Narrativa straniera Classici Andrea o I ricongiunti
 

Andrea o I ricongiunti Andrea o I ricongiunti

Andrea o I ricongiunti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il giovane Andrea muove dalla sua Vienna verso la Venezia settecentesca, perché, là, «la gente è quasi sempre in maschera». Il lettore scoprirà gradualmente che questo viaggio educativo è un vero iter iniziatico. Dopo una prima rivelazione, durante il viaggio, dell’estasi e dell’infamia, Andrea si trova subito preso, a Venezia, in un quadrilatero di enigmi, di cui occuperà uno dei vertici, mentre sugli altri compariranno Sacramozo, il Cavaliere di Malta, intelletto platonico che regge le trame degli incontri, la cortigiana Mariquita, «una specie di turbine», e la dama Maria, volutamente separata dalla vita. Ognuno di questi personaggi è sdoppiato, ogni gesto appartiene all’insieme dei quattro e a nessuno, secondo le leggi di una alchimia che qui si presenta sotto specie di racconto. Il trasparente percorso rettilineo della prima parte si trasforma così in una immensa tavola del possibile: il tempo si blocca e balena istantanea l’immagine della totalità dove i personaggi, nelle loro forme distinte, si incontrano una volta per sempre, per diventare, come vuole il titolo, «i ricongiunti».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Andrea o I ricongiunti 2020-01-05 01:58:48 DanySanny
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    05 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Naufragio nei simboli

Hugo von Hofmannsthal è un classico dimenticato: celebre librettista e autore teatrale, la sua vita è intrecciata a quella di un altro grande artista, il musicista Richard Strauss cui sarà legato da un lungo sodalizio artistico, fatto di tensioni, ma anche di capolavori. Se la sua Elektra è celebre, meno noto, ma per molti un caposaldo della letteratura del Novecento, è questo suo romanzo, “Andrea o I ricongiunti”, libro cui Hofmannsthal si dedicò per più di vent’anni e che pure resta incompiuto.

In una Venezia proteiforme e illusoria, città delle maschere, in uno spazio ariostesco e ingannevole che continuamente accoglie e nutre metamorfosi alchemiche, Andrea, un giovane tedesco, è chiamato al più classico dei viaggi di formazione, a scoprire cioè nel luogo geometrico in cui i destini si incrociano, la sua propria natura. La prima metà del libro, una sessantina di pagine, è quanto di compiuto resta: una scrittura limpida e veloce, di elegante e penetrante acume, in cui i personaggi compaiono e scompaiono in una intricata foresta di simboli. Ecco, l’Andrea è certamente un romanzo di metafore, organizzato su una rigida impalcatura intellettuale e dunque niente di quello che compare è semplice forma, o meglio, nel suo essere soltanto forma “esaurisce il problema”, richiedendo al lettore uno sforzo interpretativo non indifferente. Questa pagine regalano anche una scena di indefinita bellezza in cui due donne, quasi spiriti evanescenti, l’una angelica e l’altra demoniaca, compaiono senza soluzione di continuo ad Andrea, incarnando, nella loro fatua consistenza e inestricabile doppiezza, il tema centrale di questo libro: il continuo trapassare da uno stato all’altro, la necessità di assimilare il negativo per raggiungere la sintesi del positivo. Dove però avrebbe condotto il romanzo, il lettore è costretto a leggerlo nella parte successiva, articolata in frammenti fulminanti e talora di notevole bellezza, e che pure mancano, nella loro inorganicità, la capacità di rendere il romanzo pienamente intellegibile. Neanche gli appunti, sempre frammentari, che seguono nell’edizione italiana, riescono a compensare uno sforzo di lettura che si fa quasi titanico. Quello che si intuisce è che il libro sarebbe dovuto essere non dico mastodontico, ma certo corposo e che solo in seguito si sarebbe arricchito di personaggi enigmatici e di filosofiche profondità. Al centro il quadrilatero costituito da Andrea, il Cavaliere di Malta (intelletto platonico, guida spirituale, super-Io), l’ambigua Maria/Mariquita, angelo apollineo della forma da un lato e forma informe del dionisiaco l’altro e Nina, virginale presenza capace di conciliare corpo e spirito. Ecco tutti questi personaggi non rappresentano forse che emanazioni di Andrea, parti della sua anima, schegge di essere e personalità da riassorbire per raggiungere a più alti livelli di comprensione. A voler vedere lo scopo ultimo del romanzo, l’Andrea è un libro di ascesi mistica che riassume e condensa, se pure in forma disarticolata, la ricerca hofmannsthliana sul senso dell’essere.

Resta da chiedersi perché, nonostante tutti gli anni al libro dedicati, l’autore non sia riuscito a concluderlo. Molti vedono l’incompiutezza dell’Andrea come una cifra di valore dello stesso, così come accade per le ultime sculture di Michelangelo, volutamente non finite. Hofmannsthal non riesce a chiudere il cerchio, non riesce a trovare il linguaggio per dire quanto sarebbe seguito, o almeno non riesce a trovare parole adatte a ricondurre questa sapienza mistica e violenta al placido e semitrasparente fiume della sua prosa. Eppure a me pare che questa incompiutezza pregiudichi, e anche di molto, il gusto della lettura e che questo libro, nel suo simbolismo esasperato e nella sua lucidità così intellettuale, perda la carica emotiva necessaria per essere davvero apprezzabile. E credo anche che l’incompiutezza dell’Andrea sia la spia di una incertezza dell’autore, che forse non aveva raggiunto, lui per primo, piena contezza di quanto era intenzionato a scrivere. Nonostante questo, si intuiscono sia la grandezza dello scrittore e sia l’ambizione del libro e non mi sento dunque di sconsigliarlo, perché altri potrebbero trovare invece, in loro, qualcosa di molto in linea con la ricerca di Andrea e del suo tentativo, titanico, di essere lui stesso lo spazio dei rincongiungimenti di tante parti in un solo spirito.
Un plauso alla nota di Gabriella Bemporad all’edizione Adelphi, che non solo traduce divinamente il libro, ma conduce il lettore a una più intima comprensione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri