Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror L'estate dei morti viventi
 

L'estate dei morti viventi L'estate dei morti viventi

L'estate dei morti viventi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Stoccolma è sull'orlo del caos. Dopo un'ondata di caldo torrido, in città si è creato un campo elettrico di grande intensità. Le lampade non si spengono, gli apparecchi elettrici non si fermano, i motori continuano a girare. Poi si scatena un'emicrania collettiva. Si diffonde la notizia che negli obitori i morti si stanno risvegliando. C'è un giornalista, il cui nipote è appena stato seppellito, che si chiede se anche i morti sotto terra stiano riaprendo gli occhi. E un'anziana signora, in attesa del funerale del marito, che sente bussare alla porta in piena notte. E ancora, un uomo disperato che prega Dio di riportare in vita la moglie. Ma poi quando i morti tornano, cosa vogliono? Quello che vogliono tutti: tornare a casa. E riaverli con sé, non è esattamente come ci si aspettava.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'estate dei morti viventi 2011-09-19 16:39:14 Viola96
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Viola96 Opinione inserita da Viola96    19 Settembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'estate dei morti viventi.

A John Ajvide Lindqvist si deve uno dei migliori esordi letterari degli ultimi anni.Sto parlando dello splendido "Lasciami Entrare",horror giovanile e frizzante che ha ridato un pò di smalto al genere.Chi poteva pensare che il buon Lindqvist avesse deciso di prendersi un periodo di riposo risponde "L'estate dei morti viventi".Horror che ricorda gli zombie di Romero,con la classica tinta melò pura di Lindqvist e la sua audacia,è una conferma sul talento,ormai indiscusso dell'autore.La trama racconta di una triste epidemia che si diffonde velocemente e che sta facendo letteralmente risorgere i morti dalle tombe.Allora,i cari dei defunti vorrebbero riabbracciare i parenti precedentemente scomparsi,non rendendosi conto,che ormai non sono più niente.Meno brillante e con molti meno guizzi dell'esordio,Lindqvist costruisce un horror-drama divertente che sfocia anche in un melò a tinte da noir da non sottovalutare.Estraneo ad ogni forma di comprensione tra le righe,"L'estate dei morti viventi" è un romanzo di grande compostezza,ma non per questo autoritario.La ricezione del messaggio chiave("I morti vanno lasciati essere morti") rende il tutto molto più equilibrato e bello,mentre sorge un dubbio nella testa dell'accanito lettore:In molti danno certo che Lindqvist sia la risposta svedese a Stephen King.Ma se fosse un Edgar Allan Poe riveduto e corretto?Recuperate i suoi romanzi e fateci un pensierino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ancora Lindqvist e King.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'estate dei morti viventi 2009-11-25 14:00:09 A.M.
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
A.M. Opinione inserita da A.M.    25 Novembre, 2009
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leggiucchiabile!

L'intreccio dei personaggi ricorda vagamente (molto vagamente) la struttura di alcuni romanzi di Ken Follett, lo stile somiglia altrettanto vagamente al King di Pet Sematary (cui ruba la scena dell'esumazione di Cage). Le prime 150 pagine creano eccessive aspettative, puntualmente disattese nel prosieguo della narrazione. Sembra quasi che Lindqvist non sappia come proseguire e far interagire i vari personaggi, buttando lì situazioni inverosimili. Un romanzo di cui non si sentiva la necessità e di cui non si comprendono i perchè. Lo sconsiglio, pur riconoscendone il coraggio di trattare il tema Zombie da un'insolita prospettiva (che vi lascio interpretare).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
horror in generale.
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232