Case di vetro Case di vetro

Case di vetro

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Tutti hanno un talento. Quello di Armand Gamache, commissario della Sûreté du Québec, è trovare i criminali. «I gialli di Gamache incantano come un poema epico» The Washington Post. Deciso e sempre misurato, Gamache crede nella legge ma risponde prima di tutto alla propria coscienza. E considera i suoi concittadini gente come lui, da proteggere e rispettare. E talvolta da arrestare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Case di vetro 2019-04-13 14:57:27 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    13 Aprile, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

sorprendente

Ambientato in Canada, questo romanzo è uno di quelli che ultimamente mi hanno sorpreso di più. In senso positivo, intendo. Ammetto di aver conosciuto solo con questo romanzo sia Armand Gamache sia la sua mamma Louise Penny, che con questo sono arrivati già al quindicesimo volume con protagonista il commissario nordamericano. In tanto mi è piaciuto molto lo stile di questa signora: qualcosa che per certi versi ricorda i romanzi gialli del passato, con citazioni di libri e di leggende, ma tenendo sempre i piedi ben piantati nel presente e gli occhi fissi sull'attualità. Questa autrice ha la bravura di spiegare in modo semplice anche le cose più complesso e quella di dosare poco a poco le notizie. Come una brava cuoca solo al momento giusto mette un pizzico di questo, un niente di quell'altro e ne fa uscire un ottimo piatto. Un'impresa non da poco, visto che questa storia è piuttosto complicata da costruire. con continui salti tra passato e presente, molti personaggi e indagini che vanno in più direzioni. fino alla fine il lettore si chiede dove Gamache vuole andare a parare con suo modo insolito di procedere. Solo la fiducia per quest'uomo, che l'autrice ha saputo trasmettere consente di andare avanti con le pagine e di non rinunciare temendo che si tratti solo di un bluff e che alla fine tutto il castello costruito dalla Penny le cada addosso come un mucchio di sabbia, seppellendo anche le speranze del lettore.
Il libro è ambientato quasi interamente in un villaggio di frontiera del Canada. Talmente di frontiera che passando attraverso i boschi dal centro del paese in pochi minuti si può arrivare negli Stati Uniti. E' qui, a Three Pines che abita Gamache: il capo della Sureté du Québec. Nonostante sia stato di recente promosso Gamache è rimasto un poliziotto di quartiere, Considera i suoi concittadini come fratelli e sorelle da proteggere quando ne hanno bisogno, ma non ha alcuna remora nel metterli aspramente al loro posto quando sbagliano. Nello stesso modo si comporta coi subordinati: paterno nel modo in cui si intendeva in passato: una guida dura, ma giusta. Nel paese vive tutto un campione di varia umanità delle più diversificate e bizzarre. Solidali tra di loro come possono esserlo solo persone che vivono quasi isolate e allo stesso tempo con quell'astio latente tipico di chi vive a contatto troppo stretto. In questo luogo ameno e quasi paradisiaco per l'osservatore meno attento compare un losco figuro che per alcuni giorni mette in subbuglio i cittadini. Si tratta di un Cobrador: un personaggio incappucciato che silente e inquietante sembra si metta alle calcagna di persone con la coscienza sporca. Un modo per far sapere al mondo che la persona inseguita ha nel suo passato qualcosa di poco chiaro. Le regole vogliono che questo personaggio si limiti a seguire la sua preda. Questo volta però una donna viene trovata morta con addosso lo stesso costume del Cobrador. Partono le indagini sull'omicidio e parallelamente e di nascosto la Surete si mette al lavoro per contrastare il fenomeno del contrabbando di droga attraverso la frontiera. Che cosa due crimini così diversi tra di loro abbiano in comune lo sapremo solo nelle ultime pagine del libro. In queste ultime pagine avremo anche la sorpresa di scoprire che il nostro Gamache non è poi quell'impenitente pantofolaio che ci siamo immaginati per tutto il libro: appassionato di letture che cita sempre con cognizione di causa, ma anche coraggioso e reattivo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri