Delitto di mezza estate Delitto di mezza estate

Delitto di mezza estate

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Notte di solstizio. Tre giovani si incontrano in un bosco dell'Österlen: sta per iniziare una cerimonia segreta in onore dell'estate, ma qualcuno li osserva di nascosto. La loro festa si tinge di sangue. Due foto ritrovate fra le carte di un collega assassinato convincono Wallander che gli omicidi sono collegati. Ora la polizia di Ystad è alle prese con gli inquietanti segreti di "uno di loro", un uomo che credevano di conoscere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Delitto di mezza estate 2014-07-29 17:30:27 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    29 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delitto di mezza estate

E’ difficile immaginare qualcuno di più scandinavo del gelido serial killer che si aggira in una Svezia medifionale insolitamente calda anche per i mesi estivi mettendo nel proprio mirino le persone felici (più qualche vittima collaterale). Nella sua settima indagine, il commissario Wallander si trova così a inseguire una sorta di ombra sfuggente e solo grazie a una grande tenacia, oltre che a qualche mossa ai limiti dell’incoscienza e ben fuori dal regolamento, riesce infine a venire a capo dell’indagine. Il protagonista dei romanzi di Mankell, infatti, crede nel lavoro di squadra – attorno a lui si muovono i consueti (per il genere) comprimari della stazione di polizia – ma finisce per compiere passi avanti o risolvere il caso solo grazie a testarde iniziative personali che spesso fanno seguito a improvvise inuizioni che a volte risultano un po’ forzate. Del resto, si ha l’impressione che, senza di esse, i poliziotti continuerebbero a girare in tondo, il che non depone proprio a favore dell’equilibrio con cui è costruita la storia: se da una parte si fanno apprezzare il passo lento e l’abilità di gestire quell’accumulo di tensione che genera la suspence, dall’altro gli strappi bruschi finiscono per risultare non ben amalgamati al tutto. Benchè la lettura risulti piacevole e le pagine si facciano girare per vedere cosa sta per succedere, il giudizio sul romanzo resta così un po’ a mezza strada, con l’idea che le premesse non siano state mantenute nello sviluppo della storia, forse anche perché lo scrittore non riesce ad approfondire del tutto il personaggio dell’assassino essendo troppo concentrato su quello del protagonista. Malgrado non abbia neancora cinquant’anni, Wallander dà infatti segni di decadimento fisico precoce, anche se il diabete, che fa da contrappunto a tutta la prima parte, in pratica scompare in una seconda in cui l’intera polizia di Ystad si sottopone a fatiche fachiresche pur di acchiappare il colpevole (sarà merito dell’adrenalina?): il tema degli anni che passano è interessante, ma dà l’impressione di essere troppo sottolineato, con anche il rischio di qualche ripetizione. Di certo, contribuisce ad aumentare il numero delle pagine, che finisce per sfiorare la cifra, un po’ eccessiva, di seicento: in esse fanno la loro parte anche le continue riunioni tra il commissario e i suoi collaboratori (necessarie per trasmettere il senso di impotenza che li pervade) e gli inutili pistolotti, sparsi lungo tutto il corso del romanzo, sulla decadenza della Svezia moderna, descritta in modo vagamente destrorso come fosse la Chicago degli anni Venti. Alla fine, ‘Delitto di mezza estate’ è un giallo ben scritto e adatto alla stagione estiva, ma che potrebbe far arricciare il naso agli appassionati del genere e al quale, in ogni caso, non avrebbe fatto male una bella sforbiciata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue