A cena con l'assassino A cena con l'assassino

A cena con l'assassino

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Lily Armitage ha deciso che non metterà mai più piede a Endgame House, la grande dimora di famiglia in cui sua madre è morta ventuno anni prima. I suoi propositi, però, vacillano quando riceve una lettera dalla zia, che la invita alla sfida tradizionale che si tiene ogni anno: il Gioco di Natale. In cosa consiste? I partecipanti dovranno trovare dodici chiavi con i dodici indizi a disposizione. Quest'anno c'è un premio speciale: l'atto di proprietà di Endgame House. A Lily non interessa nulla della casa, ma nel biglietto c'è un dettaglio che basta da solo a convincerla: durante i giochi verranno rivelati gli indizi per scoprire finalmente la verità sulla morte di sua madre. Ma è davvero così o si tratta di uno scherzo di pessimo gusto? Per scoprirlo, Lily deve trascorrere dodici giorni nella grande casa insieme ai cugini, risolvendo enigmi e indovinelli per rivelare, uno a uno, i segreti più oscuri della famiglia Armitage. Quando una tempesta di neve isola la casa da ogni contatto con l'esterno, tutto può succedere...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A cena con l'assassino 2023-09-24 09:23:17 lapis
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
lapis Opinione inserita da lapis    24 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Caccia al tesoro. O all’omicidio?

Fenomeno editoriale inglese, "A cena con l'assassino" deve probabilmente il suo successo alla capacità di innovare con qualche elemento di originalità una formula più che mai consolidata e amata dal pubblico, quella della serie omicida in uno spazio chiuso e inaccessibile, in questo caso l’antica magione di famiglia “Endgame House”, isolata a causa di una tempesta di neve.

Endgame, un nome che è già un programma. In questa casa, infatti, tanti anni fa, prima che terribili tragedie distruggessero la famiglia, a Natale si organizzavano tradizionali giochi rompicapo a base di anagrammi e indovinelli. Zia Liliana, prima di morire, decide di organizzare l’ultima sfida per i suoi familiari: chi riuscirà a resistere per dodici giorni, risolvendo dodici enigmi e trovando così altrettante chiavi, otterrà in premio non solo l’eredità della casa ma anche la verità, portando alla luce i più oscuri segreti di famiglia. Finalmente, per la protagonista Lily, è l’occasione per scoprire cosa è accaduto a sua madre ventuno anni prima.

Sicuramente Alexandra Benedict attinge a piene mani alla tradizione del genere, confezionando un’opera che vuole, per ambientazione e toni, richiamare i gialli logici, misurati ed eleganti di cui Agatha Christie era maestra. L’elemento innovativo è invece la dimensione del gioco, non solo il fatto che lo scheletro della storia sia proprio la risoluzione dei rompicapi, ma che il lettore venga allettato con la stuzzicante speranza di poter partecipare al gioco, risolvendoli in prima persona. Speranza del tutto disattesa, purtroppo. Non so se la fruizione in lingua originale possa condurre a risultati diversi, ma nella mia esperienza personale di lettrice italiana, pur amante di enigmistica, i giochi di parole e i collegamenti proposti sono risultati del tutto inaccessibili. A peggiorare la situazione, pur non avendo capito nulla degli indizi forniti, l’individuazione del colpevole è risultata invece piuttosto intuibile già da metà libro. Mancando i meccanismi ingegnosi e imprevedibili che hanno fatto la grandezza di tanti gialli, ci si sarebbe potuti appellare almeno ai personaggi. Invece debole, se non del tutto assente, è l’approfondimento dei caratteri, tant’è che persino la protagonista risulta a mio avviso distante e inespressiva.

In conclusione, un romanzo in cui l’originalità dell’idea è indubbiamente superiore all’esito della realizzazione. Peccato, rimane la delusione di un’occasione sprecata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Omicidio a Manhattan
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La casa delle tenebre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La Santuzza è una rosa
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Abel
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lo scambio
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sua Eccellenza perde un pezzo
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Giù nella valle
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Perdersi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tempo di caccia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Sotto la pioggia gentile
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Le schegge
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il vento soffia dove vuole
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue
Posto sbagliato, momento sbagliato
Delitto impunito
La setta delle ciambelle
Holly
Beach road
Il club dei delitti del giovedì