Narrativa straniera Classici I turbamenti del giovane Torless
 

I turbamenti del giovane Torless I turbamenti del giovane Torless

I turbamenti del giovane Torless

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice
Scritto nel 1906 e considerato il romanzo di esordio di Musil, la storia, di ispirazione autobiografica, narra attraverso crudi episodi sadomasochistici e avventure intellettuali, il momento di passaggio dall'adolescenza alla virilità nella crisi della società mitteleuropea. Come scrisse lo stesso Musil, in quest'opera risiede la chiave dell'"Uomo senza qualità": l'assenza di sentimento, di morale e di "esperienze" di Törless, lo rende nostalgico, vuoto. Parabola di profonda attualità, nei tratti psicologici del giovane protagonista si delinea il fiero e consapevole rifiuto di un patrimonio di valori svalutato, paragonabile al vuoto "ideologico" e alla noia esistenziale di molti giovani di oggi.


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I turbamenti del giovane Torless 2017-12-06 15:59:51 fabio_mancini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
fabio_mancini Opinione inserita da fabio_mancini    06 Dicembre, 2017
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Introspettivo quanto basta.

I turbamenti dell’allievo Torless

Leggere le pagine di Robert Musil, significa entrare da una porta aperta lasciata dall’autore, e spingersi nel groviglio di sensazioni, emozioni, pensieri del protagonista, condividendone l’intimo smarrimento morale.
Il testo è autobiografico, in quanto l’autore trae spunto dall’esperienza vissuta all’interno di un collegio militare austriaco, dove la rigidità delle regole, l’austerità alimentare e l’impegno assiduo nello studio, lasciava poco spazio alla fantasia e al sentimentalismo.
Musil pubblica questo testo nel 1906 non ancora ventiseienne, e già all’esordio come scrittore, desta scalpore. Il libro narra la vicenda di tra giovani che scoprono l’autore di un furto ai danni di uno dei tre e da quel momento in poi, il ladro diventa la loro vittima.
Su Basini, Torless, Reiting e Beinberg utilizzano la minaccia della denuncia come arma di ricatto e in breve tempo Basini viene usato per sfogare la crudeltà e la frustrazione dei tre (spesso il ladro viene malmenato e torturato senza ragione) fino ad essere trasformato nell’amante femminile di ciascuno, mentre il suo corpo diventa il campo delle loro nebulose e sconclusionate ricerche.
Torless pur essendo il meno violento del gruppo è quello che è più motivatamente è spinto da un desiderio di vivisezione psichica, al punto che all’ignaro Basini, chiede: “cos’è che provi quando ti tormento? Forse qualcosa si spezza dentro di te?”. Il povero ladro si lamenta della sua condizione, ma non riesce a dare una risposta.
Poi, quando Basini viene espulso dall’istituto e i tre seviziatori affermano di aver tentato inutilmente di riabilitarlo, tacendo sulle violenze e sulle molestie sessuali inflitte al compagno, Torless tra sé pensa: “se mi avessero chiesto perché hai maltrattato Basini? Non avrei potuto rispondere. O meglio, perché mi interessava il mio processo mentale”.
In questo processo di parziale consapevolezza e di domande senza risposta, emerge l’influenza di Nietzsche sull’autore, in merito alla teoria del super uomo, quando Torless sostiene: “ho l’obbligo verso me stesso di imparare giorno dopo giorno, servendomi di lui (Basini) che l’esistenza umana in sé non significa nulla – è una schietta e beffarda apparenza”.
Infatti, tutta la narrazione è completamente depurata da influenze sentimentali e religiose. I personaggi che entrano in contatto con Torless sono privi di pietà e spesso l’aspetto immateriale o a – razionale è completamente assorbito dalla ricerca scientifica e dalla speculazione filosofica; la fragilità degli egoismi e dei personalismi dei protagonisti ha gioco facile sull’amicizia, sulla gratuità, sulla trasparenza e la benevolenza dei sentimenti.
Musil in qualche modo anticipa la realtà dei nostri giorni, la sensualità che i suoi personaggi vivono è pianificata ed egoistica, la sessualità invece di essere un dono per l’altro, diventa la fredda espressione sacrificale di se stessi, l’impalpabilità psicologica dei protagonisti è alimentata dall’affannosa ricerca di sé e dall’insensibilità per il dolore altrui.
Quello che accade al povero Basini è ciò che accade oggi a coloro che non hanno la forza di difendersi, a quelli che non trovano la lucidità per intuire i perversi piani dei cinici, dei violenti e di quelli che non hanno scrupoli.
Le pagine del libro scorrono lente per la complessità e l’introspezione dell’autore, ma il fascino c’è tutto! Suggerisco la lettura del testo soprattutto per coloro che desiderano inoltrarsi nel capolavoro letterario di Musil: un uomo senza qualità, considerato una pietra miliare della letteratura mondiale di tutti i tempi.
Fabio Mancini.


.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
I turbamenti del giovane Torless 2015-06-06 09:34:28 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Giugno, 2015
Ultimo aggiornamento: 08 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“In solitudine tutto è permesso”

Ne “I turbamenti del giovane Törless” Robert Musil rappresenta la carica oscura e per certi versi turpe che sostiene la crescita sentimentale ed emotiva in quella fase della vita – l’adolescenza – che è oggetto d’attenzione dei cosiddetti romanzi di formazione.
La storia si svolge in un prestigioso collegio asburgico, ove il protagonista vive il dramma della temporanea separazione dai genitori in balia dei tumulti interiori, emozionali e intellettuali, e sotto il giogo delle dinamiche collettive che si scatenano nella prima esperienza totalizzante di vita consortile (“La notte però la gelosia con cui sorvegliava Reiting e Beineberg non lo lasciava dormire”).
Nonostante la personalità complessa e cerebrale (“Considerava inevitabile che una persona con una vita intima ricca e variata avesse dei momenti di cui gli altri non dovevano saper nulla, e ricordi da tenere in ripostigli segreti”), il giovane Törless partecipa alle intemperanze dei compagni, dapprima con animo contrastato frequentando una prostituta(“Törless divorava Božena con gli occhi, e nello stesso tempo non poteva togliersi dalla mente sua madre”), poi soggiacendo alle sottili insidie che gli esemplari dominanti - Beineberg e Reiting- continuamente tendono ai danni del più debole Basini (“Basini non era che un sostituto, un oggetto provvisorio del suo desiderio”), vittima di ricatti crudeli e pericolosi.

In questo campo di forze contrapposte(“Nel dormitorio si udiva soltanto il respiro tranquillo e regolare dei ragazzi…”), l’adolescente si dibatte tra i problemi filosofici (“L’infinito… in quella parola v’era qualcosa di terribilmente inquietante… un concetto addomesticato… e adesso ad un tratto si era scatenato”) e matematici (“L’idea dell’irrazionale, dell’immaginario, le linee che sono parallele eppure s’incontrano nell’infinito, dunque s’incontrano, in qualche luogo, semplicemente mi sconvolge!”), sperimentando la potenza dell’irrazionale che esplode con la complicità del luogo (“Non per la seduzione a cui era soggiaciuto – negli istituti non è cosa tanto rara”) e delle situazioni (“Törless ascoltava il respiro dei dormienti. C’era quello di Beineberg, quello di Reiting, quello di Basini: ma come distinguerli?”). Nel segreto di un solaio si celebrano così le torbide sedute nelle quali le personalità in formazione sperimentano spietatamente il gusto del predominio (“E come pensi di fare a impadronirti della tua anima?”) portato all’eccesso nella sopraffazione (“Morire non ci è alieno come tu credi. Moriamo ogni giorno, nel sonno profondo, senza sogni”).

La parte più interessante del romanzo, insieme alla descrizione fenomenologica dei turbamenti, è la reazione che Törless oppone alle imposizioni del branco, contrapponendo il proprio spirito (“Era la tenerezza mista a malinconia che noi sentiamo verso un passato conchiuso, quando nell’ombra delicata e pallida che ne emerge, con le mani colme di fiori mortuari, riscopriamo dimenticate somiglianze con noi stessi”) alla violenza, fisica e psicologica, e individuando per autodeterminazione la strada da percorrere per transitare verso la vita critica.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ragazzo da parete
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
I turbamenti del giovane Torless 2015-04-29 03:56:10 siti
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    29 Aprile, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un ponte per "L'uomo senza qualità"

L’esordio narrativo di Musil, datato 1906, riflette la giovane età dell’autore, nato nel 1880, e ancor di più il suo percorso formativo; dopo aver compiuto gli studi liceali in un collegio militare ed essersi laureato in ingegneria meccanica, nel 1908 conseguì la seconda laurea in filosofia e psicologia.
L’ opera ha come protagonista un adolescente intelligente e sensibile che frequenta un esclusivo collegio militare- si nutre quindi di elementi autobiografici - e oltre a consegnarci indirettamente il ritratto morale di un’epoca di passaggio, edulcorata dal perbenismo di facciata del vecchio impero austro-ungarico, in trenta brevi capitoletti alterna una trama esile a una serie di riflessioni di ordine morale, filosofico, religioso.
La storia è quella di un ragazzo contorto, ovvero turbato intimamente, che con fine introspezione analizza se stesso, gli aspetti più intimi del suo essere, del suo sentire, del suo percepire, allentando gli schemi preconfezionati che la morale borghese, ipocrita, gli aveva confezionato. Lo stesso Musil visse una famiglia anomala e allargata che ruotava intorno alla madre circondata da due uomini, il padre dell’autore e l’amante tollerato e incluso in ambito familiare, l’amico di un triste triangolo.
In collegio Il giovane allievo segue due giovani, Beineberg e Reiting, pupilli di importanti famiglie, i quali mostreranno delle nature molto particolari coinvolgendo Törless in una situazione complessa.
Classismo, indifferenza, violenza, noia si alternano a motivazione di comportamenti disdicevoli sempre allusi e mai esplicitamente rappresentati che sfoceranno in veri e propri soprusi a sfondo sessuale. Lo stesso Musil chiamò la scuola da lui frequentata “l’ano del diavolo”, Rilke , prima di lui, l’aveva già definita l”ABC dell’orrore”.
In realtà non c’è rappresentazione diretta della crisi generazionale così efficacemente e poeticamente rappresentata da Roth e questo per me è stato motivo di profonda delusione, vi è però in nuce quel senso di inquietudine e di impotenza dell’uomo contemporaneo che farà tanta fortuna letteraria da lui in poi.
Possiede infine , questa scrittura, la capacità di suggestionare attraverso la rappresentazione delle ambientazioni, degli ambienti, dei luoghi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
o a chi voglia approcciare Musil
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La cercatrice di corallo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Parlarne tra amici
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Sorprendimi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini che restano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita riflessa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In
In
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Davanti agli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sera a Roma
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lo spirito della fantascienza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hotel Silence
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La grande truffa
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il diavolo nel cassetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri