Narrativa straniera Classici Lazarillo de Tormes
 

Lazarillo de Tormes Lazarillo de Tormes

Lazarillo de Tormes

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Sono passati quasi cinque secoli da quando è apparso questo inusitato, sconcertante romanzo, eppure lo stupore che proviamo nel leggerlo è lo stesso di allora. L’identità del suo autore resta avvolta nel mistero, ma una cosa è certa: nessuno prima di lui aveva mai osato tanto. Nessuno aveva avuto l’audacia di demolire tutti i modelli tradizionali e di trasformare il figlio di un mugnaio, Lázaro de Tormes, e la sua miseranda realtà quotidiana in materia di romanzo. Ed è Lázaro, per di più, a raccontarci in prima persona, con esplosiva verve, le indiavolate peripezie che ha passato prima di conquistare un posto nella pubblica amministrazione e l’agognato benessere. Rimasto orfano di padre, apprendiamo, è entrato al servizio di un astuto cieco, tanto abile nello spillare quattrini come guaritore quanto avaro, meschino e manesco. È a questa dura scuola che ha imparato a padroneggiare il gergo e i trucchi della malavita, e a non lasciarsi sopraffare, benché sempre più smunto e sfinito, dai padroni che si sarebbero succeduti: fra i quali spiccano, indimenticabili, un chierico che pare concentrare in sé «tutta la pitoccheria del mondo», un hidalgo che maschera dietro un’aria pomposa e soddisfatta la più nera miseria, e un impudente, ingegnosissimo spacciatore di indulgenze.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lazarillo de Tormes 2020-08-28 14:28:37 DanySanny
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    28 Agosto, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sulle tracce dei primi pìcari

Deve essere stato forgiato di una magia tutta particolare questo “Lazarillo de Tormes” per risultare ancora oggi, al lettore moderno, così scorrevole e libidinosamente smaliziato. Pubblicato da un anonimo autore alla metà del ‘500, e subito diffuso in diverse stampe e forme come nelle più classiche storie della letteratura d’intrattenimento, il Lazarillo sdogana da subito i pomposi topoi dell’epica e della lirica alta per approdare, con inesauribile disinvoltura, a narrare la vita della gente umile, quella che si arrabatta per strada giorno dopo giorno per vivere, tra una piccola truffa e un piccolo raggiro e consegnandoci così i prodromi di quello che diverrà, dopo almeno un altro paio di secoli, il romanzo realista. Il contenuto sardonico, brioso ma tutto sommato povero, così rapido e asciutto nel suo trapassare di scena in scena, non deve trarre in inganno: l’autore del Lazarillo è abbastanza raffinato, tanto da dissimulare il libello nella forma di una lettera indirizzata a un mittente non meglio specificato, allo scopo di spiegare un particolare “caso” di cui non è dato sapere nulla. Il gioco dell’autore è quello della falsificazione, non della finzione e in effetti in tutte le scene del romanzo il giovane Lazarillo impara a falsificare: prima al seguito di un cieco tirchio, verso cui escogita ogni tipo di stratagemma per ottenere qualcosa da mangiare, poi presso la casa di un chierico ancora più tirchio, sempre sul filo della fame e così via in altre avventure che lo porteranno ad ottenere un posto nell’apparato amministrativo dello Stato. L’ascesa sociale di Lazarillo è certo l’occasione per mettere alla berlina i truffaldini personaggi degli strati sociali più bassi, quelli in genere dimenticati e che da lì a qualche anno saranno meravigliosamente rappresentati da Caravaggio o El Greco, per smascherare le ipocrisie sociali e uno Stato che latita mentre i nuovi arrivisti proliferano, eppure si farebbe torto a voler fare del Lazarillo un manifesto di denuncia sociale, perché tutto in questo romanzo ha la lentezza placida delle lunghe giornate spagnole, il calore sincero del sole madrileno, la spontaneità del carattere iberico e tutto plana con grazia sulla storia per approdare divertiti e soddisfatti al finale. In verità nel Lazarillo si possono apprezzare nel piccolo le strade che prenderà il romanzo, con i suoi intrecci, le sue avventure, i suoi intrighi, sempre però corretto dal dolce e intelligente sorriso del disincanto.

Pungente, senza mai essere cinico, scabro senza mai essere rude, l’autore del Lazarillo sembra sapere che in fondo la vita va presa in tutta la sua multiforme inconsistenza, con un velo di malinconia e un sorriso aperto. Il vero scarto del Lazarillo, il suo essere così moderno è proprio in questo: l’umile non è solo funzionale al ribaltamento di modelli alti (come poteva essere il Satyricon di Petronio), ma anzi l’umile diventa degno di essere rappresentato nella sua vivida concretezza, lontano da modelli antichi e sempre più proiettato al tempo futuro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri