Narrativa straniera Classici La capanna dello zio Tom
 

La capanna dello zio Tom La capanna dello zio Tom

La capanna dello zio Tom

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Kentucky, attorno al 1850. Stroncato dai debiti, George Shelby si vede costretto a vendere il suo schiavo nero più fidato e onesto. Una serie di vicissitudini aspettano il povero Tom che, sostenuto da una fede incrollabile e da una grande forza d'animo, non perde mai la speranza di riconquistare la libertà. Il giorno di Capodanno del 1863, in piena guerra di Secessione, il presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln proclamò solennemente l'abolizione della schiavitù ed espresse la sua gratitudine alla "piccola donna che ha acceso la scintilla di questa grande guerra". Alludeva all'autrice della "Capanna dello zio Torn".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La capanna dello zio Tom 2020-07-01 18:40:02 Bruno Izzo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    01 Luglio, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Black lives matter

L’atleta è di colore, e ha appena realizzato un gol.
Aspetta che anche l’ultimo dei compagni che è corso a congratularsi con lui si allontani; solo allora, con la visuale libera a uso dei media, profitta della sua popolarità di sportivo acclamato per trasmettere a una platea, ben più vasta di quella concessa a un uomo qualunque, la sua protesta: si abbassa fino a poggiare un ginocchio in terra, china il capo, pronuncia il suo omaggio silenzioso in memoria di George Floyd.
Perché ancora una volta, uno zio Tom di turno ha fatto le spese non tanto del sadismo, della bieca crudeltà o, peggio ancora, dell’ignoranza e del pressappochismo dell’uomo bianco su uno di colore. Floyd, come troppo spesso altri prima di lui, sono principalmente vittime dell’eterna diffidenza, del pregiudizio duro a morire, del pensiero tanto distorto quanto innato e immarcescibile in tanti che costui solo perché è nero, non è un uomo, non un tuo pari.
È ”straniero”, è diverso, è pericoloso, è cattivissimo, è ladro, bugiardo e mentitore, non gli puoi credere, non puoi fare affidamento se supplica qualcosa, non è affatto possibile che non riesce a respirare, malgrado lo stringi alla gola con il ginocchio caricando tutto il tuo peso.
Che cosa vuoi che sia? E poi, comunque vada, via, si sa, le vite nere NON contano.
Niente di nuovo sotto il sole.
Cambiano i tempi, i luoghi, le circostanze ma ancora ai nostri giorni la pigmentazione della cute di una persona è problematica irrisolta, spesso foriera di violenze gratuite. Oggi come ieri.
Nonostante un buon libro, semplice e ben scritto, e perciò efficace, quale questo “La capanna dello zio Tom” di Harriet Beecher Stowe, un’opera considerata miliare sulla via dell’abrogazionismo.
Già all’indomani della sua pubblicazione, fu dato alle stampe per la prima volta oltre un secolo fa, forse non diede l’input, come si usa dire esagerando un pò, difficile che un solo libro produca tanto scalpore, ma certamente in qualche modo scosse le coscienze della classe medio alta americana, quella dei benpensanti che contano, perciò la più importante, specie se basa le sue fortuna sull’industria e non sulla necessaria mano d’opera agricola e gratuita.
Il diffondersi, spesso ad arte, della tragica storia di uno sparuto gruppetto di schiavi neri nelle piantagioni di cotone nel sud degli Stati Uniti, alimentò anch’essa, nel suo piccolo, la presa di coscienza che portò ad un lungo e cruento conflitto civile, al termine del quale pareva proprio che la questione abolizionista fosse definitivamente passata in archivio.
Le sofferenze, le vessazioni e gli sfruttamenti degli schiavi nativi africani, e dei loro discendenti, erano state definitivamente poste al bando per legge, così parevano, e nessun uomo poteva essere in qualche modo discriminato ancora per il colore della pelle, o comunque per l’appartenenza a etnia diversa della maggioranza bianca dominante.
Chiarite una volta per sempre le colpe dell’uomo bianco e il suo sfruttamento della mano d’opera gratuita, alla base delle grandi fortune agricole nel Sud degli stati Uniti, sembrava che fosse definitivamente chiusa una delle pagine più abiette della storia dell’umanità.
Illusione che perdura tuttora, com’è dimostrato dal continuo bisogno di manifestare per riproporre il concetto che le vite nere contano, quando in realtà TUTTE le vite hanno valore, a prescindere dal colore.
La storia de “La capanna dello Zio Tom” è costruito bene, anche se scritta in maniera talora ingenua, quasi con piglio infantile, è stata perciò spesso considerata letteratura per ragazzi.
Non lo è. La scrittura usata è uno stile voluto, provocato ad arte, poiché all’autrice interessava che il messaggio arrivasse forte e chiaro, e non solo alle persone istruite della sua epoca.
Il Tom del titolo è uno schiavo avanti con gli anni, con un’apparenza mansueta e servile; tant’è che spesso questo personaggio, per quanto inventato, era quanto mai indicativo, è stato bersaglio nel corso degli anni di violenti critiche, in quanto rappresenta il prototipo del “buon negro”, un signor “Signorsì” in cui i neri liberi, animati da ben altra indole, mai e poi mai potrebbero riconoscersi.
La persona di colore rivendica la dignità della suo essere per quello che è, non per quello in cui deve limitarsi ad essere, invece Tom nell’immaginario dei critici al personaggio rappresenta colui che, pur di farsi in qualche modo accettare e benvolere nel consorzio degli uomini bianchi, si prostra alla loro autorità senza discussioni o ribellioni di sorta, ben lieto di eseguire quando gli viene chiesto, senza mai contestare la liceità di quanto gli viene ordinato, senza mai ribellarsi o protestare, mansueto e accondiscendente.
Pertanto è uno schiavo “fidato”, di affidamento, e perciò di valore. O un traditore della sua razza.
Invece, Tom non è né l’una né l’altra cosa, è semplicemente un uomo che pensa con la propria testa.
È un cristiano convinto, perciò di conseguenza un deciso sostenitore della non violenza.
Il buon “Zio Tom” tanto vituperato, è in realtà un campione della resilienza; è contento se una coppia di schiavi mulatti suoi sodali riesce a scappare in Canada, rischia la propria pelle per salvare dall’annegamento la vita della figlia di un uomo bianco, soccombe alle violenze omicide dello schiavista che lo assassina di botte pur di non abiurare al suo credo e a i suoi intendimenti, ringrazia Dio con animo lieto che la sua morte copra la fuga di altri schiavi, come Cristo sulla croce perdona i suoi persecutori. Non è uno stupido, non un eroe, o uno stucchevole buonista, tutt’altro, e neanche un fanatico religioso: è l’emblema di un uomo di buon senso, che sa che la schiavitù non ha senso, e però esiste, ma estirparla a forza è solo un palliativo, serve un lavoro agricolo di scavo alle radici annidate bene in profondità, un lavoro più fine e di qualità che il rude estirpare violentemente le erbacce. Tom è uomo ragionevole e coerente, fedele non ai suoi padroni ma alle sue idee, alla sua fede, e per questo disponibile a resistere e insistere, ma senza rispondere alla violenza con pari metodi, ma lasciandola scivolare su di sé a proprio discapito, mantenendo la fierezza delle sue idee come esempio per quelli a venire.
Insomma, un Mahatma Ghandi ante litteram, e come quello efficace, sebbene soccombente.
Degno di stima, e che serve a riflettere.
Per questo, è un libro che vale la pena leggere, oggi più di ieri.
Non è un capolavoro letterario, come una volta lo si definiva, equivocando tra letteratura e messaggio politico. Talvolta è anche pesante, oltre ad essere infantile e stucchevole, ma ci sta, dati gli intendimenti morali. Definirlo un romanzo per ragazzi, lo ripeto, mi pare, però falso se non riduttivo, anche perché ai tempi dell’autrice una letteratura per ragazzi neanche esisteva, a loro erano riservate le favole o poco più. Leggere libri era riservato a persone istruite, gente che viaggiava, che vedeva e sapeva giudicare da soli che la buona e bella capanna del vecchio Tom, descritta con tanto di orticello e vasetto di fiori, era una baggianata, i neri vivevano in baracche e non altro, come avviene tuttora negli slums e nei bassifondi americani.
Solo che ora…ora la situazione è esplosiva, la non violenza non è più di moda.
Chissà, forse rileggere “La capanna dello Zio Tom” è un po’ come voler affermare…la letteratura ci salverà. Speriamo. Tutto conta per una buona causa.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La capanna dello zio Tom 2020-02-18 09:10:26 martaquick
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    18 Febbraio, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SEMPLICITÀ DI UN BUON LIBRO

La capanna dello zio Tom è un classico non particolarmente famoso è descritto come lettura per ragazzi e concordo su questa etichetta poiché dovrebbero leggerlo tutti i giovani per trarne insegnamento.
Il linguaggio è molto semplice, per alcuni versi anche troppo, ma in effetti una volta terminato capiamo che questo romanzo non aveva grandi pretese, voleva solo raccontarci le vicende di alcuni schiavi di colore alle prese con i loro guai.
L’autrice, da come ho capito una delle prime dell’epoca a denunciare il trattamento degli schiavi in America, ci presenta la situazione: ogni uomo bianco che acquisti uno schiavo di colore ne è proprietario e può disporne a piacimento.
Tom è un uomo ostinatamente buono, aggettivo semplicistico per le sue tante qualità che fanno capolino tra le pagine del romanzo, ed è anche molto religioso e con l’aiuto della sua fede affronta il cambiamento tra padroni onesti e corretti o malvagi e crudeli.
L’uomo è circondato da tanti altri schiavi come Eliza che per non perdere il figlio venduto dal padrone ad un altro uomo, fugge e viene continuamente braccata come un animale.
La tenacia di entrambi i protagonisti li porterà a due diverse conclusioni e le loro storie toccheranno cuori che decideranno di mettere in moto la liberazione della schiavitù nello Stato.
Il racconto per quanto semplice è toccante ma forse un po’ troppo buonista, l’autrice fa ricorso di continuo alla fede cristiana e alla fiducia verso il prossimo per risolvere le situazioni scomode.
Sicuramente ci sono romanzi che parlando del razzismo e della diseguaglianza in modo più profondo e acculturato, ma io devo dire che la capanna dello zio Tom è talmente scorrevole che si passa sopra alle leggerezze della scrittrice.
Lo consiglio sicuramente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il buio oltre la siepe
Trovi utile questa opinione? 
141
Segnala questa recensione ad un moderatore
La capanna dello zio Tom 2014-01-06 08:30:43 lucrezia_
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lucrezia_ Opinione inserita da lucrezia_    06 Gennaio, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di schiavi e padroni

Avete mai sentito parlare della "Capanna dello zio Tom"? Ecco, io non sapevo niente di questo libro. Dunque, se c'è gente che sta leggendo questa recensione e sta pensando "Ma che libro è?", eccovi una breve trama.

(Spoiler)
Una famiglia di bianchi, la famiglia Shelby, possiede gravi problemi economici. Sono, dunque, costretti a vendere ad uno spietato mercante di schiavi Tom, un uomo fedele e buono, ed il piccolo Harry, di solo 5 anni. Elisa, madre di Harry, scappa con il piccolo. Si ricongiungerà a suo marito George e scapperano tutti in Canada. Tom, invece, si consegna al mercante di schiavi. Conoscerà un padrone generoso con una figlia, Evangelina, che considererà Tom come un secondo padre. Il padrone e la figlia muoiono e Tom è costretto ad avere un nuovo padrone. Questa volta cadrà nelle mani di un padrone spietato, che lo picchierà a morte per essersi rifiutato di uccidere una schiava nera come lui.


Il libro è bellisimo, non ne ho mai letto uno simile. Alcuni critici dicono che non è scritto bene, ma io penso il contrario. La trama non è complessa da capire e il messaggio che questo libro vuole trasmettere non è da meno. Il grande desiderio di libertà, la speranza, la crudeltà ed i pregiudizi degli uomini, la fedeltà... Se non avete mai letto questo libro, andate subito a comprarlo: non ve ne pentirete.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri sul razzismo o chi ha visto documentari che ne parlano.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri