Narrativa straniera Classici Il velo dissolto
 

Il velo dissolto Il velo dissolto

Il velo dissolto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Sulle soglie della giovinezza Latimer, il narratore, viene colpito da una grave malattia, che cambia per sempre il suo rapporto con il mondo: all'improvviso scopre di possedere il misterioso, fatale dono di prevedere il futuro e di saper leggere nei pensieri degli altri. Tutti, tranne la bella Bertha, fidanzata di suo fratello e segreto amore di Latimer. Ma un incidente di caccia cambia il corso del destino e la ragazza diventa sua moglie. Potrebbe essere l'inizio di una vita felice. Invece...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il velo dissolto 2013-04-12 15:38:14 Sharma
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    12 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vedere oltre

Per noi donne possedere il sesto senso non è cosa strana, ci conviviamo da piccole. Ma una cosa è dire che si percepiscono alcune cose invece tutt'altra cosa affermare che si possiede la facoltà di vedere e sentire con certezza matematica cosa gli altri pensano e faranno di li a poco. Siamo sicure che vorremmo questo potere? Direi proprio di no!
Sotto lo pseudonimo di George Eliot si cela una famosa scrittrice dell'epoca vittoriana, Mary Anne Evans.
Latimer il protagonista di questo racconto, dopo una grave malattia piano piano si rende conto di possedere delle facoltà particolari, ossia quella di sapere cosa pensano gli altri e cosa faranno. Oggi le definiremmo facoltà paranormali.
L'esordio nel libro avviene proprio così:
“ il 20 settembre 1850, ad appena un mese da oggi, in questo studio, alle dieci di sera... io morirò.”
Un dono che presto si rivelerà una maledizione, non può confidarsi con nessuno, lo prenderebbero per pazzo (data la sua natura di poeta e personaggio alquanto schivo e riluttante alla vita mondana), si ritrova solo con le angosce che gli procura solo guardare gli altri e sapere delle loro meschinità e falsità, entrare nel vivo del loro animo procura angoscia e indolenza. Si perché dal momento dell'avvenuta rivelazione lui non prova interesse per nulla, sa già tutto, il velo è tolto, sa come le cose andranno a finire e come si svolgeranno. Ma in un panorama così tetro c'è una sola persona a cui lui non ha accesso, Bertha, la fidanzata del fratello, che naturalmente scoprirà da subito che invece diventerà sua moglie. Un'ammaliatrice, una tessitrice del destino altrui, ma lui non la può penetrare, come mai e perché? Potrebbe essere tutto a lieto fine, lui con lei trova la pace della sua mente che è sempre a lavoro, ma una sera tutto si rivelerà.....
Racconto che si legge in poche ore, posseggo la versione con testo a fronte così da poter controllare l'esatta traduzione, l'ho amato perché del periodo storico che prediligo, ma presenta una scrittura marcatamente artefatta pur riconoscendo alla scrittrice di aver messo in platea un argomento importante e scottante che ci fa riflettere, un qualcosa che tutti vorremmo avere ma è meglio non avere... si vive meglio e si muore felici ( se possibile dopo una lunga e stancante vita!)
E vorrei concludere così:
“Non esistono scorciatoie, o binari prestabiliti, per raggiungere la saggezza: dopo tanti secoli di invenzioni, il cammino dell'anima si snoda attraverso un groviglio di spine da attraversare in solitudine, con piedi sanguinanti, tra grida d'aiuto, come per gli uomini venuti prima di noi.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri