Narrativa straniera Classici Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull
 

Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull

Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La figura di Felix Krull haaccompagnato per quasi mezzo secolol'esperienza letteraria di Thomas Mann.Ispirato alle memorie del genialeavventuriero Manolescu, questo libronarra la turbolenta esistenza di unsingolare imbroglione che, grazie allasua estrema disinvoltura, riesceprogressivamente a inserirsi nel mondodella grande borghesia ottenendo unincredibile successo. Dotato dinotevole prestanza fisica unita a unanaturale eleganza, Felix Krull rimarràalla fine vittima compiacente dellapropria inesauribile fantasia, rivelandosinon tanto un volgare mistificatore,quanto piuttosto un esteta che esercital'inganno con gusto raffinatissimo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull 2016-02-07 12:07:14 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    07 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'esteta dell'inganno

Questo libro pubblicato incompiuto nel 1954, un anno prima della morte dell'autore, ha avuto una 'gestazione' lunghissima e, pare, controversa.
Venne iniziato nel 1910, più volte lasciato per la stesura di altre opere, nuovamente ripreso per essere di nuovo accantonato, quasi che il protagonista del romanzo non fosse così importante per l'autore da esigere un periodo di dedizione completa; d'altronde neanche tanto evanescente da essere definitivamente lasciato cadere nell'oblio.
Dopo oltre un quarantennio di alterne attenzioni, il testo vide la pubblicazione come opera incompiuta: lo si percepisce chiaramente dai tanti rimandi a situazioni previste successivamente ma mai redatte, anche se una conclusione posticcia ce l'ha, certamente non un'idea grandiosa.

Chi ha ammirato Thomas Mann nei bellissimi romanzi "I Buddenbrook" e "La montagna incantata" non si aspetti qui i livelli di affascinante scrittura e di creatività là incontrati.
Per la verità, c'è uno stile comunque ragguardevole; è piuttosto la vicenda narrata a mostrare carenze.
Lo scrittore pare abbia tratto ispirazione da un libro di memorie, pubblicato in lingua tedesca nel 1905, da un avventuriero rumeno il quale, simulando un'identità di aristocratico, frequentava alberghi di lusso e rinomati stabilimenti termali europei, praticando la truffa e il furto di gioielli.

T. Mann segue il proprio protagonista dalla sfortunata infanzia fino alla giovinezza, facendone un individuo di innata eleganza, bello e desideroso di scalare la società, anche a costo di rischiosi compromessi.
A mio avviso, questo romanzo incompiuto è collocabile, per impronta culturale, non nel periodo in cui è stato pubblicato, quanto piuttosto nell'epoca che ne vide l'abbozzo di progetto, fra i cascami del Decadentismo al tramonto e della Belle Epoque.
Il personaggio, infatti, può essere colto come potenziale esteta che esercita l'inganno con gusto elegante e raffinato, capace di captare ogni stimolo culturale ovunque gli capiti.
Nei pregiati alberghi frequentati dall'autore, quando la Grande Guerra già si avvicinava ma nessuno pareva avvedersene, forse non era improbabile imbattersi in qualcuno del genere, mescolato fra i tanti ospiti, tutti coi loro bauli di raffinatezze al seguito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
solo a chi abbia letto altri libri dell'autore
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri