L'ultimo giurato L'ultimo giurato

L'ultimo giurato

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel 1970, uno dei settimanali più vivaci dello Stato del Mississipi, "The Ford County Times", fallisce. Ad acquistare la testata, con grande stupore di molti, è Willie Traynor, un ragazzo di ventitré anni che non ha neanche terminato gli studi al college. Il giornale sembra spacciato, fino a quando una giovane madre viene brutalmente uccisa da un membro dell'influente famiglia Padgitt. Willie riporta tutti i particolari raccapriccianti della vicenda e il giornale aumenta le vendite, mentre Danny Padgitt, l'assassino, viene condannato. A nove anni di distanza, Danny esce di prigione deciso a vendicarsi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultimo giurato 2019-09-05 14:25:06 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    05 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Folcklore e colore

Torna in questo romanzo di Grisham il sud degli Stati Uniti. E' quello degli anni '70 che contrariamente all'idea di America diffusa in Europa era tutt'altro che moderno, tollerante e con un piede sempre ben piantato ben oltre il futuro. Qui invece non uno, ma entrambi i piedi sono ben ancorati dentro paludi di pregiudizi, razzismo e tradizioni vecchie di secoli. Penso, anzi spero, che l'autore abbia un po' esagerato nel descriverci una situazione certamente complicata, in ritardo rispetto alle grosse città del nord, ancora in difficoltà ad accettare le differenze razziali e con una base sociale e economica di stampo ottocentesco. Il quadro che esce da questo libro è quello di un ambiente corrotto, dove una popolazione, di base semplice e onesta viene in parte raggirata e in parte ammaliata da imbroglioni e imbonitori. Giustizia, forze dell'ordine, addetti alla consegna delle notifiche: nessuno che abbia a che fare con la cosa pubblica sembra esente dall'essere comprato, o ricattato. In questo simpatico ambientino di fatto vige ancora la segregazione razziale: i bianche dalla parte migliore della città, i neri dall'altra parte della ferrovia. entrambi felici di non doversi mischiare con gli altri. Chiese, scuole, feste: tutto è separato. Tutto tranne il settimanale locale. Dopo decenni di direzione familiare, lo acquisisce un ragazzo proveniente da Memphis: è lui che ci racconta i dieci anni che trascorre a Clanton in Mississippi. Accanto alla sue vicende personali ci racconta quelle della città e in particolare quelle del peggiore delitto mai verificatosi in quella contea; si tratta dello stupro e dell'assassinio di una giovane madre. Responsabile del delitto è senza dubbio Danny Pangin membro di quella che potrebbe essere definita una famiglia mafiosa del sud. Il clan vive su un'isola ai margini della città dove svolge le sue attività illecite rimandando indietro in malo modo le forze dell'ordine che tentato di avvicinarsi. Niente è al di fuori delle loro possibilità: dove non basta la corruzione arrivano le minacce, dove neppure quelle ottengono i risultati voluti ci pensa un bell'omicidio.
Nel complesso ho trovato questo libro gradevole e ben scritto, ma io ho un debole per il modo lento e avvolgente in cui si dipanano i romanzi di Grisham. Capace di dilungarsi per pagine con descrizioni delle verdure di un orto, delle vicende di una famiglia che ha poco a che fare con la trama, ma senza mai annoiare il lettore. Ribadisco però le mie perplessità sulla descrizione del sistema giudiziario e dell'ambiente socio culturale , che secondo me hanno patito della scelta di puntare più sul colore che sulla precisione storica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ultimo giurato 2014-11-19 15:23:47 f.martinuz
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
f.martinuz Opinione inserita da f.martinuz    19 Novembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un thriller 'poco' thriller

La quarta di copertina definisce questo libro un 'legal thriller'. Secondo il mio punto di vista da 'non addetto ai lavori' L'ultimo giurato di Grisham ha forti sfumature 'legal' poiché, in primo luogo, molte scene si svolgono in un'aula di tribunale e in secondo luogo perché alcuni personaggi ruotano intorno al mondo forense, tuttavia del ritmo tipico del thriller ha ben poco.

La storia vera e propria ha inizio alla fine degli anni '60 quando il giovane ed inesperto William Traynor si avventura nella piccola e tranquilla cittadina di Clanton, Mississippi. Qui, grazie all'aiuto economico della nonna e ad una serie di eventi tanto fortuiti quanto favorevoli, rileva il decadente giornale della contea, il 'Times'. Inizia così una carriera giornalistica che lo catapulta nell'aula del tribunale della contea dove raccoglie la notizia che risolleverà le sorti del giornale: lo stupro ed il conseguente omicidio di Rhoda Kessellaw perpetrato, secondo l'accusa, dal giovane Danny Padgitt, membro della famiglia a capo della malavita e del contrabbando della zona.

Questa é la situazione di partenza che Grisham offre al lettore ma che non riesce a sviluppare al meglio perdendosi talvolta in digressioni poco utili alla trama della storia e quanto mai inutili per mantenere viva la tensione che dovrebbe caratterizzare un thriller. Nella prima parte descrive infatti l'arrivo di Traynor a Clanton e le fasi del processo; nella parte centrale abbandona l'aula del tribunale e il personaggio di Padgitt per dedicarsi agli spostamenti del giovane reporter tra pranzi succulenti, riforma della scuola, guerra del Vietnam e articoli di giornale e solo alla fine fa praticamente risorgere l'assassino chiudendo il libro in fretta e furia. I difetti di questo libro sono la mancanza di proporzione tra momenti intensi e pause narrative ed il finale eccessivamente sbrigativo.

Nonostante queste pecche lo stile di Grisham è fluido e scorrevole e a tratti anche piacevole, il contesto storico è ben delineato e, in alcuni punti, sembra che la vocazione del libro sia di carattere storico-sociale più che narrativo costituendo un punto a favore a mio modo di vedere. In conclusione consiglio questo libro a chi apprezza i romanzi con connotati storico/politico/sociali e lo sconsiglio per coloro che si aspettano un thriller dinamico, rocambolesco e intenso in stile Ken Follett o Dan Brown.

FM

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Finestra sul vuoto
L'ultimo conclave
Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
Il pericolo senza nome
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà