Il settimo sigillo Il settimo sigillo

Il settimo sigillo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Uno scienziato viene ucciso in Antartide e l'Interpol contatta Tomás Noronha per decifrare un enigma millenario, un segreto biblico che l'assassino ha scarabocchiato su un foglio e ha lasciato accanto al cadavere: 666. Il mistero che avvolge questo numero obbligherà Tomás, il famoso investigatore dei romanzi "Il Codice 632" e "Einstein e la formula di Dio", a viaggiare dal Portogallo alla Siberia, dall'Antartide all'Australia, in una nuova avventura mozzafiato, in una ricerca che lo porterà a confrontarsi con il momento più temuto dall'umanità: l'Apocalisse.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il settimo sigillo 2011-03-21 09:04:00 Robbie
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Robbie Opinione inserita da Robbie    21 Marzo, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Energia e ambiente: la sfida del futuro

Lo scrittore Josè Rodrigues Dos Santos, nato in Mozambico nel 1964, giornalista e direttore del più importante canale pubblico portoghese, docente all'università di Lisbona, ci propone dopo il “Codice 632” e “Einstein e la formula di Dio” un interessantissimo thriller a sfondo politico-ecologico.

Il romanzo, come indicato peraltro nel titolo, parla principalmente del petrolio e del benessere raggiunto grazie allo sfruttamento di questa formidabile fonte di energia, ma anche dei problemi ad esso connessi, quali il surriscaldamento del pianeta Terra, l'essere “l'oro nero” una fonte non rinnovabile, il picco di Hubbert. Il libro ha, a mio modesto parere, il grande pregio - partendo da dati reali ed accertati - di evidenziare la spirale senza ritorno in cui l'umanità si stà infilando.

Appare mostruosamente profetico l'allarme sulla foresta amazzonica che, in caso di ulteriore surriscaldamento dell'area, sarebbe a rischio di progressiva desertificazione e scomparsa. Il libro cita la siccità che nel 2005 ha portato alla scomparsa di migliaia di alberi, che decomponendosi stanno rilasciando quantitá enormi di anidride carbonica nell'atmosfera (oltre a privare il pianeta di un'importante fonte di assorbimento). Nel 2010, quindi in data postuma all'uscita del libro, una seconda siccità, ancora maggiore, ha colpito l'amazzonia alla distanza di soli cinque anni (evento che invece dovrebbe essere eccezionale e verificarsi al massimo ogni secolo).

I dati sopra citati, assieme a molti altri ancora (scioglimento del permafrost, ecc.), danno un quadro rapido e semplice (per i profani) degli effetti che nel lungo periodo si potrebbero avere sul clima. Apprezzabile anche un secondo filone, un pó più nascosto nella trama del libro, di analisi dei problemi relativi alla vecchiaia nella nostra societá moderna.

Alla fine dei conti un buon thriller, anche se qualche scena è improbabile e irritante (uno storico universitario che non riesce a distinguere il Cremlino dalla cattedrale di San Basilio). E' un libro che fa riflettere, e non poco, che renderei obbligatorio leggere ai politici che ci rappresentano, ma anche alla gente comune, ignara di tutto quanto stà accadendo, distratta (volutamente?) da altre notizie mentre intanto ci si avvicina sempre piú al baratro ecologico/energetico.

Termino con un proverbio Masai, che trovo molto appropriato e che si può applicare al nostro amato pianeta. ”Trattiamo bene la terra su cui viviamo: essa non ci è stata donata dai nostri padri, ma ci è stata prestata dai nostri figli”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Una scomoda verità" di Al Gore
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sepolcro in agguato
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Perché hai paura
Poirot e i quattro
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy