Cuore depravato Cuore depravato

Cuore depravato

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Cambridge, Massachusetts. Kay Scarpetta riceve sul cellulare un messaggio che sembra arrivare dal numero di emergenza di sua nipote Lucy, con un link a un video che riprende la stessa Lucy e risale a quasi vent'anni prima. Ma come è possibile? La famosa anatomopatologa comincia a scoprire terribili segreti che riguardano la nipote che lei ha cresciuto come una figlia. A questo video ne seguono altri, con pericolose implicazioni legali, che lasciano Kay in uno stato di isolamento, preoccupazione e confusione. Non sa cosa fare né con chi confidarsi, non può nemmeno rivolgersi al marito Benton Wesley, né a Pete Marino e ovviamente non a Lucy. Il suo universo e quello di tutti coloro che lei ama viene messo a repentaglio da un piano diabolico, mentre lei stessa è alle prese con il caso della morte solo apparentemente accidentale della figlia di una ricca e famosa produttrice di Hollywood.



Recensione della Redazione QLibri

 
Cuore depravato 2015-12-09 09:26:33 evakant
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
evakant Opinione inserita da evakant    09 Dicembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

24 ore per morire

AVVISO: è presente una anticipazione sul finale, che non svela nulla, ma c'è. Eventualmente non leggete le ultime 5 righe.

Sono lontani i tempi della Cornwell in cui i casi appassionavano, raccontavano una storia, raccontavano le vite delle vittime e le vite del carnefici.
Sono lontani i tempi in cui Kay Scarpetta cercava di ridare un volto, una storia, un'anima a dei corpi freddi, mutilati o di cui era stato fatto scempio.
Sono lontane le corse conto il tempo per acciuffare assassini e serial killer che hanno una storia, che hanno forse dei motivi, per quanti beceri, per fare quello che fanno.

Oggi Kay Scarpetta, sopravvissuta ad un tentativo di omicidio da parte della serial killer pazza psicopatica, sadica quale è Carrie Grethen, una sorta di fantasma riemerso dal passato visto che la si credeva morta da anni...è alle prese con una sorta di “24 ore per morire”.

Partiamo dal presupposto che questa pericolosissima serial killer è ancora viva: lo sa Kay, lo sa il suo amico e collega di lunga data Marino, lo sa l'FBI, lo sa la CIA, lo sa la nipote di Kay, Lucy Farinelli (che è stata sua compagna)...lo sa tutto il mondo, ma questa è libera di scorrazzare per il mondo a sua discrezione: ruba identità, si intromette in qualsiasi data base, server, posta elettronica che sia dell' FBI o della difesa. Rapisce e ammazza poliziotti, agenti e persone comuni come se rubasse caramelle, senza lasciare traccia e in modo assurdo, senza fare un solo rumore, le vittime si dissolvono nell'aria cose fumo.
E ovviamente nessuno fa nulla.

In queste 24 ore di racconto (sì 400 pagine per 24 ore) “Carrie la pazza” (forse un riferimento a King?) prende di mira direttamente la nostra Kay, per prendere di mira indirettamente la nipote Lucy...ma anche qui non è ben chiaro se ce l'abbia con una o con tutte e due.

La base di partenza è sempre un omicidio efferato che porta poi a tutta una serie di ragionamenti e alla “corsa contro il tempo” finale. Comunque inutile.

Dunque: la trama è inverosimile, irreale. I personaggi sono ormai delle caricature di se stessi.
Lucy Farinelli è una donna ex agente FBI, ex tutto, che vive blindata e armata fino ai denti con compagna e figlio adottivo, sembra un rambo in gonnella, capace di guidare aerei, elicotteri, barche, qualsiasi tipo di mezzo a motore, e ovviamente sfondata di soldi.
Kay Scarpetta è il capro espiatorio di tutta l'intelligence statunitense, integerrima, fredda, meticolosa, che in situazioni estreme sta 3 capitoli a fare analisi assurde.
Benton Wesley, marito di Kay e capoccia dell'FBI è una specie di monaco buddista che nulla e nessuno riesce a smuovere, nemmeno se in pericolo c'è la sua famiglia.
Pete Marino è l'unico che è ancora uguale a se stesso, per fortuna.
Carrie la pazza invece c'è e non c'è. Aleggia su tutta la storia ma non compare praticamente mai, se non in video registrati 15 anni prima.
Sarebbe stato molto più interessante offrire un'analisi della mente di questo soggetto, perché lo fa, cosa la spinge, vedere il suo “punto di vista”, avrebbe arricchito molto la storia.
Invece no, l'eroina senza macchia e senza paura è Kay Scarpetta. Sempre.

Il finale è frettoloso, richiama un po' la conclusione de “Il silenzio degli innocenti” con la caccia al serial killer di Clarice Starling negli interrati della casa del mostro, attraverso stanze e cantine segrete, solo che qui è come dicevo frettoloso (forse 2 paginette) anche se molto simile (cantine e stanze segrete di una casa antica, al buio, con una vittima ancora in bilico tra la vita e la morte).

La caccia non porta alla cattura della preda, banale espediente per iniziare il prossimo romanzo della nostra Cornwell. Si era già capito a pagina 50 che non si sarebbe arrivati a nulla.
Lo stile è anche abbastanza accattivante e la storia sembrerebbe avvincente, se portasse ad una conclusione.

Insomma: mediocre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cuore depravato 2016-03-21 13:37:00 cosimociraci
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    21 Marzo, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perplessità di una vita paranoica

Questo progressiva inversione di marcia di Patricia Cornwell, sul personaggio Kay Scarpetta, non riesce a trasportarmi come prima. Scarpetta è passata dall'essere una coroner investigativa ad una paranoica che va contro quell'immagine di donna razionale che apprezzavo tanto.

Tutto il romanzo è pervaso da incertezza. Scarpetta preferisce mantenere ogni segreto, forse per un desiderio perverso di saper tutto lei. Per tutto il libro gran parte dei dialoghi sono rappresentati dalle sue conversazioni interiori che nulla aggiungono alla trama se non confusione. Benton e Lucy sono altrettanto silenziosi e riservati.

Mi appare strano che l'autrice debba utilizzare questi escamotage dipanando la trama di una interminabile tessitura per imbastire un'atmosfera intrigante che a parer mio risulta solo intrisa di vaghezza.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cuore depravato 2015-12-14 17:06:07 cesare giardini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    14 Dicembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ombra di una diabolica assassina

La narrazione si svolge su due fronti: in una lussuosa villa dove la figlia di una famosa produttrice hollywoodiana viene massacrata simulando un suicidio e nella tenuta superblindata di Lucy Farinelli, nipote di Kay Scarpetta, perquisita in ogni angolo da forze speciali dell’ FBI. Sulle due vicende apparentemente non collegate, aleggia l’ombra di una ben nota serial killer, Carrie Grethen, nemica acerrima di Kay e data più volte per morta. La diabolica e depravata Carrie agisce subdolamente, falsando le indagini e manovrando occultamente per colpevolizzare di delitti vari Lucy, la sua compagna Janet e di riflesso la zia Kay. Tutta la vicenda la si ricostruisce con una certa difficoltà non tanto attraverso un susseguirsi di fatti, quanto deducendola da interminabili riflessioni, soliloqui, dialoghi della patologa forense Kay Scarpetta con i soliti collaboratori, cioè il detective Marino, il marito Benton, la nipote Kay e pochi altri investigatori. La tensione narrativa è data da suggestioni, timori più o meno fondati, sbattere misterioso di porte, manomissione di autovetture, e soprattutto dall’angoscia e dai tremori di una Kay che sta invecchiando e che continua a percepire nell’inafferrabile Carrie un pericolo mortale. Solo alla fine si materializza un colpo di scena che spiega tanti misteri ma che non risolve definitivamente l’indagine. Il thriller non è di facile lettura, si affastellano infatti nei dialoghi tra i protagonisti elementi a volte contradditori che complicano l’iter narrativo e disorientano il lettore.
La Cornwell attraversa, e non da adesso, una fase involutiva, i suoi consueti protagonisti appaiono un po’ stanchi, la routine consueta non è forse più percorribile : occorrono nuovi stimoli, nuove invenzioni che inducano la protagonista Kay ad azioni più serrate, con qualche emozione in più. Da segnalare (con cartellino rosso) nella traduzione dall’inglese un super-superlativo sinora usato solo da comici d’avanspettacolo: “fortissimissimo”, a proposito di pioggia intensa e battente: l’effetto è singolare e stridente, non compatibile con un thriller di un certo livello. A parte questo svarione (non imputabile ovviamente alla Cornwell), l’autrice scrive sempre in modo impeccabile e credibile, tanto da immedesimarsi nelle angosce della protagonista, quasi fossero anche le sue. Da leggere, con pazienza e attenzione.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I thriller di Patricia Cornwell
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri