Narrativa straniera Classici La follia di Almayer
 

La follia di Almayer La follia di Almayer

La follia di Almayer

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La follia di Almayer, il primo romanzo di Conrad, fu la prova letteraria della lunga e difficile gestazione che trasformò un uomo di mare in uno scrittore. Almayer, arrivato nell'isola di Celebes per lavorare come commerciante, si lega all'avventuriero e cercatore di tesori Tom Lingard sposandone la figlia adottiva, di origine malese. Ma le sue speranze di ricchezza e felicità naufragano a una a una finché, quando lo abbandona anche la prediletta figlia Nina, sprofonda nelle tenebre della follia. Almayer è il primo dei grandi personaggi conradiani in cui si incarnano la precarietà e la tragica illusorietà di una ricerca dell'Altro, di un'evasione dalla sofisticata, ma falsa, civiltà occidentale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La follia di Almayer 2017-07-29 15:20:00 siti
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    29 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La follia del vivere

Primo romanzo di Conrad, discontinuo nello stile, ricco di aggettivi e di una certa prolissità descrittiva ma efficace e originale nella struttura narrativa affatto lineare e affidata a complessi flashback. Vive le sue pagine più belle nel finale quando è in scena la definitiva caduta di Almayer, unico bianco a vivere nelle coste del Borneo; in realtà tutto il romanzo è teso a rappresentarne la disfatta, lenta e inesorabile, inevitabile in terra straniera, vinto egli prima dalla natura selvaggia, poi dai falliti vincoli umani, ma in sostanza dai suoi sogni di ricchezza o forse solo di affermazione umana. È una figura tragica la sua, olandese di genia, incontra ancora giovane un cercatore di tesori che instilla in lui la follia della ricchezza: ci sarebbe un fiume nella giungla più profonda che garantirebbe l’agognato successo. In realtà Lingard altro non fa che imbrigliarlo in una relazione amorosa impossibile, concedendogli in sposa la sua figlia adottiva di origine malese, scampata a morte certa in uno scontro con i conquistatori stranieri. È altra figura complessa e tragica la sua, folle, costretta a vincoli impossibili, sanguigna, in eterna ribellione. I due hanno una figlia, Nina, è del suo avvenire preoccupato il padre, è l’emblema della disfatta dell’unione dei due mondi; è una affascinante meticcia, educata al pensiero bianco, in balia di due universi opposti l’un l’altro, anch’ella schiacciata da due realtà e da esse non pienamente accettata. Il suo amore per Dain, oppositore del dominio olandese, le apre la via per una affermazione personale e per una felicità possibile anche se monca perché deturpata, abbruttita, limitata dall’opposizione paterna. Un padre che ama follemente la sua bambina, che ancora ambisce al tesoro, che fa costruire addirittura nuovi locali a ridosso della sua banchina desolata sperando in nuovi pionieri anglosassoni, è la sua follia, quella di cui tutti parlano, ciò che lo ha reso popolare nei discorsi tra marinai, è lì che ha attinto il giovane Conrad per elevarlo a icona della tragicità del vivere umano. Il romanzo, seppur interessato da evidenti e contraddittori limiti ideologici, è altro ancora a dimostrazione della sua complessità, riflette non solo una visione personale della vita ma anche uno stile in divenire fatto di compassionevole narrare la miseria umana e specchio di un tempo di conquista, di ferocia, di sopraffazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri