Insolito e crudele Insolito e crudele

Insolito e crudele

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Mentre Ronnie Joe Waddell sta per salire sulla sedia elettrica, la dottoressa Kay Scarpetta, capo dell'ufficio di medicina legale della Virginia, è intenta ai preparativi necessari per eseguirne l'autopsia. Ma la morte dell'uomo non è il solo evento di cui Kay debba occuparsi in quella fredda notte di dicembre. Poche ore prima è stato ritrovato un bambino col corpo orribilmente mutilato: un episodio di violenza sessuale che mostra inquietanti affinità con l'assassinio per cui Waddell è stato condannato. Ma allora, chi è salito sulla sedia elettrica? Cosa lega questi due fatti avvenuti a più di dieci anni di distanza e ai quali faranno seguito numerosi altri delitti? Chi è lo spietato assassino? E, soprattutto, perché Kay Scarpetta è la principale sospettata? Tutto congiura contro Kay. Questa volta neppure la scienza sembra in grado di fornirle la prova in grado di scagionarla...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Insolito e crudele 2013-12-23 20:36:06 mariaangela
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    23 Dicembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Kay, Pete, Benton, Lucy...

Siamo in prossimità del Natale e Kay viene chiamata ad occuparsi dell’autopsia di Ronnie Joe Waddell giustiziato sulla sedia elettrica. Da nove anni rinchiuso nel braccio della morte, accusato del raccapricciante omicidio della giovane annunciatrice televisiva Robyn Naismith.
La storia si intreccia con l'efferato assassinio di un tredicenne che, nella modalità di ritrovamento del cadavere, fa pensare alla Naismith, i punti in comune sono tantissimi e sembrerebbe esserci ancora la mano di Weddell, ma è ovviamente impossibile, perchè nelle stesse ore veniva giustiziato...oppure no? Tutto si ingarbuglia pericolosamente...e se il corpo che Kay stà analizzando non fosse di Weddell? E dove sono finite le impronte digitali? O forse chi doveva rilevarle non lo ha fatto fingendo di dimenticarsene?
Insomma tutto diventa insicuro, anche la squadra che la assiste in obitorio: il suo vice Fielding, l’amministratore Ben Stevens, l’assistente di sala Susan Story...sono sempre colleghi di cui si può fidare?

Kay, capo medico legale della Virginia, avrà ancora una volta bisogno dell'aiuto di Benton Wesley, agente speciale dell' FBI, ma anche capo dell’Unità di scienze comportamentali di Quantico, esperto nello studiare i crimini violenti ed elaborare i profili psicologici degli esecutori, di Vander, responsabile dell‘AFIS Sistema Automatizzato di Identificazione Impronte, di Pete Marino fidatissimo amico e agente dell'Investigativa di Richmond. Ma avrà bisogno anche delle capacità informatiche della nipote Lucy che in questi anni è cresciuta ed è diventata un genio del computer.

Insomma ciò che può sembrare una banale trama, grazie alla Cornwell, eccezionale narratrice, diventa un romanzo godibilissimo. La sua attenzione per i dettagli e il particolare è piacevolmente maniacale. Ma il saperlo ben raccontare fa si che a te non stufi leggerlo.
Nelle spiegazioni medico scientifiche tutto è argomentato con estrema chiarezza e semplicità. Si vede che la scrittrice si è ben documentata.

Quando descrive un crimine, un paesaggio, un abbigliamento, un ambiente, un piatto cucinato, lo fa così bene che mentre lei lo racconta ti sembra di essere lì con lei, vedi e senti tutto, anche gli odori.
Davvero, ciò che più mi colpisce del suo stile è proprio questa capacità di scrivere dialoghi perfetti, descrivere i luoghi e farteli vedere con i tuoi occhi, il freddo e il bagnato della pioggia fartelo sentire sulla pelle, l’umidità ti penetra sulla schiena, della neve senti la consistenza nella mano.

Con questo romanzo nel 1993 è vincitrice del Gold Dagger Award, premio letterario assegnato annualmente dalla Crime Writers' Association per il miglior romanzo giallo dell'anno.
Per me è meritato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Postmortem, Oggetti di reato, Quel che rimane.
In ordine di uscita è più interessante e coinvolgente la lettura.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri