La congiura dei suicidi La congiura dei suicidi

La congiura dei suicidi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Atene sta affrontando il momento più duro dell’epidemia, la città è in lockdown e tutti soffrono le conseguenze psicologiche ed economiche delle restrizioni, anche la famiglia di Charitos. Per lui però, almeno al lavoro, è un periodo tranquillo, sembra che anche gli assassini preferiscano stare chiusi in casa. Ma la calma non dura a lungo e quando un suo vecchio collaboratore, Vlasòpoulos, gli chiede consiglio riguardo una strana lettera d’addio che inneggia a una fantomatica “congiura dei suicidi”, Charitos non può far altro che iniziare a indagare. Anche perché la lettera diventa un caso sui social, provoca manifestazioni contro le ristrettezze causate dal lockdown e i suoi superiori vogliono che scopra chi c’è dietro. La situazione peggiora quando altri anziani decidono di farla finita lasciando lettere molto simili ma, soprattutto, quando una banda di giovani che si firma “Combattenti del 2021” comincia una serie di sanguinose azioni per sabotare le vaccinazioni contro il covid. Charitos, così, dovrà dividersi tra due difficili casi in una città semideserta e prostrata dal virus. Tra agitazioni sociali dovute alle chiusure, crisi economica, negazionisti, cospirazionisti e antivaccinisti, Kostas Charitos deve affrontare un’indagine complessa che lo porterà a scavare, una volta ancora, nel ventre molle di Atene e della sua gente, sfinita ma indomita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
 
La congiura dei suicidi 2022-08-17 20:02:15 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Agosto, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indagine al tempo del Covid

Petros Markaris è uno di quegli autori che non mancano mai di porre l’accento sul giusto e sull’informazione. È uno di quegli autori che osservano il mondo circostante e che per questo lo fanno proprio, ne eviscerano e snodano i caratteri e per mezzo delle parole e di una trama fittizia e immaginata lo riportano a galla invitando così il lettore a riflettere, meditare e ponderare su quelli che sono i meccanismi di un universo in costante evoluzione ma la cui Storia tende a ripetersi. Ed è questo su cui egli, in particolare, focalizza. Perché la storia non debba o possa ripetersi ma anche affinché certi meccanismi non prendano campo.

«Il gregge inizia con il colonialismo. Che cos’era il popolo di un paese africano per i colonialisti? Nient’altro che un gregge di cui potevano fare quel che volevano. Lo stesso obiettivo avevano le guerre. Che cos’era l’esercito in queste guerre? Gregge. Un gregge che combatteva contro un altro gregge. Alla fine della guerra, gli eserciti erano diventati greggi di affamati e quelli che avevano fatto scoccare la scintilla si erano arricchiti. Oggi che la possibilità di far divampare un conflitto si è indebolita a causa delle armi di distruzione di massa, il gruppo di invisibili che continua a dominare e a governare il mondo ha scoperto i virus, e ci addolcisce la pillola con l’immunità di gregge.»

Ed è proprio dalla disinformazione che ha inizio l’opera. Disinformazione mixata a complottismo, ideologie estremiste, pandemia, mancata libertà e malessere. Ecco, dunque, che ha avvio una nuova indagine che vede il commissario Kostas Charitossi coinvolto in una congiura che si muove dal bisogno di una libertà che è stata tolta e ridimensionata a causa anche della pandemia.
Markaris ancora una volta riesce a fotografare quella che è la realtà della Grecia e a mostrarci il volto dei greci durante il periodo pandemico. Il pari del nostro Montalbano ma di origine greca dovrà entrare nel tessuto sociale di Atene bloccata appunto dal Covid e poi da qui l’indagine si sposterà su una seconda indagine che riguarderà un gruppo terroristico che mira prima a distruggere i vaccini e poi a colpire i medici che nei programmi televisivi divulgano le conoscenze mediche spronando alla vaccinazione.
Un romanzo molto attuale che è accompagnato dal canonico stile attuale di Markaris, scorrevole e lineare, non troppo impegnativo o farraginoso. Una indagine che parte lenta, con il dovuto incedere e i dovuti intervalli, con pochi ma essenziali elementi che riportano anche all’inquietudine del personaggio principale che questa realtà la vive e abita. Da circa metà dell’opera il ritmo narrativo aumenta e accelera e a questo si aggiunge una riflessione inerente alle ideologie che smuovono le masse e sono in grado di creare coesione e alle ideologie estremiste che portano fame, divisione, morte, ingiustizie, amarezza. Un buon capitolo delle avventure dell’eroe che solletica la curiosità e conquista soprattutto per temi e argomenti trattati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il lungo addio
Non aprite quella morta
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve