Narrativa straniera Classici La regina Margot
 

La regina Margot La regina Margot

La regina Margot

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Margherita di Valois detta Margot, figlia della potente e diabolica Caterina de' Medici e moglie di Enrico di Navarra, è al centro di una straordinaria vicenda personale che si intreccia, da un lato con la lotta fratricida tra cattolici e ugonotti, dall’altro con lo scontro per la conquista del trono di Francia. Intrighi, alleanze, complotti, tradimenti e delitti si succedono nell’atmosfera raffinata e lussuriosa, colta e crudele, cinica e superstiziosa della Corte nella Francia cinquecentesca.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La regina Margot 2012-08-30 17:59:44 Ale96
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ale96 Opinione inserita da Ale96    30 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due Marguerite. Due amori. Due destini.

Due Marguerite: la più famosa mantenuta di Parigi ed una principessa di Valois. Due amori tragici: il romantico borghese Armand Duval e il baldanzoso ed appassionato conte Giuseppe Giacinto Bonifacio di Lerac de La Mole, dal famosissimo mantello rosso ciliegia che causerà nel romanzo non pochi problemi. Due destini: una a vivere sola e piena di debiti e l'altra a diventare regina di Francia e Navarra. Due autori: Alexandre Dumas figlio ed Alexandre Dumas padre. Due epoche: il XIX secolo e il XVI secolo....
Sono molte le possibili differenze e gli intrecci che,involontariamente, legano due grandi opere dell'800: “La signora delle camelie” di Dumas figlio e “La regina Margot” di Dumas padre.

Parigi, 18 Agosto 1572
Al palazzo reale del Louvre, di solito sinistro e tetro, si sta svolgendo un solenne ballo in onore delle nozze dell'ugonotto ( calvinista francese) Enrico, re (senza regno) di Navarra, e la principessa Marguerite di Valois, figlia della diabolica e intrigante Caterina de' Medici e sorella del re di Francia, Carlo IX, uomo solitario e permaloso, che la chiama affettuosamente Margot. É una serata importante perché si dovrebbe porre fine con questo matrimonio politico alle lunghe lotte tra cattolici e ugonotti. Tuttavia i due sposi non si amano. Enrico di Navarra vede la moglie come una semplice alleata per salire al trono di Francia e adempiere alle sue ambizioni e lo stesso vale per Margot ma per raggiungere il loro obbiettivo devono affrontare tre temibili personaggi: François di Valois, duca d'Alençon, viscido e pavido fratello di Margherita che ambisce a diventare re di Francia a qualunque mezzo, Enrico di Valois, duca d'Angiò, beniamino della Regina Madre e costretto dal fratello Carlo IX per gelosia ad essere eletto Re di Polonia e allontanarsi così ( in teoria) per sempre fuori dalla terra natia, e lei, Caterina de' Medici, madre di Margot, di Carlo IX e dei duchi di Alençon e d'Angiò. Malvagia assassina, crudele vendicatrice, molto superstiziosa e amante degli intrighi e delle congiure, sapendo dal fiorentino Renè (de iure “profumiere ufficiale”ma de facto “avvelenatore ufficiale” di S.M la regina Madre e “grande stregone” di Francia) che la sua famiglia, i Valois, si estinguerà e che al trono francese salirà Enrico di Navarra, cercherà in ogni momento e a qualunque mezzo di cambiare il destino, istigando anche una delle peggiore stragi che la Storia ricordi: il massacro di San Bartolomeo, la notte del 24 Agosto 1572 (pochi giorni dopo il matrimonio tra Enrico e Margherita) durante il quale quasi tutti gli ugonotti parigini furono uccisi e quelli sopravvissuti ( tra cui il marito di Margot) furono costretti a convertirsi al Cattolicesimo.
L'opera racconta anche le vicende di due giovani nobili- l'ugonotto( poi costretto ad abiurare) e affascinate conte di Lerac de la Mole e il cattolico, piemontese e vigoroso conte Marco Annibale di Coconnas- le quali si intrecceranno con quelle di Margot e dei suoi cari. Infatti la notte di San Bartolomeo, il conte de la Mole si salva dall'eccidio rifugiandosi nella camera da letto di Margherita e ne diventerà l'amante per la sua intelligenza, la sua nobiltà d'animo e la sua bellezza e il conte di Coconnas diverrà l'amante della Duchessa di Nevers, migliore amica e confidente di Margot.
Così tra intrighi, rutilanti feste, accoltellate, cacce al falcone e al cinghiale, nella più depravata e lussuriosa corte europea, Dumas, per mezzo delle coincidenze e del caso, muoverà le fila delle vicende di Margherita e delle persone che ama fino ad una serie di colpi di scena finali che, devo ammettere, mi hanno commosso, soprattutto quello.....

Concordo pienamente con Victor Hugo nell'affermare“nessuno è più popolare di Dumas; i suoi successi sono più che successi, sono trionfi, sono il clamore della fanfara. Il nome di Alexandre Dumas è più che francese, è europeo, è più che europeo, è universale”.
Per ora, infatti, Dumas è lo scrittore che mi ha conquistato di più perché, con la sua enorme creatività e conoscenza storica, porta indietro nel tempo in epoche più oniriche che realistiche, nel mondo del feuilleton, dove tra grandi feste, picaresche avventure e memorabili combattimenti, travolge il lettore con i suoi impensabili colpi di scene e con i suoi personaggi, creati divinamente.

In alcuni punti del romanzo, sembra di riprendere per mano “I tre moschettieri”, per i suoi intrighi e per alcuni personaggi, come Caterina de' Medici, che assomiglia a Richelieu ma volta solo al male, e Margot, che ricorda Milady volta solo al bene, però ciò che manca nell'opera e che lo rende di un livello inferiore ai Moschettieri sono i viaggi: infatti mentre Athos, Porhos, Aramis e d'Artagnan viaggiano in Inghilterra e in varie parti della Francia, come La Rochelle, nella Regina Margot tutte le vicende si sviluppano a Parigi.
Inoltre lo stile, sempre travolgente ed elegante, a tratti l'ho trovato un po' contorto e leggermente prolisso, anche se ricco di suspence, colpi di scene e pathos.
Inoltre il finale mi è sembrato vago e affrettato, anche se quest'opera appartiene ad un ciclo di tre romanzi, dedicato agli ultimi Valois.

In conclusione consiglio vivamente questo classico imperdibile e intramontabile, pieno di avventure incredibili e personaggi indimenticabili ma anche di valori morali, come la forza dell'amicizia, dell'amore e l'invincibilità del fato. Mille grazie Dumas, per avermi fatto sognare ancora una volta con un altro ben riuscito romanzo che ho divorato in pochi giorni!!! Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri