I duellanti I duellanti

I duellanti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


«Ho cercato di infondergli un po' dello spirito dell'epoca. Fra i miei antenati, ho avuto due ufficiali di Napoleone: un mio prozio materno e il nonno paterno. Si tratta dunque quasi di un affare di famiglia»: così scriveva Joseph Conrad ad un amico a proposito di questo lungo racconto, raccolto insieme ad altri cinque nel 1908 sotto il titolo di A Set of Six (Un gruppo di sei); 'un racconto militare' - come recita il sottotitolo - che prese spunto da una serie di conversazioni che lo scrittore ebbe a Montpellier con un ufficiale di artiglieria. Se, come è stato osservato, si tratta del racconto forse meno conradiano fra quelli del grande scrittore, è pure vero che anche in quest'opera la grande arte di Conrad si svela in tutta la sua potenza, e proprio nel reiterarsi quasi imponderabile del conflitto che mette di fronte i due protagonisti della vicenda, l'aristocratico D'Hubert e l'impetuoso Feraud, nell'ambito del ben più vasto conflitto delle guerre napoleoniche. Si è giustamente sottolineato come il senso dell'onore sia al centro della vicenda; e tuttavia c'è un aspetto non meno importante, e forse preponderante, da richiamare, e cioè l'assoluta inconsistenza dei fatti da cui tutto trae origine, ma che non vale a scongiurare l'ineluttabilità della sorte che i due contendenti si trovano ad affrontare. Ed è forse questo l'aspetto più conradiano dell'intera narrazione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I duellanti 2019-03-01 18:48:48 Cathy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    01 Marzo, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Frammenti di storia

Profondamente affascinato dall’età napoleonica, Joseph Conrad tenta per tutta la vita di scrivere un grande romanzo storico ambientato nei primi anni dell’Ottocento, sul modello delle opere di Stendhal e di Tolstoj. Il primo di questi tentativi è forse anche il più riuscito: si tratta del breve romanzo – o lungo racconto – Il duello, pubblicato nel 1908. Ispirato ad un fatto realmente accaduto, esso non racconta la “grande storia” di Napoleone, delle sue battaglie, delle sue vittorie e delle sue sconfitte, ma la curiosa vicenda del lungo duello tra due ufficiali di cavalleria dell’armée, Feraud e D’Hubert, che per motivi apparentemente assurdi si scontrano per cinque volte tra il 1801 e il 1817. E la “grande storia” resta sullo sfondo, appena accennata: la pace di Amiens e l’invasione dell’Hannover non sono citate direttamente, le battaglie di Austerlitz, Jena, Eylau, Friedland, Borodino sono soltanto nominate, la guerra in Spagna descritta con pochi, rapidi tocchi, come veri e proprio barlumi di storia. Solo alla disastrosa campagna di Russia è dedicata qualche pagina.
Tuttavia secondo Mario Domenichelli, curatore di una recente ed ottima edizione del romanzo pubblicata da Marsilio, il duello tra Feraud e D’Hubert è un frammento che racconta per metonimia l’intero di cui esso è parte: da un lato l’intera epopea napoleonica – fin dal principio, infatti, il duello tra i due ufficiali è paragonato al lungo “duello” che contrappone Napoleone all’Europa intera (lo stesso Feraud afferma che «la guerra non è altro che un groviglio di scontri individuali, una specie di duello di massa») – e dall’altro il conflitto di classe, che era una frequente causa di duello all’interno dell’armata napoleonica, soprattutto tra i nobili dell’Ancien régime, rientrati in patria dopo la rivoluzione, e i borghesi e i popolani che per la prima volta possono aspirare ad ascese incredibili nell’esercito.
La vera causa dello scontro che oppone i contendenti, sebbene mai esplicitata, non è tanto l’orgoglio ferito di Feraud, offeso poiché D’Hubert è venuto ad arrestarlo nel salotto di una dama con l’accusa di aver ferito un civile, ma il rancore sociale che oppone l’umile Feraud, figlio di un fabbro, all’aristocratico D’Hubert. Il tema del doppio, molto presente nella narrativa conradiana, trova qui espressione nella perfetta contrapposizione dei due contendenti, che sono l’uno esatto opposto dell’altro: D’Hubert biondo, aristocratico, di origini normanne, razionale, freddo, tradizionalista; Feraud bruno, plebeo, guascone, istintivo, focoso, rivoluzionario. Essi incarnano la contrapposizione tra istinto e razionalità che l’uomo deve superare al principio dell’età adulta, tra la giovinezza, con la sua sete di gloria e il furore dei campi di battaglia, e la quiete riflessiva della maturità, ma soprattutto sono emblematici dello scontro fra due epoche storiche, fra età rivoluzionaria e Restaurazione, fra il mondo dei parvenu figli del 1789 e quello della vecchia aristocrazia, conservatrice e sostenitrice di antichi valori.
La storia, però, ha già decretato il vincitore e il folle ed estenuante duello tra Feraud e D’Hubert si conclude con il trionfo del vecchio ordine restaurato, dei vecchi valori, della ragione, in breve con la vittoria della sobrietà e della maturità sul giovanile furore guerriero che per vent’anni ha incendiato i campi di battaglia di tutta Europa. Allo sconfitto Feraud è concesso di vivere, ma vivrà come un’ombra di se stesso, in esilio, privato dell’unica condizione di vita che abbia mai conosciuto, la guerra, incredulo davanti allo spettacolo per lui incomprensibile e sconvolgente di un mondo in pace, simile al suo amatissimo Imperatore relegato nella remota Sant’Elena.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Guerra e pace e La Certosa di Parma
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

I duellanti 2017-07-28 20:31:39 pierpaolo valfrè
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
pierpaolo valfrè Opinione inserita da pierpaolo valfrè    28 Luglio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per dare un senso a ciò che un senso non ce l'ha

L’insensatezza delle passioni che offusca la vista e fa precipitare verso il baratro. L’inconsapevole pulsione autodistruttiva che inspiegabilmente attrae e soggioga l’anima. La trappola dell’orgoglio, dell’onore, dei codici e delle convenzioni che impediscono di fermare la corsa verso la catastrofe, anche quando essa è sempre più evidente. La salvezza non è in noi ma negli altri e può arrivare solo se abbiamo la fortuna di guardare oltre e di cogliere lo sguardo d’amore posato su di noi.

“Il generale D’Hubert ebbe il secondo di tempo necessario per ricordare che egli aveva temuto lo spettro della morte non come uomo, ma come amante; non come un pericolo, ma come un rivale; non come un nemico della vita, ma come un ostacolo al suo matrimonio.”

Come in tutte le opere di Conrad, anche questo lungo racconto o romanzo breve (130 pagine) è pervaso dal mal di vivere. Pur mancando l’atmosfera dei mari esotici e delle terre lontane (siamo in Europa durante l’ascesa e caduta di Napoleone), ritroviamo la stessa febbre, la stessa corsa verso l’abisso, la stessa lotta contro lo spirito animale nascosto nelle nostre viscere e che vuole nutrirsi del nostro stesso sangue.

Non ingannino le differenze sociali, perché in modi diversi si tratta di una febbre che colpisce tutti, l’aristocratico, settentrionale e ben educato D’Hubert, come l’irruento, “terrone” e plebeo Feraud. Non conta chi ha provocato e chi non ha saputo resistere alle provocazioni: l’uno ha bisogno dell’altro per sentirsi vivo e... per dare un senso a ciò che un senso non ce l’ha.

Semmai il diverso ambiente e le diverse risorse economiche e culturali consentono una diversa gestione di queste pulsioni, conducendo infine a sbocchi diversi.

Leggere Conrad non è mai stato piacevole per me, e questo basta per non annoverarlo tra i miei preferiti, eppure sono attratto dalle sue opere con la stesso insensato gusto per il male che domina i protagonisti delle sue storie.

“I duellanti”, è ispirato ad un articolo pubblicato su un giornale, nel quale si ricordava la vicenda di due ufficiali napoleonici che nel corso di vent’anni si sfidarono a duello svariate volte per futili motivi, che rimasero avvolti nel mistero.

Nel 1977 Ridley Scott ci ha girato un film cupo e tenebroso, che tiene lo spettatore incollato alla sedia, interpretato da Harvey Keitel (Feraud) e Keith Carradine (D’Hubert) sostanzialmente fedele al romanzo ma tutto focalizzato sulla virile contrapposizione tra i due personaggi e sul parallelismo con la rapida ascesa e caduta del parvenu di Ajaccio, escludendo gli aspetti che, soprattutto nel finale, rendono l’opera di Conrad un po’ più ricca e poliedrica.

2017 -1977 (film) - 1907 ((romanzo): per chi sente il fascino degli anniversari, un'occasione perfetta per celebrare i 40 anni del film e i 110 del libro. Poi magari potete giudicare quale dei due è più in forma... :-)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altre opere dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri