Narrativa straniera Classici Romanza senza parole
 

Romanza senza parole Romanza senza parole

Romanza senza parole

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Rimasta sepolta in un archivio di Mosca, è stata pubblicata per la prima volta in lingua tedesca nel 2010, in occasione del centenario della morte di Lev Tolstoj: fu la stessa Tolstaja a chiedere che uscisse postuma per evitare di inasprire la sua lunga crisi matrimoniale. La storia intreccia la passione, il senso del dovere e il potere dirompente della musica nella vita di Sascha. Con la morte della madre, la giovane sprofonda in una grave depressione. Pyotr, l’insensibile marito, è interessato solo al suo giardino, non è in grado di confortarla e di rompere il muro di silenzio che ormai li divide. Sarà invece l’incontro con Ivan Iljitsch, pianista e musicista di talento, a sconvolgere la vita di Sascha: ascoltandolo suonare le Romanze senza parole di Mendelssohn, la giovane proverà infatti un’inattesa felicità, provocata non solo dalla musica, ma soprattutto dalla passione che la donna nutrirà per Ivan e che la segnerà tragicamente.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Romanza senza parole 2018-02-27 17:59:12 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una musicalità russa

Finalmente lo scritto che porta la firma della moglie di Tolstoj: Romanza senza parole, edita da La Tartaruga edizioni. Sofia Tolstoja, moglie di Tolstoj Lev per quarantotto anni, una storia lunga una vita, da cui nacquero tredici figli, abbandonò le sue ambizioni letterarie per dedicarsi al marito. Dopo Amore colpevole vede la luce, appunto, Romanza senza parole, pubblicato per la prima volta in tedesco nel 2010. L’autrice racconta la propria storia: nella figura di Sasa, la protagonista, si avverte la vicenda personale di Sofja che non aveva mezzi efficaci per esprimere i suoi sentimenti di rivolta verso il marito cui la legava un grande amore ma anche crisi profonde.

Sofferente per la morte dell’amatissima madre, Sasa è depressa pur se il marito è amorevole, il figlio amato, ma lei, nella sua prigionia dorata, non è felice fino a quando in una dacia in campagna sente il suono di una romanza: “Romanza senza parole” di Mendelsson, suonata da Ivan Ilic, maestro di musica e le si accende una fiammata di vita. Non è solo la potenza della musica a darle gioia, ma anche l’uomo che compone e suona. Sasa avrebbe voluto gettarsi ai piedi di quell’uomo che con tanta perfezione incarna l’arte. Come una pagana dei tempi antichi al cospetto del suo idolo, voleva inchinarsi fino a terra davanti a quella forza che aveva risvegliato in lei il senso del bello e l’aveva richiamata alla vita. Era attratta da quell’uomo che attraverso la musica si era impadronito di lei: l’arte era uscita dalla sfera dell’astratto e si era trasformata in sentimento tenero. Le pareva che l’anima fosse trasportata in un “pianissimo” fino all’eternità e avesse trovato alla fine la sua pace. La melodia racconta in modo espressivo la storia di una intera vita umana. Dilaniata dal desiderio verso Ivan e dalla necessità di negarlo, ama platonicamente l’uomo e si tormenta con il senso di colpa e l’ansia della purezza. Diventa fobica, una fobia nevrotica per “lo sporco” in tutte le sue forme. Divisa tra la morale e la resa dei sentimenti, la depressione e il ritorno alla vita, un concerto di leggera armonia e di struggente mancanza di riscatto, l’alternanza dell’accettazione e del rifiuto di amore riempiono il romanzo per tutta la durata della storia, fino all’epilogo.

Un ritmo sensuale inchioda al testo, un piccolo tesoro ritrovato. Finalmente!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri