Appartamento a Istanbul Appartamento a Istanbul

Appartamento a Istanbul

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Appartamento a Istanbul, romanzo di Esmahan Aykol edito da Sellerio. Kati Hirschel è una Berlinese trapiantata a Istanbul da una quindicina d’anni. Gestisce una libreria specializzata in gialli, per il resto il suo tempo è preso a occuparsi di una quantità di piccoli affari pratici che la sballottano da un estremo all’altro della sconfinata città che abbraccia il Bosforo. E parla, conversa continuamente e con chiunque, di ogni ceto occupazione e risma, amiche e vicini, amori, e personaggi con cui viene in contatto per il lavoro o per le altre incombenze: storie, particolari, vicende, incontri che finiscono per sommergerla di atmosfere metropolitane e, con lei, chi la segue nella sua giornata. È il ritmo di questa spericolata città (ultimo pezzo probabilmente di un cosmopolitismo orientale che non può sopravvivere che nell’Europa in cui l’Oriente è diventato mito) che la attraversa e i delitti in cui si lascia coinvolgere da investigatrice involontaria funzionano inconsciamente come ottimi pretesti per tuffarsi nel ribollente miscuglio di vizio affari e politica su cui galleggia la città. Un affarista è stato ucciso, un uomo che controllava lucrosamente un numero di posteggi in centro e speculava in aree edificabili. Caso vuole che il delitto sia avvenuto poco dopo un alterco con Kati, per via di un appartamento che la libraia vorrebbe comprare. Facile, per la polizia, sospettare di lei, ma è soprattutto l’invincibile curiosità che spinge Kati a occuparsi delle strane circostanze di una morte che non avrebbe dovuto avvenire così facilmente. I parenti della vittima, le sue passate fidanzate; e mentre Kati scorre come i grani di un rosario l’intera catena di conoscenze e contatti, piomba un secondo omicidio. Stavolta è immediato orientarsi verso i soci del morto e verso i circoli di politici fondamentalisti che univano la prima vittima con la seconda.

Esmahan Aykol, nata nel 1970 a Edirne, Turchia, vive tra Berlino e Istanbul. Durante gli studi universitari in giurisprudenza ha lavorato come giornalista per radio e giornali turchi. Oggi, dopo una parentesi come barista, si dedica completamente alla scrittura. Con questa casa editrice ha pubblicato Hotel Bosforo (2010), il primo romanzo della serie con protagonista Kati Hirschel.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Appartamento a Istanbul 2013-03-01 10:33:57 Nadiezda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    01 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bakschisch

Si tratta di un romanzo con toni del rosa e del giallo.
Viene narrata la storia di Kati Hirschel, una tedesca oramai bilingue che vive ad Istanbul da quindici anni.
Ha superato i quarant’anni e ha deciso di dipingersi i capelli di un rosso quasi carota, la sua vita sentimentale con un avvocato turco non sempre va nel migliore dei modi.
Lei gestisce una libreria di romanzi gialli ed il primo romanzo nel quale viene conosciuta è “Hotel Bosforo”.

La storia inizia con un aspro litigio di Kati ed il suo fidanzato.
Kati sta passando un periodo pieno di nervosismo perché l’affitto di casa è aumentato e deve mettersi alla ricerca di un nuovo appartamento.
Una sua amica le da il contatto di un impiegato del catasto, il quale, tramite un illecito pagamento le darà delle dritte.
Accade però che proprio nell’appartamento indicato dall’impiegato del catasto vi si consumi un omicidio.
L’imputata principale è proprio Kati.
L’unica cosa che potrà fare per dare prova della sua innocenza sarà quella di mettersi ad investigare per conto proprio.

Non si tratta di un romanzo semplice perché sotto i toni rosa si nasconde la criminalità organizzata e reati sui quali è difficile indagare.
La corruzione, infatti, viene vista come un atto di gentilezza.
Ho trovato questo libro molto interessante ed a tratti anche divertente.
Ho molto apprezzato le descrizioni della città e delle persone che vi abitano.

Si tratta di un libro davvero bello e pieno di particolarità che mi sento di consigliarvi!

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri