell’Udolpho, mi permetto di dissentire, almeno in parte, con tale chiave di lettura.
Se dovessi affibbiare un'etichetta a quest’opera della Radcliffe, la descriverei certo come un bildungsroman, che qui è tutto fuorché “apparente struttura”. Il romanzo, infatti, è interamente e inequivocabilmente costruito attorno alla crescita e alla maturazione della sua protagonista, la diciassettenne Emily St. Aubert, che, cresciuta nella tranquilla casa di famiglia nella Linguadoca, una regione montuosa francese, si ritroverà quasi d’improvviso a dover fare i conti con le premature scomparse della madre prima e del padre poi. Rimasta orfana e affidata alle cure di M.me Cheron, l’algida e arrivista sorella del defunto padre, Emily sarà costretta ad abbandonare la propria casa e il proprio paese per seguire la zia in Italia, nel castello di Udolpho, dove sarà prigioniera dell’avido e crudele Montoni, “un uomo sui quarant’anni, bello di una bellezza piuttosto rara, dotato di lineamenti virili ed espressivi, ma sul cui viso in complesso si leggevano più l’alterigia del comando e la prontezza del discernimento che qualsiasi altra qualità”. Orfana dei propri genitori, della propria libertà, e dell’affetto del giovane e affascinante Valancourt, conosciuto durante l’ultimo viaggio affrontato con il padre, Emily cercherà di fuggire da Udolpho, che scoprirà però essere legato a doppio filo al passato della sua famiglia, un passato di cui ignorava l’esistenza. La giovane protagonista si troverà così a dover crescere e maturare nel corso della storia, venendo a cambiare, nel corso della medesima, i suoi stessi presupposti di vita, le sue certezze. Accanto ai suoi continui viaggi fisici, ella compirà un vero e proprio percorso di crescita interiore, riacquisendo infine controllo della propria vita e della propria serenità.
L’epopea della giovane Emily St. Aubert viene narrata dalla Radcliffe attraverso una prosa elegante e raffinata, seppur eccessivamente prolissa: sebbene i ritmi narrativi frenetici cui siamo abituati oggi, un’epoca in cui la nostra soglia di attenzione coincide con la durata di un reel di Instagram, non siano certo paragonabili a quelli del 1794, anno di pubblicazione dell’Udolpho, che al più faceva concorrenza, quale attività ricreativa per le giovani donne borghesi dell’epoca, al ricamo, le vicende in esso narrate avrebbero potuto essere tranquillamente narrate in quasi la metà delle pagine. L’eccessiva verbosità della Radcliffe, che si palesa soprattutto in interminabili sezioni descrittive e nella stucchevole dilatazione temporale delle interazioni tra i personaggi del racconto (in misura perfino superiore al gusto dell’epoca), costituiscono gli unici veri difetti di un romanzo di formazione capace di offrire al lettore un buon intreccio, protagonisti e comprimari ben caratterizzati, una prosa curata, descrizioni paesaggistiche suggestive, e perfino qualche interessante spunto di riflessione sulla natura umana, della quale l’autrice aveva certo una profonda comprensione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Papà Gambalunga
I misteri di Udolpho
Guerra
Il violino del pazzo
In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago