Il porto delle nebbie Il porto delle nebbie

Il porto delle nebbie

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un uomo di una cinquantina d'anni viene fermato sui Grands Boulevards mentre si aggira in preda al panico fra autobus e macchine. Non ha documenti e dai suoi abiti sono state strappate le etichette. Non riesce a parlare. Qualche mese prima una pallottola gli ha spaccato il cranio, trasformandolo in una figura senza identità e senza memoria. In compagnia di questa muta silhouette, il commissario Maigret si immergerà nelle nebbie silenziose di Ouistreham, per sciogliere un enigma che ha la stessa cangiante apparenza del brumoso paesaggio normanno: "Alcuni istanti prima tutto sembrava morto, deserto. E adesso Maigret, che cammina lungo la chiusa, si accorge che la nebbia pullula di forme umane... Più avanza e più quell'universo di nebbia si popola."



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
3.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il porto delle nebbie 2017-10-06 09:13:04 catcarlo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    06 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'altro 'porto delle nebbie'

Ancora una storia di costa per Maigret, condita di chiuse, barche, sapore di salmastro, umidità, oltre all'immancabile paesino in cui le distinzioni sociali sono tanto chiare (lavoratori portuali da una parte, piccola borghesia dall’altra) quanto serrati a chiave i segreti, specie della classe benestante. Il commissario arriva a Ouistreham, vicino a Caen – il luogo in cui Simenon scrisse il romanzo – perché il capitano di quel porto è stato ritrovato smemorato a Parigi. Appena riportato a casa, l’ufficiale viene ucciso con la stricnina e allora risulta inevitabile indagare: se i primi sospetti possono cadere sulla giovane governate e sul di lei fratello avanzo di galera causa eredità, ben presto l’istinto di Maigret si orienta verso l'agiata cerchia del sindaco Grandmaison, l’azienda e la famiglia del quale racchiudono la soluzione dei misteri, incluso quello rappresentato dal misterioso uomo d’affari norvegese. Per arrivare a sbrogliare la matassa, il commissario beve forse qualche bicchiere più del dovuto, finendo malmenato in una stiva e poi legato come un salame sulla banchina, ma il consolidato metodo di lasciare che i colpevoli finiscano per fregarsi con le proprie mani - stimolati da un ‘aiutino’ solo quando serve – consente allo scrittore di delinearne con precisione la personalità. L’attenzione a simili aspetti va però a scapito della trama gialla: se in altri romanzi l’equilibrio si mantiene, qui i momenti di stanca finiscono per pesare oltre la misura mentre le rivelazioni finali risultano aggrovigliate in eccesso: ne scaturisce una mancanza di fluidità che rende difficoltoso concentrarsi sull’intreccio, così che gli appassionati del genere sono giustificati se storcono il naso. Chi tuttavia fosse disposto a sacrificare i meccanismi oliati con cura per lasciarsi avvolgere dalle atmosfere senza troppo soffrire l'inquietudine che ne deriva, si troverà al suo posto tra queste pagine che descrivono con efficacia le psicologie dei personaggi e i rapporti della limitata comunità (gli abitanti di un paese ma pure l’equipaggio di un cargo) in cui vivono o cercano di sopravvivere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il porto delle nebbie 2017-07-04 08:40:35 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    04 Luglio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indagine nella nebbia

Pubblicato nel 1932 Il porto delle nebbie fu scritto a bordo dell’Ostrogoth, il cutter che Simenon si era fatto costruire e attrezzare a Fécamp, ancorato nel porto di Ouistreham, dove si svolge l’intera vicenda. Avvolta sovente dalle nebbie la località marittima della Bassa Normandia è il teatro di una trama piuttosto intricata, in un’atmosfera di costante e inclemente tensione, in cui accade di tutto, perfino che il celebre commissario Maigret sia costretto a trascorrere una piovosa nottata legato come un salame e disteso sul molo. Ben conoscendo (ormai ne ho letti diversi) i gialli con proagonista l’infallibile detective è uno dei pochi casi in cui prevale l’azione. Beninteso non è che Maigret si metta a effettuare spericolati inseguimenti o sia costretto a sparare, ma la dinamica delle indagini è tale da riservare frequenti colpi di scena in cui addirittura si arriva a un furioso corpo a corpo. C’è un ex capitano di lungo corso, poi in pensione e diventato responsabile del porto di Ouistreham, che viene trovato a Parigi a vagare in stato confusionale, e che soccorso non capisce nulla di quel che gli si chiede e nemmeno parla.
E’ solo un caso fortuito che permette di scoprire chi é e sulle sue condizioni di salute grava una ferita da proiettile al cranio, peraltro operato con notevole perizia. Chi gli ha sparato? Perchè? Proprio per questo Maigret avvia le indagini e accompagna il capitano Joris (così si chiama quello che per un po’ era uno sconosciuto) alla sua casa a Ouistreham, da cui mancava da parecchi giorni. Nel corso della notte tuttavia l’uomo muore, avvelenato dalla stricnina. Il piccolo borgo, umido di nebbia, popolato di marittimi e di pescatori diventa così il teatro dell’indagine, in cui tutti, o comunque quasi tutti i soggetti interessati sanno, ma non intendono parlare, in una sorta di omertà che manda in bestia il commissario. Fra fortunali e ancora nebbie il massiccio investigatore si muove con la massima determinazione e da l’impressione sin dalle prime battute di aver capito molte cose, di cui tuttavia, invano, chiede le conferme. Si arriva così alla fine con il colpevole che non viene assicurato alla giustizia, ma che paga la sua colpa in altro modo, con soddisfazione di Maigret che manifesta la sua grande umanità nei confronti degli altri sospettabili, vittime in altro modo del reo che è un esponente di quella borghesia di provincia che Simenon non solo non ha mai amato, ma che ha dipinto nelle sue opere quasi sempre in modo impietoso.
Il porto delle nebbie, che nulla ha a che fare con il famoso film dall’eguale titolo diretto nel 1938 da Marcel Carné, è un ottimo poliziesco, capace di avvincere il lettore dall’inizio alla fine, ed è pertanto da me più che consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il porto delle nebbie 2013-08-15 16:10:36 Pelizzari
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    15 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Notti d'ovatta

Due cose colpiscono principalmente in questo giallo: l'ambientazione e l'intelligenza di Maigret. L'ambientazione perchè l'oscurità popolata di persone invisibili e l'atmosfera un pò d'angoscia che crea la nebbia sono affascinanti; trasmettono la sensazione di un mondo sconosciuto al quale si è estranei. E nella nube di umidità che imperla i baffi caratteristici di Maigret, spicca il suo acume. Perchè il suo cervello lavora come una ruota dentata che si incastra perfettamente con gli avvenimenti. Bello quindi lo stile. Storia di per sè non eccellente: "ceci n'est pas une pipe"!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri