Narrativa straniera Classici Tutti i racconti
 

Tutti i racconti Tutti i racconti

Tutti i racconti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

"Quest'opera contiene tutti i racconti di Franz Kafka, sia quelli da lui editi, sia quelli che furono pubblicati dopo la sua morte. Altri saranno certamente andati perduti... Possiamo essere grati al destino che ha salvato questi. Dai racconti, e non solo da quelli che l'autore pubblicò in forma definitiva, il lettore può trarre la giusta impressione del valore artistico della prosa kafkiana. Certo è che non può dire di conoscere Kafka chi ha letto soltanto i suoi romanzi. I racconti stanno non solo a uguale livello, ma superano i romanzi: non esito a dire che un racconto come "Le metamorfosi" vale certo "Il Castello"." (Dalla premessa di Ervino Pocar)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
Tutti i racconti 2021-07-14 07:17:55 Valerio91
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Luglio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Frammenti

Un vero peccato che Franz abbia deciso di dare alle fiamme buona parte della sua produzione letteraria. Questa triste decisione è quantomai evidente nella lettura di questa raccolta (edita Mondadori) di tutti i suoi racconti arrivati fino a noi; o meglio, di ciò che di essi è rimasto. Sì, perché quelli raccolti all’interno di questo libro - soprattutto all’inizio - sono molto spesso dei semplici frammenti che potrebbero appassionare un profondo studioso dello scrittore praghese, ma frustrare chi al loro interno voglia cogliere un senso. Di per sé, Kafka non è già uno scrittore semplice da affrontare, figurarsi quanto sia difficile seguire racconti spezzettati o senza conclusione. Devo ammettere che soprattutto la lettura della prima metà è quasi frustrante, tra racconti complessi e surreali fino all’eccesso (forse anche frutto di una scrittura ancora giovanile) e altri spezzettati e dunque incomprensibili.
La boccata d’aria si ha con “La metamorfosi”, che per la sua profondità personalmente considero non un racconto bensì un romanzo vero e proprio. Sebbene i racconti si facciano, col proseguire delle pagine, sempre più “integri”, devo dire che probabilmente Kafka dà il meglio di sé nei romanzi e nei racconti lunghi. Le storie lunghe una pagina o poco più sono per la maggior parte fine a sé stessi, senza una specifica profondità - a volte, non vorrei dire una blasfemia, addirittura senza senso - mentre quelli più lunghi permettono allo scrittore di sfoggiare tutta la maestria e la complessità di pensiero che lo hanno reso uno scrittore unico e inimitabile. Sono proprio queste produzioni, tra cui mi sento di citare “Nella colonia penale” e “Indagini di un cane”, a rendere questa raccolta di racconti degna di essere letta, anche se personalmente mi fionderei direttamente su queste storie e poche altre. La scrittura di Kafka è ostica, criptica, surreale, con un utilizzo scarsissimo di dialoghi che la rendono più lenta e difficoltosa (un esempio lampante di questo è il racconto “La tana”) ma estremamente soddisfacente quando se ne riescono a cogliere le sfumature di significato.
Ervino Pocar, nella quarta di copertina di questa raccolta, afferma: “I racconti stanno non solo a uguale livello, ma superano i romanzi: non esito a dire che un racconto come La metamorfosi vale certo Il castello”. Usare come metro di paragone un capolavoro come “La metamorfosi” non è proprio un gioco leale: non basta quello a risollevare tutto il resto. I racconti vanno considerati nel loro valore singolo, e mentre ce ne sono alcuni davvero degni di nota e dall’alto valore letterario, ce ne sono altri che lo sono molto meno. E se proprio volessimo indulgere in paragoni tra romanzi e racconti, quale di questi varrebbe un capolavoro come “Il processo”?

“Negli ultimi tempi ripenso sempre più alla mia vita, cerco l’errore decisivo, colpa di tutto, che potrei aver commesso, e non riesco a trovarlo. Eppure devo averlo commesso perché, se così non fosse e, nonostante ciò, con l’onesta fatica di una lunga vita, non avessi raggiunto ciò che volevo, avrei la prova che ciò che volevo era impossibile e ne seguirebbe il crollo di tutte le speranze.”

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

In affitto
In tribunale
Bandito
La fattoria delle magre consolazioni
Il possidente
Le torri di Barchester
Deephaven
Racconti di pioggia e di luna
La casa grigia
Il villaggio di Stepancikovo e i suoi abitanti
L'uccello nero
Il mago
Cristallo di rocca
Il racconto della vecchia balia
Casa Danesbury
Lontano nel tempo