L'americano L'americano

L'americano

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La storia di un milionario statunitense che decide di visitare l'Europa per accrescere la propria cultura ed eventualmente trovar moglie. Ma la sua prima esperienza a Parigi è del tutto negativa, tanto che si persuaderà a tornare in patria. Uno dei primi romanzi di James (1843-1916).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
L'americano 2021-05-09 14:53:20 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    09 Mag, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un americano a Parigi

Un giovane americano, ingenuo e vitale, in una prolungata vacanza a Parigi.
Ama visitare i musei, col rischio di "un mal di capo estetico" . Però "aveva spesso ammirato le copie assai più degli originali" . Intende comunque "vedere tutte le grandi cose e fare quello che fanno le persone intelligenti". Giunse persino a pensare "che l'Europa fosse fatta per lui, e non l'opposto, cioè lui per l'Europa". "Era un formidabile esemplare di americano".
Fatto non secondario, ha in mente di volersi sposare con una donna 'magnifica' . E la individua tra le pieghe dell'antica nobiltà.
Lui è ricchissimo ma non ha ascendenze aristocratiche. D'altronde, come potrebbe un americano?

Facilmente il lettore rimane ammaliato dalla scrittura di H. James, benché questo sia solamente il suo terzo romanzo, ancora non all'altezza dei successivi capolavori. Eppure la gradevolezza della narrazione e lo stile venato di lieve humor sono già ben riconoscibili.
Un romanzo che scorre e di piacevole lettura, in cui l'incontro/scontro fra ingenua vitalità americana e un'Europa colta e raffinata, grondante di tradizione ma spesso decadente e corrotta, rappresenta uno dei temi dominanti, com'è tipico nella produzione dello scrittore : "la vita europea gli sembrava priva di scrupoli e impura. Eppure aveva uno squisito senso della bellezza".
Il nostro eroe constata che "in America (...) giovani di venticinque o trent'anni hanno una mente anziana e il cuore giovane, o per lo meno una moralità giovane ; qui hanno la mente giovanile e cuori molto anziani, la moralità più brizzolata e più rugosa".

Un gustoso romanzo in cui rappresentazione sociale, amore e una venatura di giallo si fondono in armonia di stile e struttura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...

classici
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo