Narrativa straniera Classici La lettera scarlatta
 

La lettera scarlatta La lettera scarlatta

La lettera scarlatta

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La vicenda si svolge nella Boston puritana del sec. XVII.Hester Prinne ha preceduto nel Massachusetts il marito, un anziano scienziato, e ha avuto una figlia, Pearl, da una relazione illegittima. Viene messa alla gogna e condannata a portare sul petto la lettera A (adultera), ritagliata "in un bel panno scarlatto". Rifiuta di dire il nome del suo amante, ma il marito, sotto falso nome, si mette alla ricerca dell'uomo. Riesce a scoprirlo: è il giovane revederendo Dimmesdale, che soffre moltissimo, ma, per orgoglio, non vuole confessare. Sarà l'inizio di una serie di torture psicologiche sotterranee che il marito di Hester infliggerà al Reverendo, finché la situazione non giungerà al capolinea.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 16

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.4  (16)
Contenuto 
 
4.0  (16)
Piacevolezza 
 
3.1  (16)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lettera scarlatta 2017-07-12 18:08:02 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    12 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il colore del peccato

Quest’oggi possiamo ammirare l’ennesimo classico, in questo caso della letteratura statunitense, bistrattato da un’edizione targata Newton Compton. Per quanto riguarda la traduzione, essa è come al solito datata ed inoltre si è scelto di tradurre anche i nomi dei personaggi: logicamente stona un po’ sentir parlare di Ruggero Chillingworth, per esempio. A penalizzare l’edizione contribuisce anche l’introduzione, che a mio avviso può essere salta a piè pari; non solo spoilera l’intera trama, ma risulta anche troppo citazioni sta e decisamente inconcludente.
La storia di per se non è certo ricchissima di eventi, anzi si può dire che la narrazione, pur coprendo un arco di circa sette anni, si focalizzi soltanto su alcuni momenti fondamentali.
A grandi linee, la trama è parecchio nota: la giovane ed avvenente Ester Prynne viene pubblicamente smascherata come adultera, quando partorisce la piccola Perla mentre il marito viene considerato disperso in mare. La comunità salemiana, molto tradizionale e religiosa, decide di punire la donna con una lettera “A” in tessuto rosso da portare a vita cucita sul corpetto.
Il punto focale del romanzo si può quindi individuare nei protagonisti e nella loro caratterizzazione. A spiccare è logicamente la figura di Ester, di cui Hawthorne esalta lo spirito coraggioso ed indipendente, soprattutto nell’ottica delle dure prove che la donna è chiamata ad affrontare per crescere al meglio la figlia; il carattere di Ester è messo in luce anche nel confronto con la malvagità abnorme di Chillingworth e con la debolezza che Dimmesdale sembra incapace di affrontare.
Oltre alla protagonista, anche gli altri personaggi ottengono sufficiente spazio, in particolare sulla relazione tra il pastore ed il medico: Chillingworth avverte istintivamente che Dimmesdale nasconde un segreto nel cuore ed attua nei suoi confronti una tortura quasi di tipo psicologico per scoprirlo, situazione che ricorda per certi versi la persecuzione della Creatura ai danni di Victor in “Frankenstein” (QUI la recensione).
Ad essere essenziale per lo sviluppo del rapporto tra Ester e Dimmesdale è invece Perla che, per merito del suo animo sensibile, riesce a comprendere appieno il veri animo delle altre persone.
Il personaggio più divertente è invece la vecchia Hibbins, che riunisce in se tutte le antiche superstizioni sulle streghe. Allo stesso modo, l’autore da’ abilmente voce ai pensieri più bassi e detestabili del popolo, sempre pronto a giudicare ed additare i peccatori.
Per introdurre il romanzo, Hawthorne adotta un metodo già utilizzato da Manzoni ne “I promessi sposi”: inscena il ritrovamento della stoffa che un tempo fu la celebre lettera scarlatta, corredata da un manoscritto con l’intera storia. Per questa introduzione, l’autore è stato aspramente criticato, specialmente a causa dei riferimenti a dei compaesani dell’autore, probabilmente non troppo lieti di vedersi famosi loro malgrado.
Lo stile di Hawthorne varia durante la lettura: se nella prima parte si evidenzia una curiosa ironia (o auto-ironia nel caso dell’introduzione) che ricorda molto il contemporaneo Dumas, continuando il tono si da via via più cupo, collegato in special modo alla distruzione del personaggio di Dimmesdale.
Segnalo infine i moltissimi riferimenti biblici e gli ancor più numerosi paragoni tra l’epoca dell’autore e il periodo in cui è ambientato il romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2016-11-24 19:12:25 deborino
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
deborino Opinione inserita da deborino    24 Novembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La lettera

È il primo libro che leggo dell`autore ma non mi sono innamorata del suo modo di scrivere, l ho trovato anzi, pesante, specialmente non ho apprezzato i troppi "punti di vista narrativi".
La base della storia è sicuramente bella e l ho apprezzata, però poi ho perso interesse per come è scritto

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2015-11-30 10:01:20 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    30 Novembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

aaaaaaaaaaaaaaa

Una storia che parla dell'ignoranza di un popolo che lo porta alla follia. Tutte le storie che ci raccontano le vicende delle prime colonie inglesi in America mi fanno sempre rabbia. A partire dalle streghe di Salem fino a una storia come questa dove non ci sono roghi accesi in piazza, ma poco ci manca. La trama di questo romanzo è nota: Ester, donna sposata, ma che si insedia in una nuova colonia convinta che il marito sia morto ha una relazione clandestina. Quando non può più nascondere la gravidanza viene condannata alla prigione dove si tenta di farle confessare il nome del correo.
Con grande magnanimità i giudici decidono che la sua pena sarà essere esposta alla gogna e portare bene in vista una A ricamata sul petto. L'amante che risultarà essere un sacerdote in odore di santità si guarderà bene dal confessare la propria colpa, o di fare se non qualche timido tentativo di alleviare le pene del'amata. A complicare le cose arriverà anche il vero marito che si aggirerà in incognito nella colonia per punire ulteriormente l'adultera.
Questo libro ci apre gli occhi su un modo di pensare difficile da capire. Ester, nonnostante non ci sia alcun divieto di allontanarsi dalla colonia rimarrà lì, ad essere guardata dall'alto in baso da tutti. Porterà con orgoglio la sua A e si occuperà di beneficenza. Possibile che ancora sia convinta di essere lei quella in debito con la società? Neppure riuscirà ad odiare quello smidollato del suo amante. Dal canto suo il reverendo Dimmisdale si fustiga in privato, arriva a rovinarsi la salute, ma nè confessa di essersi innamorato, come è umano che succeda, nè si fa carico di dare una vita migliore a compagna e figlia. Possibile che l'orgoglio ed il timore dell'opinione della gente siano superiori anche all'amore filiale. Bell'uomo di chiesa. Non basta certo il gesto fatto alla fine del libro a redimerlo.
Inutile sottolineare che trovo censurabile su tutti i fronti anche il comportamento del resto della colonia: egoismo, superstizione, invidia sono di gran lunga i sentimenti predominanti anche se sulla carta il gruppo avrebbe dovuto fondarsi su carità, pudore e solidarietà.
Il libro a tratti diventa un pò pesante da seguire, ma trovo che l'autore abbia scandagliato bene l'animo dei principali personaggi protagonisti del romanzo. La bambina un pò folletto, un pò refolo di vento è poco credibile, temo che invece gli altri lo siano parecchio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2014-07-23 18:17:47 pupa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
pupa Opinione inserita da pupa    23 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"...La storia di umana fragilità e sofferenza"...

La storia di Hester Prynne, l'adultera cui è stata inflitta la condanna di portare sul petto il simbolo infamante del suo peccato, ha una precisa collocazione di tempo e di luogo: il meccanismo del dramma è strettamente legato al clima di rigido puritanesimo in cui era immersa la società della Nuova Inghilterra nella seconda metà del Seicento. Nonostante lo stretto rapporto di causa-effetto tra la situazione socioculturale della Boston seicentesca e i fatti narrati, il romanzo non è datato: non ha niente del romanzo storico. Questo perché soltanto in una certa epoca dominata da rigidi tabù e da fosche superstizioni, la fragilità e la sofferenza sono dell'uomo da sempre; e da sempre, come accade da Hester, ad esse sono legate la miseria e a un tempo la grandezza dell'animo umano. La fragilità fa cadere Hester: ma la sofferenza la matura e l'arricchisce. Isolata a causa del marchio che porta, "in una sfera a sé stante", la peccatrice è tagliata fuori da quello che si autodefinisce il consorzio civile; ma questa questa stessa condizione di segregata le permette anche di staccarsi da tutto ciò che di meschino, futile e artefatto c'è nei consueti rapporti umani. Così, mentre la isola, l'infamante A scarlatta costituisce anche una protezione, un rifugio per Hester; e la sua solitudine, non subita come una condanna ma vissuta come una prova, le permette di arrivare alla conoscenza di quelle segrete radici del cuore che resteranno sempre ignote ai suoi giudici, paghi di constatare soltanto i fatti e di condannare in base ad essi. Questo non è che uno dei temi in cui la Hawthorne si serve nel suo percorso letterario. L'importante è il risultato, è la realtà umana che riesce a mettere a nudo: poche volte il senso della colpa e il cupo peso ch'esso fa gravare sull'anima sono stati analizzati con la dolente spietatezza di cui Hawthorne dà prova nel descrivere i tormenti di Hester e del reverendo Dimmesdale. Stesso discorso si può fare a proposito del tema della vendetta e dello strano, feroce legame persecutore-vittima che si stabilisce tra lo spietato dottor Chillingworth e il tormentato Dimmesdale: siamo qui di fronte a pagine per le quali un valido termine di paragone può esser trovato, forse, in quelle di Dostoevskij.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-05-04 09:40:00 Zine
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Zine Opinione inserita da Zine    04 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oltre le convenzioni

Nathaniel Hawthorne (il vero nome era Hathorne) era un figlio di Salem, discendente di quella dura e intransigente schiatta di puritani che emigrarono dalla natia Inghilterra per fondare nuove comunità sul continente americano. I suoi antenati furono uomini di fede integerrima e pugno di ferro, tanto da essere direttamente coinvolti nella grande caccia alle streghe della cittadina americana.
Lo scrittore, la cui carriera faticò a trovare la giusta via, portò sempre con sé il rimorso per le azioni dei propri antenati, tanto da dedicare alle sventurate vittime di tanta durezza un romanzo che divenne il suo biglietto d’ingresso nella Storia della Letteratura.
“La lettera scarlatta” racconta la storia di Hester Prynne, trovata colpevole di adulterio e per questo condannata a portare per sempre una “A” appuntata sul vestito, in maniera da mostrare la sua colpa a tutti. Hester, lungi dall’esserne distrutta, trova la forza di portare il marchio d’infamia con orgoglio, ricamando una magnifica lettera scarlatta. Si rifiuta di rivelare il nome di chi ha peccato con lei, il padre della sua creatura Pearl, e si appresta a vivere con le proprie forze.
Il suo amante è, per paradosso, l’uomo più pio della comunità, il reverendo Dimmesdale. Egli è divorato dal rimorso, ma non riesce a liberarsi della propria maschera e palesarsi per ciò che è in realtà, facendosi consumare dalla colpa fino a deteriorarsi la salute.
Il giorno della condanna, riappare dopo una lunghissima assenza il marito di Hester, un medico molto più anziano di lei, e prende dimora in paese sotto il falso nome di Roger Chillingworth, deciso a ottenere la sua vendetta sull’uomo che ha giaciuto con la giovane moglie.
Quali abissi raggiungerà il medico per ottenere la sua vendetta sull’anima debole dell’amante di Hester? C’è speranza di perdono quando la colpa è radicata nel cuore di chi ha commesso peccato? Forse l’unica via di scampo è la fuga…
In un mondo in bianco e nero, dove tutto è buono o cattivo e le persone sono rinchiuse in un fare cupo e senza perdono che sembra cancellare ogni colore, la lettera scarlatta di Hester racchiude ed emana il “proibito”, la vita, la passione, una gioia selvaggia che fa paura a chi non si lascia andare a qualsivoglia sentimento. E’ segno di una mente libera nonostante le restrizioni, di un pensiero che si erge sopra le convenzioni.
La piccola Pearl, stravagante e tirannica bambina, è l’incarnazione stessa di quella lettera e come tale viene sfoggiata dalla madre, che pure la teme come teme le pulsioni che l’hanno portata alla colpa. Pearl è l’imprevisto, un piccolo caos vagante, tanto che sia Hester che la comunità spesso si chiedono se dentro di lei non dimori un folletto, oppure il Maligno.
Hester cerca di sostituire negli occhi altrui il suo cuore generoso e la sua arte raffinata al segno dell’infamia, ma esso è ormai legato indissolubilmente alla sua persona, la completa, la rende speciale per chi denigra e per chi prova pietà. Lei è uscita dal grigiore della normalità puritana e non le sarà più concesso rientrarvi.
Paradossalmente, l’impurità è caduta sulla testa di chi possiede davvero buon cuore e un’anima capace di amare, un equilibrio fatto di orgoglio e sentimenti profondi che nemmeno le punizioni o l’umiliazione possono mettere a soqquadro.
La figura del marito di Hester, al contrario, incarna dietro la facciata di una mente brillante di scienziato, membro quindi di una élite che fa della razionalità il suo regno e la sua bandiera, la cruda brutalità, le passioni più sgradevoli, il Male mascherato da Uomo.
La sua piccola deformità fisica diventa segno della deformità dell’anima, come spesso accadeva nella letteratura dell’epoca. Il periodo di vita in mezzo agli indiani pare aver risvegliato e reso forti in lui gli istinti della vendetta, del disprezzo. E’ un uomo che porta la Tenebra con sé.
Il reverendo Dimmesdale è l’uomo pavido, sensibile ma timoroso del proprio sentire, troppo legato all’apparenza per poter competere con il coraggio di Hester, per quanto la ammiri e la aiuti nell’ombra. La sua colpa consuma all’interno e i segni non mancheranno di mostrarsi agli occhi più attenti.
Uno spaccato sugli orizzonti limitati delle intransigenti comunità a fondo religioso, una storia di catene dell’anima e passioni negate.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-02-15 22:58:18 antares8710
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    16 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'America dei puritani

Pubblicato nella metà del Diciannovesimo secolo, La lettera scarlatta è uno dei grandi capolavori della letteratura americana. Nathaniel Hawthorne ambienta il suo racconto nel Seicento, quando le colonie americane vivevano sotto la dittatura morale, religiosa e politica di Puritani. In questo romanzo, l'autore riesce con grande abilità e maestria a descrivere la società puritana dell'epoca, con le sue leggi e le sue ipocrisie, che porteranno alla condanna Hester Prynne, rea di aver commesso un adulterio, e di non aver voluto rivelare il nome del padre. Per questo l'inflessibile autorità del paese in cui vive, decide di costringerla a portare, vita natural durante, una grande lettera A, di colore rosso, cucita nell'abito all'altezza del petto. Da quel momento Hester condurrà una vita all'insegna della bontà e della carità, riscattandosi così da una condanna assurda e ridicola. Questa è la tematica al centro del libro: il riscatto di una giovane donna, che da sola combatte contro le ipocrisie della legge e della religione, fino ad elevarsi moralmente e spiritualmente. Ed è a questo punto che davanti al lettore si apre una prospettiva coinvolgente: da una parte la crescita morale dei protagonisti della storia e dall'altra la pessima opinione che la società ha di loro. Grazie a questa contraddizione insanabile, la società puritana viene smantellata e distrutta da Hawthorne, abile nel descrivere il mondo autoreferenziale, chiuso e bigotto di quell'epoca.

Il romanzo mi è piaciuto abbastanza. Devo dire che a volte mi sono annoiato (a causa dell'insistenza da parte dell'autore su alcune tematiche), anche se l'idea di una donna eroina che da sola combatte la società, è molto interessante. Credo che questo romanzo è fondamentale soprattutto per la grande importanza che viene data ad un personaggio femminile, Hester, le cui vicende non lasciano indifferente il lettore. E' un romanzo fondamentale nella cultura americana (tant'è vero che nelle scuole statunitensi viene proposto come lettura obbligatoria); ed è il primo vero romanzo americano, in cui trovano spazio tutte le tematiche che poi saranno sviluppate ampiamente dalla letteratura e dal cinema americani: il tema della colpa, della legalità, il concetto di moralità, il puritanesimo e l'idea di riscatto sociale.

Molti critici in passato hanno proposto un accostamento tra questo romanzo e I promessi sposi di Alessandro Manzoni, pubblicato una decina d'anni prima.
Su questo non sarei tanto d'accordo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-02-06 09:56:00 DieLuft
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
1.0
DieLuft Opinione inserita da DieLuft    06 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una vocale scarlata, un mondo.

Hawthorne pone dei dubbi sulla storia americana. Si chiede se la loro vicenda raccontata così come lo è stata - presentando i puritani come unico modello giusto - sia stata realmente la verità storica.
Il libro si divide in due sezioni: la vicenda non totalmente autobiografica della dogana di Salem e il romance vero e proprio.
La sezione della dogana è interminabile. Voci/studi affermano che l'autore l'abbia inserita seguendo i consigli del suo editore perché il testo sarebbe risultato troppo corto altrimenti. Sinceramente non mi sarebbe dispiaciuto. Utilizzando il narratore, Hawthorne ha raccontato una vicenda realmente accaduta nella sua vita con l'inserimento di alcuni elementi meramente fantastici (il ritrovamento della lettera ad esempio). Una sezione funzionale allo scopo di protesta personale (le paure per i cambi nelle vicende politiche, Hawthorne perse due volte il posto di lavoro alla salita dei Whig) e un po' meno per introdurre la storia.
Il contenuto letto in senso metaforico è stupendo: la colpa dove sta? Esiste un vero colpevole? Un unico colpevole? Hester credendosi ormai vedova ha fatto bene ad andare avanti con la propria vita? E' stato giusto tacere la propria colpa dinnanzi alla propria comunità come ha fatto Dimmesdale? La vendetta di Chillingworth è giustificata? La Verità così come l'hanno tramandata è veramente tale?
Hester simbolo dell'arte, come lo dimostrano i suoi ricami, è una donna forte, opposta sia nell'aspetto che nell'animo rispetto alla massa omogenea di grigi puritani. Nonostante la diffamazione e il peso di un peccato va comunque avanti.
Pearl: il frutto del peccato. Una bambina che più che un essere umano sembra un folletto, un abitante delle fiabe.
Dimmesdale il reverendo dilaniato tra l'amore per la comunità e Dio ed Hester che pagherà a caro prezzo il suo "dualismo".
Chillingworth lo scienziato consumato nell'animo, l'unico a comprendere come veramente stanno i fatti e la cui vendetta diventerà l'unica ragione di esistere.

Per quanto la vicenda sia appassionante a livello metaforico, è stata mal riprodotta a livello stilistico. L'ho letto in inglese è non mi è piaciuto. L'ho riletto in italiano e ne ho ricavato una spiacevole conferma. L'eccessiva aggettivazione ha avuto un effetto soporifero. Non mi è mai capitato un libro che conciliasse il sonno così bene. Le vicende personali sono ripetute eccessivamente, ci sono dei punti in cui la narrazione non prosegue per interi capitoli, si batte il chiodo sempre sullo stesso punto e personalmente non amo situazioni di stallo troppo lunghe.
Nonostante sia considerato uno dei capolavori di Hawthorne, non è il migliore, i Twice-told tales/Racconti raccontati due volte sono decisamente migliori. L'autore è più funzionale e bravo in storie più condensate. Vi consiglio quella raccolta piuttosto che questo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-01-13 15:14:28 C.U.B.
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A

XVII secolo, Boston colonia puritana, si apre il libro con una donna, non una donna qualunque: la Peccatrice.
Da un pesante portone di legno bordato di grossi chiodi, una giovane donna viene scortata sul palco della gogna. Lunghi capelli neri, un marchio scarlatto ricamato sul petto : una lettera A maiuscola.
Tra le braccia stringe una bimba di pochi mesi, il frutto del suo peccato, una piccola creatura figlia del Maligno.
Esposta al pubblico ludibrio, al martirio della pubblica vergogna, Ester nemmeno all’ennesimo interrogatorio rivelera’ il nome del maschio peccatore. Da sola, in isolata penitenza portera’ per anni il fardello della sua colpa stretto nel cuore e sul cuore impresso nella tela.
Ma da quel muscolo pulsante del medesimo colore scarlatto della lettera di infamia, la sua bimba, Perla - cosi’ chiamata perche’ suo unico tesoro - crescera’ di un’incontenibile vivacita’ .
Lontana dagli altri bambini, isolata con la madre in una capanna ai limiti del villaggio, Perla trotterellante i cui compagni di gioco sono le conchiglie e la sua ombra riflessa nell’acqua, bimba frizzante come la spuma del mare che rinchiude in sè il vigore e la forza dell’onda. Perla che corre nella foresta ricoperta di fiori, come un folletto selvaggio di rara bellezza.
Il colore rosso risalta abbagliando nel clima puritano ben descritto dall‘autore, dove il grigio regna sovrano offuscando le passioni, annebbiando le gioie, condannando ogni piccolo sgarro alle ferree leggi della comunita’.
Visto con gli occhi moderni il libro potrebbe far sorridere, ma l’autore e’ bravissimo a calarci in quel mondo cosi’ lontano in cui nel cielo si leggevano profezie e nelle cui notti si udivano gli urli delle streghe. E da che mondo e’ mondo se il diverso non affascina, sicuramente incuriosisce.
Ho trovato il romanzo avvincente ed emozionante e non posso che ringraziare chi lo ha recensito, permettendomi di avvicinarmi ad un titolo che diversamente non avrei letto.

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-01-02 18:01:44 peucezia
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
peucezia Opinione inserita da peucezia    02 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Passione e rimorso

La storia di Hester potrebbe quasi essere contrapposta ai valori esaltati in due grandi romanzi quasi coevi e cioè i Promessi Sposi e I miserabili permeati di morale di stampo cattolico: la provvidenza e la misericordia lavano i peccati mentre il mondo della povera adultera non appare disposto a perdonare. Non c'è spazio nella società puritana per chi ha peccato perché peccare significa non aver saputo gestire i propri talenti.Altrettanto disperante la situazione del reverendo, uomo di Dio che ha trasgredito e che sa di dover subire l'amara punizione. Allegorica è anche la figura della figlia della colpa chiamata Pearl e vista come incarnazione del male dall'immatura popolazione del Massachussetts dell'epoca. Può la religione portare a una visione tanto miope?Per chi conosce la mentalità del tipico wasp tutto teso a migliorare la sua condizione economica per essere considerato benedetto da Dio e al contempo rifiuta assistenza sanitaria ai più deboli perché evidentemente negletti dal Signore l'atteggiamento dei conicittadini di Hester Prynne appare normale e consono alla loro appartenza di fede. Lo scrittore regala un possente ritratto della società del tempo descrivendo con vigorose pennellate degne di un racconto epico. Non a caso l'autore è considerato uno dei padri della letteratura nordamericana.Romanzo capolavoro da leggere tenendo bene d'occhio la mentalità dei personaggi al fine di poterne comprendere a pieno il senso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
letteratura vittoriana, letteratura nordamericana dell'Ottocento
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lettera scarlatta 2013-01-02 14:55:52 faithpirate
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
faithpirate Opinione inserita da faithpirate    02 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Pe(a)rla !

Un libro che rispecchia molto la società di quell'epoca e che mi è piaciuto per una stupidaggine: i tanti significati che si possono attribuire alla lettere A, sia quelli effettivi che quelli simbolici, e mi ha fatto anche piacere che è stato preso a modello in un film uscito di recente intitolato " Easy A " molto carino.
Un romanzo che senza dubbio dovrebbe essere letto almeno una volta nella vita se si è interessati a capire come è nata la scrittura e la società neo-americana dell'epoca.
Scritto inoltre con uno stile ottimo e penso che il pezzo più bello di tutto il libro sia nel bosco insieme al folletto Pearl, quasi surreale come descrizione e scena, davvero bellissima!
Non capisco perché hanno messo il libro con la copertina del film con la Moore che secondo me non ci azzecca nulla! con il suo falso accento inglese è pessima! :D

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri