Narrativa straniera Classici La confessione di Claude
 

La confessione di Claude La confessione di Claude

La confessione di Claude

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La confessione di Claude 2015-10-22 03:09:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    22 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Laurence, Musetta o Mimì

Ne “La confessione di Claude”, la prima opera di Emile Zola, vi sono già tutte le premesse della poetica del naturalismo che lo scrittore svilupperà nelle opere successive.

Si narra la storia di Claude, giovane che si trasferisce a Parigi dal sud della Francia, ove lascia gli amici con i quali mantiene un contatto epistolare.
Nella capitale Claude sopravvive di stenti e in solitudine (“Vivo in modo stentato e non ho alcuna possibilità di sostenerla. Sono davvero povero…”) e fa la conoscenza di Laurence, una prostituta che lo inizia al sesso in un approccio che suscita insieme curiosità e disgusto (“Il seno, dalla cui immagine ero tanto scosso, non era forse il medesimo sul quale le mani di chissà quanti uomini si erano posate?”).
Nonostante gli intendimenti iniziali, Claude ben presto s’innamora della donna e tenta di compiacerla in tutti i modi (ad esempio portandola a un ballo in maschera), perché comprende che Laurence ha interessi ben diversi dai suoi.
Nello stabile abitano anche Jacques, una vecchia conoscenza di Claude, e Marie, una ragazza dalla salute irrimediabilmente compromessa. La frequentazione della coppia sovverte il corso della relazione tra il protagonista e la sua amata.

La storia attraversa tutte le fasi della passione e risente delle atmosfere bohèmienne (“Trasformerò Laurence in una Musetta o in una Mimì; sarà sempre bella e giovane…”): l’iniziale intento di redenzione (“Credevo di essere sul punto di salvarla, mi accorgo invece di avere accanto una donna della quale non conosco nulla”), il montare dell’ossessione amorosa di fronte all’indifferenza dell’amata (“Era marmorea, fredda e rigida, come appunto sono le statue”), il desiderio di possesso, il sospetto che induce a spiare e origliare, il tradimento (“Laurence se la ride di voi! Ecco come sono fatti gli uomini! Amano soltanto chi li tradisce e chi li abbandona”), la guarigione (“Ascoltate questo mio suggerimento, amici miei fraterni: quando una delle tante Maddalene che girovagano per il mondo si getterà ai vostri piedi…”).

Giudizio finale: bohémien, preliminare (rispetto alla produzione successiva di Zola), riparatore nel finale.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri