Narrativa straniera Classici Dio ha misurato il tuo regno
 

Dio ha misurato il tuo regno Dio ha misurato il tuo regno

Dio ha misurato il tuo regno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nell'Ungheria di inizio novecento le crisi politiche si succedono: l'equilibrio della monarchia austroungarica è sempre più precario, l'instabilità sta portando il Paese al collasso e l'aristocrazia, che fino ad allora ha retto i destini dello Stato, dimostra tutta la sua inettitudine. Attraverso gli occhi dei tre protagonisti (il giovane conte Bàlint Abàdy, che è appena tornato da una missione diplomatica all'estero per assumere un ruolo di alta responsabilità politica; suo cugino Làszlo Gyeroffy, un artista promettente; e la sua amica Adrienne Miloth, una sposa infelice) il romanzo rivela al lettore gli avvenimenti politici e sociali che portarono alla caduta dell'Impero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dio ha misurato il tuo regno 2013-06-23 15:02:55 paolaviolaviolante
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da paolaviolaviolante    23 Giugno, 2013

Dio ha misurato il tuo regno tre anni dopo

Ancora oggi, a distanza di tre anni, rammento di tanto in tanto alcune fascinose descrizioni d'interni e di meravigliosi scenari naturali ungheresi. Mi ricordo assai meno della storia che in alcuni punti si trascina
troppo lentamente e inconcludentemente, ciò è dovuto anche alla volontà dell'autore di regalarci una storia di decadenza e inconcludenza che evidentemente si esprime in questo suo ritmo lento e rarefatto.
Tocca comunque altissimi livelli stilistici ed estetici. E' stata una lettura appagante e una scoperta di un grandissimo autore del novecento mitteleuropeo.
Trovo molto grave (ma forse non conosco i motivi veri) che l'editore , distanza di tre anni, non sia riuscito a completare la pubblicazione della trilogia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dio ha misurato il tuo regno 2011-04-05 23:44:42 Gigliola
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Gigliola    06 Aprile, 2011

Dio ha misurato il tuo regno

E' un libro degno della migliore letteratura europea, l'ho comprato quasi per caso, anzi mi aveva talmente affascinato la storia che ho preso tutta la trilogia. Ha una capacità narrativa sapiente senza dimenticare le sue pagine descrittive, ha ragione chi ha commentato prima di me quando parla di "architettura sorvegliatissima e di un'efficacia straordinaria". Insomma è stata una scoperta piacevolissima, da leggere assolutamente

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Dio ha misurato il tuo regno 2010-06-10 08:49:03 Vittorio Mascherpa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Vittorio Mascherpa    10 Giugno, 2010

Un capolavoro, e una speranza

In tre giorni e mezzo ne ho divorato oltre cinquecento pagine, pur leggendolo solo alla sera e al risveglio.

Un impressione enorme, come non provavo dalla lettura di Balzac o di 'uerra e pace'; un'archittetura sorvegliatissima e d'un'efficacia straordinaria, come nel 'Trovatore' e nella 'Sesta' 'o nella 'Nona' di Mahler; una capacità davvero verdiana o mahleriana d'imprimere nella memoria del lettore motivi e figure (e sí che, necessariamente, lo leggo in traduzione, seppure ottima). Purtroppo mi domina anche l'idea di rivivere la stessa epoca (eleganza a parte...): per la totale inettitudine che vediamo intorno a noi nell'affrontare i problemi reali, per la sensazione di danza sul vulcano che romba.

Come sovrintendente dei Teatri di Stato ungheresi dal 1913 al 1918, si devono alla determinazione dell'Autore le prime esecuzioni dei bartokiani 'Principe intagliato nel legno' e 'Castello di Barbablú'. L'approfondita conoscenza che l'Autore ha della musica traspare non solo dall'architettura dell'insieme.

La speranza: che l'Editore realizzi sollecitamente anche la traduzione delle due parti successive di questa 'Storia transilvana'.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri