Senza domani Senza domani

Senza domani

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

A Parigi, una qualche sera di uno degli ultimi anni dell’Ancien Régime, un gruppo di amici si pose la seguente questione: è possibile raccontare una storia erotica senza usare parole indecenti? Pensavano tutti di no, salvo il giovane Vivant Denon. Per dimostrare la sua tesi, Denon scrisse allora Senza domani, un racconto che oggi ci appare come un vertice della letteratura erotica. In poche pagine, con scansione impeccabile, si svolge qui una storia di seduzione, inganno e felicità, che si apre e si chiude nel corso di una sola notte. Con mano leggera e segno preciso, Denon ha afferrato, come per gioco, l’effimero erotico in tutta la sua magia. Seguiamolo, provvisti di maschera, nel «boschetto labirintico di questa avventura d’amore» e ascoltiamone subito le prime parole, se vogliamo sapere che cos’è un ritmo perfetto: «Amavo perdutamente la Contessa di...; avevo vent’anni, ed ero ingenuo; lei mi ingannò, io mi arrabbiai, lei mi lasciò. Ero ingenuo, la rimpiansi; avevo vent’anni, mi perdonò: e poiché avevo vent’anni, poiché ero ingenuo, ancora ingannato, ma non più lasciato, mi credevo l’amante più amato, e quindi il più felice degli uomini».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Senza domani 2020-01-07 10:54:01 DanySanny
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    07 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Settecento in 80 pagine

Questo racconto nasce, secondo la storia e forse la leggenda, da una scommessa: quella di scrivere una storia erotica senza mai fare uso di un linguaggio carnale. Vivant Denon, viveur che incarna alla perfezione l’ideale intellettuale dell’uomo del settecento, sceglie di accettare la sfida e scrive una storia che il pubblico contemporaneo, abituato a ben più esplicite evoluzioni, può faticare ad apprezzare. Ma Denon, che non era scrittore, ma storico dell’arte, conosce bene la differenza tra erotismo e pornografia, pur non dandoci troppo peso. Il racconto diventa così un vero e proprio prontuario dei modelli e dei cliché del Settecento, anzi, in queste pagine si ricapitola un’epoca: la seduzione che la donna sposata esercita sul bel giovane (già amante di una sua amica) a teatro, le scene d’amore che si consumavano sui palchetti e dietro i sipari; il lungo viaggio verso un castello disperso; il giardino fiorito e ombroso, il laghetto e la panchina dove avanzare le pretese d’amore; il famoso boudoir che nasconde inenarrabili piaceri, quasi sospeso in un’atmosfera di fiaba, tra specchi e alberi evanescenti che trasportano l’uomo in un mondo irreale; e ancora il marito tradito che accoglie a cena l’amante e infine il gioco di inganni e finzioni che rendono il Settecento il secolo non del teatro, ma della teatralità. Ecco tutto questo è “Senza domani”, anche se magari la storia non è poi un granché e solo la capacità dello scrittore di tenere il ritmo permette al lettore di non annoiarsi.

La cosa più interessante di questo libro è invece la biografia particolareggiata di questo uomo fatto barone, Vivant Denon, che seppe attraversare, senza restarne colpito, le transizione epocali della storia francese: a suo agio tanto nelle regge della monarchia francese, quanto, pur nel disprezzo, nei tribunali del giacobinismo, sarà al seguito di Napoleone in Egitto, dove requisirà in lungo e in largo i reperti storici fino ad allora del tutto trascurati e soprattuto diventerà il primo curatore e direttore del Louvre. È proprio Vivant Denon il fondatore del moderno concetto di museo, l’artefice della nostra percezione e fruizione dell’arte, e ahimè è sempre lui che depredò l’Italia di tanti capolavori per poter fare del Louvre una somma splendida dell’arte di ogni secolo. Per questo è quasi commovente l’immagine di questo uomo che, oramai vecchio e attaccato ai suoi Leonardo, Raffaello, Tiziano, combatterà fino allo stremo per trattenere nel suo museo quei beni artistici che la Restaurazione, caduto Napoleone, vorrà a forza portagli via. È nella mondanità di Vivant Denon, nella sua “urbanità” che sta la fonte di “Senza domani”, ma anche lo spirito di un intero secolo e di tutta quanta una cultura, nonché l’occasione, davvero gradevole, di ripercorrere cinquant’anni di storia densi e bellissimi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri