Narrativa straniera Classici Fiorirà l'aspidistra
 

Fiorirà l'aspidistra Fiorirà l'aspidistra

Fiorirà l'aspidistra

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Londra, anni Trenta. Il giovane Gordon Comstock coltiva ambizioni letterarie e, per mantenersi, fa il commesso in libreria. Figlio della piccola borghesia britannica, si ribella alla morale della sua classe: il rifiuto della rispettabilità e del mito del "buon posto" gli fa intraprendere una vera e propria discesa agli inferi. Per affermare i diritti della poesia contro il mondo dominato dal denaro, vive in solitudine, povertà e squallore, macerandosi nel vittimismo e nella frustrazione. Fino a che una notizia inaspettata segna la sua "resurrezione", o forse la resa al sogno di una casa con le tendine ricamate e una pianta di aspidistra alla finestra.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fiorirà l'aspidistra 2020-07-06 08:14:51 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    06 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dio quattrino

È pazzesco pensare che questo romanzo sia semi-autobiografico, e che un personaggio a tratti davvero odioso e autodistruttivo come Gordon Comstock possa essere l’alter ego di George Orwell.
In “Fiorirà l'aspidistra" siamo ben lontani dalle distopie e allegorie presenti nelle opere più
famose dell’autore, eppure permane quella critica aspra alla società che, mentre in "1984"
e “La fattoria degli animali" ci viene presentata sotto altre vesti, qui viene criticata chiamandola per nome e senza mezzi termini. Sotto accusa c'e soprattutto il "dio quattrino”, e dunque il sistema capitalistico; non è un segreto, infatti, che Orwell fosse un socialista.
Il protagonista di questo romanzo ingaggia una spaventosa lotta contro il sistema, costringendo sé stesso alla fame per portare avanti la sua battaglia contro il sacrificio della vita umana sull’altare del denaro. Gordon Comstock dichiara guerra al “Buon Posto" di lavoro, al Fare Bene, al prestigio che è solo frutto della classe sociale… e alle aspidistre (piante che nelle case inglesi sono simbolo d'una dimora rispettabile). In nome di questi ideali, rifiutando qualunque compromesso, Gordon molla un buon posto nel campo pubblicitario pur essendo molto capace, e accetta un lavoro mal pagato come commesso di libreria,. Nel frattempo, nella sua stanzetta lurida e desolata, scrive poesie per le quali nutre ben poche speranze. Ma lui è testardo e continua a lottare, rifiutando qualsiasi aiuto, e pur di mantenere l'integrità rischia di perdere l'amore di Rosemary, una donna dolcissima che già per il semplice fatto di sopportare le sue fisime andrebbe santificata. Anche quando una delle sue poesie gli frutta un cospicuo guadagno, Gordon lo scialacqua in maniera insensata, lasciando allibiti sia i personaggi che il lettore. Insomma, Gordon Comstock è un personaggio odioso e spero davvero che Orwell non gli somigliasse poi così tanto, pur avendo scritto il romanzo descrivendo un periodo difficile della sua vita.
A parte tutto, il personaggio è potente come pochi, capace di bucare le pagine. È interessante assistere al suo mutamento, che ha inizio con un importante evento che gli travolge la vita e, sulla soglia dei trent'anni, lo costringe a crescere e a mollare quella battaglia forse giusta negli ideali ma impossibile da portare avanti nella pratica, ché non porta altro che miseria e sofferenza. È forse una lotta, come dice lo stesso Gordon, in cui tutti alla fine si arrendono, «lui aveva resistito nella sua rivolta un po' più a lungo della maggioranza, e questo era tutto. E che fiasco era stata quella rivolta!»
Ingaggiare una lotta solitaria contro le radici del mondo, non può portare che alla miseria e al fallimento. Il mondo sarà sempre sbagliato, mai del tutto come lo vorremmo. Certo, ha senso lottare per cambiarlo in quei luoghi in cui quel mondo ti costringe a una miseria peggiore di quella che avresti opponendoti a lui, e anche in quel caso la lotta non dovrà mai essere solitaria, o portata avanti da una manciata di uomini. Ma nelle società in cui il compromesso è possibile, quest'ultimo è l'unica scelta sensata. Gordon Comstock è l’uomo del sottosuolo in versione Orwelliana, un uomo che odia la società e vorrebbe non aver nulla a che fare con essa, ma allo stesso tempo ne brama segretamente le gioie. Quei compromessi necessari lo ripugnano e attirano al tempo stesso, e per non cedere non vorrà fare altro che sprofondare in una condizione sub-umana, in cui tutto è torpore e i sensi sono annebbiati al
punto che ogni desiderio è impossibile.
Un gran romanzo, per quanto mi riguarda, seppure le azioni di Gordon possano apparire davvero folli e portare il lettore a considerarlo con profonda antipatia.

“Senza rimpianti, quasi intenzionalmente, si lasciava andare a pezzi. In fondo a tutti i suoi sentimenti si nascondeva un astioso malumore, uno je m’en fous alla faccia del mondo intero. La vita lo aveva battuto; ma tu puoi ancora prenderti la rivincita sulla vita, voltandole le spalle. Meglio sprofondare che salire. Giù, sempre più giù, sempre più in basso, nel regno spettrale, in quel mondo d’ombre dove vergogna, sforzo, decoro non esistono!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri