Batard Batard

Batard

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


"Poiché Leclère odiava Bâtard di un odio esageratamente duro, lo acquistò e gli affibbiò il suo nome infame. E per cinque anni la coppia si avventurò attraverso le Terre del Nord. Fu così che si fecero la reputazione di cattivi irriducibili come mai prima si era detto di uomo e di cane.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Batard 2017-05-11 10:21:11 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leclère e Batard

Un odio puro, semplice e genuino è quello che lega Black Leclère, diavolo fatto persona, e “Batard”, un bastardo a quattro zampe. Eh si, perché per il francese, il canide non è altro che questo, il fatto che sia stato da tutti soprannominato “Stirpe dell’Inferno”, per lui non ha significato. La bestia è solo uno strumento, un oggetto da piegare alla propria volontà e ai propri bisogni. Peccato però che “Batard” non abbia la minima intenzione di abbassarsi ai desideri dell’umano che lo ha preso “in custodia”. Anzi. Sin dal primo momento manifesta con piccoli morsi la sua tempra, la sua tenacia.
Negli anni nascerà tra i due una lotta silenziosa, un conflitto ove nessuno alcuno ha intenzione di chinarsi all’altro. Potranno volare bastonate, soprusi e violenze di ogni tipo da parte dell’umano verso l’animale, ma mai quest’ultimo si piegherà così come mai si piegherà Leclère alle ripicche del cane. Quest’ultimo attenderà silenzioso il giorno della vendetta, qualsiasi sia il costo di questa non vi si sottrarrà. Dimostrerà al suo padrone che quel nomignolo, “Stirpe dell’inferno”, non era mero eufemismo, ma cruda e autentica verità.
Pubblicato per la prima volta nel 1902 come “Diable – A dog” su Cosmopolitan e di poi incluso in “The Faith of Men” (1904) con il titolo attuale, “Batard” è un testo acuto e rude, dove la violenza, la morte, la vendetta, l’odio, il rancore, l’orgoglio, sono i temi portanti.
Il racconto scorre rapido tra le mani del lettore che a più riprese si immedesima nella figura di questo segugio coraggioso e temprato. Consapevole di quel che muove l’uno e l’altro, l’avventuriero conoscitore è conquistato dalle parole di London, tanto che, senza quasi accorgersene si riscopre a conclusione dell’elaborato stesso. Poche pagine, forse, ma grandi e molteplici i contenuti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri