Narrativa straniera Classici Il ladro di cadaveri
 

Il ladro di cadaveri Il ladro di cadaveri

Il ladro di cadaveri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un racconto del Robert Louis Stevenson più gotico e oscuro viene riscoperto e proposto in occasione dell'uscita al cinema dell'ultimo film di John Landis, "Burke & Hare", a esso ispirato. MacFarlane e Fettes si occupano di ricevere i cadaveri destinati al sezionamento a nome del famoso professore di anatomia Robert Knox. Un giorno, Fettes identifica in una delle salme una donna di sua conoscenza, e si convince che sia stata assassinata. MacFarlane lo persuade a non denunciare il fatto, ma entrambi finiranno presto per sporcarsi le mani, con compiti sempre più complicati e inquietanti. Completa l'opera "The Merry Men", la cui vicenda ruota attorno ad alcuni dei temi più cari all'immaginario di Stevenson: naufragi, tesori maledetti e follia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ladro di cadaveri 2014-05-07 13:44:43 AlexisKami
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
AlexisKami Opinione inserita da AlexisKami    07 Mag, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Allegri Compari

Finito di leggere giusto ieri sera.
Dunque, i due racconti secondo me possono essere simili o almeno ricordare due altre famose storie di Stevenson.
In questo caso, il primo racconto "il ladro di cadaveri" a me ha ricordato molto "lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" (che adoro, per inciso), mentre invece il secondo racconto "gli allegri compari", molto più lungo del primo e articolato in vari capitoli, ricorda decisamente "L'isola del tesoro".
Con questo non voglio dire che siano brutte copie, anzi.
Il mio preferito è senza dubbio "gli allegri compari" perchè Stevenson riesce a creare un'ambientazione unica, racconta la tempesta, il mare agitato, queste scogliere impervie in un modo accattivante, tanto da sentir quasi il fragore delle onde mentre si legge.
Il primo racconto invece non mi ha detto moltissimo, devo essere sincera. Non è molto spaventoso o affascinante, tuttavia colpisce che sia tratto da un fatto di cronaca dell'epoca.
Consigliato quindi a chi ama Stevenson.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'isola del tesoro
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ladro di cadaveri 2014-03-07 11:44:03 LittleDorrit
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    07 Marzo, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stevenson mania....

Stevenson, autore scozzese del periodo tardo vittoriano, nella sua carriera di scrittore ha avuto l'abilità di sapersi destreggiare attraverso generi letterari disparati senza mai perdere il talento del grande narratore.
Il suo stile cattura il lettore e lo trascina con sé alla ricerca di tesori perduti e relitti di navi, incitandolo ad affrontare fredde e nebbiose notti londinesi a caccia del doppio demoniaco, per poi fargli raggiungere la pace in qualche luogo esotico e remoto del globo spennellato dai caldi colori del tramonto.
Tempo e spazio, quindi.
Due costanti che in Stevenson fanno la differenza.
In questa bilancia oscillante, lo scrittore non dimentica di lasciar trasparire le ombre "spettrali" dell'animo umano.
Ed è precisamente quello che accade in questi racconti dove il gotico e l'avventuroso la fanno da padroni.
"Il ladro di cadaveri", che dà il nome al libro, sviluppa una storia inquietante legata ad un fatto di cronaca realmente accaduto nella Londra ottocentesca.
Quattro uomini sono soliti incontrarsi ogni sera al George, un pub nella città di Debenham, per bere e fare conversazione.
Tra loro c'è Fettes, uno scozzese costantemente alticcio ma colto e benestante. Una fredda sera d'inverno al pub transita un facoltoso medico londinese di nome Macfarlane. Fettes, annebbiato dai fumi dell'alcol, all'udire dal proprietario del locale quel nome, si riscuote dal torpore entrando in un crescente stato di agitazione.
Un misterioso passato sembra legarlo a quell'uomo.
I compagni di bevuta non ci vedono chiaro e ne discutono fra loro fino a tarda notte. Si fanno supposizioni e alla fine si delinea una storia, macabra e dal cattivo presagio, che non voglio anticipare per non incappare in inevitabili spoiler.
" Gli allegri compari", il secondo racconto, è di più ampio respiro e narra una vicenda che vede come protagonista un giovane universitario, Charles, che va a trascorrere le vacanze dallo zio Gordon ad Aros, nella parte nord occidentale della Scozia dove enormi rocce sovrastano il mare della baia e i flutti che si infrangono su di esse con violenza vengono chiamati " the merry man" -allegri compari- proprio perché il rumore che ne deriva ricorda "risate fantasma" di marinai che hanno perso la vita in quelle terribili acque.
Charles, però, ha anche un altro scopo; innamorato della cugina Mary Ellen, figlia di suo zio, vuole trovare fortuna per riscattare se stesso e il nome della sua modesta famiglia attraverso il recupero di un tesoro perduto di un vascello spagnolo affondato proprio nella baia dove sorge la casa di suo zio. Ma, nonostante i buoni propositi, verrà investito da una storia torbida che vede come principale protagonista il "folle zio Gordon".
Racconti affascinanti per ambientazione e originalità (tenendo conto dell'epoca) e carichi di un simbolismo alla maniera di Conrad. Descrizioni brevi ma splendide e atmosfere suggestive. Imperdibili. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'isola del tesoro e Cuore di tenebra
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri