Narrativa straniera Classici Una figlia d'Eva
 

Una figlia d'Eva Una figlia d'Eva

Una figlia d'Eva

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Una figlia d'Eva è un breve romanzo di Honore de Balzac. Questa opera comprende le prime apparizioni di personaggi chiave che torneranno in successivi romanzo dell'autore. Si tratta di una storia in cui i peccati apparentemente innocenti si trasformano presto in una rete ineluttabile di intrighi, frodi e lussuria.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una figlia d'Eva 2019-01-07 09:14:12 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    07 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La buona società

E' un romanzo sulle illusioni. Una donna romantica, sognatrice, non abituata a gestire rapporti falsi e fatui viene spinta verso una relazione extraconiugale che non le porterebbe nulla di buono se non la perdita della sua integrità morale, qualcosa che non conta molto, ma che quando c'è infastidisce la buona società. Molto bella la descrizione della società e dei rapporti che vi legano le persone: fine, arguta, intelligentissima. Ho apprezzato molto meno i personaggi come caratterizzazione psicologica e la trama. Il marito si rivela migliore dell'amato non solo come spessore umano ma anche come intelligenza, a dimostrazione del fatto ormai assodato che l'amore è cieco e rende ciechi e magari anche stupidi . Nessuno dei personaggi mi è piaciuto particolarmente e la storia è ormai datata nel senso che leggendola sembra un po' falsa e artificiosa a differenza di certi capolavori che restano immortali. In ogni caso certe pagine, soprattutto quelle all'inizio del libro, sono molto belle e si riconosce la penna del grande artista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Facciamo che ero morta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri