Il cinese Il cinese

Il cinese

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

In una fredda giornata di gennaio, un lupo affamato arriva a Hesjövallen. Sente l’odore del sangue. Nel villaggio ci sono i corpi di diciannove persone: di fronte a una strage così feroce e assurda, la polizia pensa al gesto di uno squilibrato. Può davvero la follia essere così ben pianificata? Il giudice Birgitta Roslin non lo crede e, in nome del legame che la unisce ad alcune delle vittime, decide di occuparsi del caso. Seguendo la pista di un nastro di seta rossa ritrovato nella neve, unica traccia in un’indagine che sembra senza via di uscita, Birgitta arriva a Pechino, alla ricerca del nesso misterioso tra un diario scritto più di cento anni prima e la violenza senza senso che si è scatenata in quello sperduto villaggio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cinese 2012-10-22 07:20:54 MATIK
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
MATIK Opinione inserita da MATIK    22 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cinese.

"Quello che è successo è troppo grande, troppo misterioso."

In un villaggio sperduto della Svezia....qualcuno arriva ed uccide tutti!
Questo è l'inizio sconvolgente del libro di Mankell, una donna Birgitta Roslin inizia a ricostruire ciò che è successo in quel villaggio.
Per riuscire a capire chi ha commesso il fatto torneremo indietro nella storia fino al 1896 in America dove veniva costruita la ferrovia, conosceremo, soprattutto, la storia di tre fratelli cinesi e scopriremo che chi ha commesso la strage in Svezia nel 2006 ha covato dentro di sè rabbia, odio e rancore per discriminazioni e oltraggi subiti dai propri antenati.
Un libro che non è solo un thriller, ma che racchiude in sè tanti concetti legati al mondo di oggi dove vige corrente la corruzione, le tangenti, la giustizia traballa e la voglia di restare al potere a tutti i costi senza scrupoli alcuni.
Un libro che ci farà conoscere la Cina, un mondo lontano e particolare!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ama i thriller e conoscere paesi lontani....
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cinese 2010-09-19 13:24:40 Arcangela Cammalleri
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Arcangela Cammalleri Opinione inserita da Arcangela Cammalleri    19 Settembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il cinese di Henning Mankell

In un villaggio svedese, a Hesjövallen, avviene una strage: 19 corpi trucidati, tutti di persone anziane tranne quello di un ragazzino di circa 12 anni, vengono ritrovati nelle loro case. 19 nomi, tre famiglie, un corpo dopo l’altro, tutti contraddistinti dallo stesso furore folle, le stesse ferite inferte con un’arma affilata. Non è una normale indagine, tutto è così orribile da risultare incomprensibile. La responsabilità del caso è affidata alla poliziotta Vivi Sundberg, tenace e con una grande capacità di analizzare anche i più piccoli indizi. Per una strana e misteriosa tela di parentele sarà coinvolta nell’inchiesta, sia pure non in forma ufficiale, il giudice Birgitta Roslin. Da questo truce fatto di sangue si dirama una storia le cui radici affondano in un lontano passato lungo 140 anni. Dalle gelide foreste scandinave attraverso differenti piani temporali la trama si snoderà in Cina, negli USA, in Africa per ricomporre il suo tragico epilogo in Svezia.
Mankell costruisce un libro corposo, una storia d’ampio spettro storico e riesce a dar vita ad un quadro di vite consunte dalla vendetta e dalla sete di riscatto sociale. Un frammento di storia, nell’800 molti cinesi furono venduti e sfruttati come schiavi in USA, nel Nevada, durante la costruzione della ferrovia, racconta con toni forti e partecipi la condizione di chi non ha riconosciuti nemmeno i più elementari diritti umani e soffre della propria dignità offesa. Di quanto la via del progresso e del profitto economico abbiano sacrificato migliaia di vite umane. Il passato, a volte, quando è stato troppo doloroso non si dimentica e l’odio è un fiele che avvelena l’esistenza.
Dall’inizio della storia al suo svolgimento, il lettore è trasportato all’interno di un’altra storia a tinte fosche che costituisce il corpo centrale del plot in cui si dispiegano le vicende umane di Wang San, di Ya Ru, di Liu… Il diario di San esprime la rabbia cresciuta dentro di sé, il viaggio umano nel dolore di un uomo e lo scrive perché i suoi discendenti non dimentichino le ingiustizie subite. L’ingiustizia pesava su tutta la Cina. La parte finale si ricollega all’inizio come uno schema concentrico. Mankell racconta della Cina di Mao, del movimento contadino convinto di sollevarsi dalla miseria e che ha fatto enormi passi avanti, ma devono i cinesi ancora combattere contro la miseria che è ancora grande. Il cammino è ancora lungo. La Cina pre-olimpiade che ai suoi vertici ordisce trame politiche e i cui leader moderni si sono sostituiti ai vecchi capi del partito comunista con metodi corrotti e antidemocratici. L’eterno scontro tra gli ideali che non riescono a sopravvivere alle pressioni di una realtà che i vecchi teorici non avevano mai compreso.
Mankell intreccia il genere giallo e quello storico in modo naturale senza discrepanze stilistiche né di contenuto, tutto viene ricomposto nella sua giusta collocazione. I personaggi si delineano man man che ci si addentra nello scritto, la loro natura umana emerge in tutte le proprie sfaccettature.
È un romanzo interessante che appassiona sin dalle prime pagine e si legge come “si suol dire” tutto di un fiato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri di letteratura scandinava di genere noir
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cinese 2010-06-15 14:15:29 mixo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mixo Opinione inserita da mixo    15 Giugno, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Mankell di transizione

Con quest'opera Mankell abbandona lo stile che lo ha reso famoso.
La storia è si ambientata in Svezia ma il racconto si snoda attraverso la Cina, l'America, l'Africa portando il lettore indietro nel tempo fino al 1800. Lo stile è sempre piacevole, la capacità di affascinare il lettore non viene meno, però a mio avviso manca una figura carismatica come quella di Wallander. La Roslin che si improvvisa detective non ha il physique du role. Bella la parte descrittiva della Cina moderna e dei conflitti interni, meno la conclusione, poco credibile. Il "cattivo" è un membro della mafia cinese, circondato da segretezza, potere e forza, che risolve i problemi liquidandoli in modo silenzioso ed efficace...invece si assiste ad epilogo a mio avviso più adatto ad un personaggio tipo l'inspector Clouseau.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cinese 2009-08-08 11:29:16 marco
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da marco    08 Agosto, 2009

positivo

Un Mankell in stato di grazia che sa rinnovarsi nei contenuti, nell'ambientazione storica (la cina, l'Africa di nuovo colonizzata, la tragica epopea del West nel 1800), nei personaggi (l'abbandono di wallander appare definitiva). Un coraggio che va apprezzato. Unici nei: la parte svedese del romanzo appare meno incisiva delle altre, il personaggio della donna giudice non mi sembra costruito benissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha amato " la quinta donna "
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue