La follia Mazzarino La follia Mazzarino

La follia Mazzarino

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


A sei anni il piccolo Colin Remy vive la tragedia della perdita di entrambi i genitori: la madre in un incidente stradale, il padre suicida in seguito allo scandalo che ha travolto il cantiere di scavi archeologici da lui diretto dopo un incidente che ha causato la morte di tre operai sull’isola anglo-normanna di Mornesey. Colin cresce con gli zii. Nel tempo, però, insieme a lui cresce il sospetto, e poi la convinzione, che il padre non sia davvero morto: Colin lo capisce da alcuni indizi, vecchie fotografie, parole scambiate a mezza bocca dagli zii... Finalmente, alla vigilia dei suoi sedici anni, con la scusa di frequentare un corso di vela decide di tornare sull’isola di Mornesey alla ricerca della sua infanzia e possibilmente del genitore scomparso. Un mondo nuovo gli si apre davanti. Scopre che il padre archeologo non si dedicava soltanto agli scavi e al restauro della vecchia abbazia di Saint-Antoine, ma era anche sulle tracce di un tesoro leggendario chiamato la Follia Mazzarino. Scopre che l’isola delle vacanze è in realtà un’isola di criminali. Scopre che i parenti possono essere serpenti. Scopre infine di essere, suo malgrado, depositario di un segreto che quegli stessi criminali stanno affannosamente cercando. Aiutato da Madi, graziosa sedicenne borderline, e Armand, l’amico gracile con quoziente d’intelligenza 140, Colin spazia dalla superficie dell’oceano ai labirintici sotterranei dell’isola alla ricerca in realtà di un doppio tesoro, cioè suo padre e la Follia Mazzarino, inseguito da malfattori senza scrupoli decisi a carpirgli il suo misterioso segreto a costo di fargli la pelle.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La follia Mazzarino 2019-08-21 11:03:36 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    21 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cos'è davvero la Follia Mazzarino?

“La Follia Mazzarino” è forse il primo romanzo scritto da Michel Bussi, opera a cui è anche particolarmente legato tanto da esservi ritornato sopra a distanza di dieci anni dalla sua prima stesura, tanto da rivisitare alcuni personaggi e tanto da rendersi conto che, nonostante i tempi acerbi, al suo interno già vi erano racchiusi molti di quei temi che poi sarebbero diventati ricorrenti nei suoi lavori (quali la ricerca dell’identità, il rapporto tra genitori e figli, l’adolescenza, la manipolazione, l’apparentemente irrazionale che alla fine ha una spiegazione logica, il gusto per gli ambienti che costituiscono quel labirinto da esplorare e scoprire).
La storia nasce da una semplice constatazione: incrociare una persona e avere l’impressione di riconoscerla seppur consapevoli che magari quel volto che ha riaperto i solchi della nostra memoria appartiene a un defunto. Quante volte ci è successo o ci succede nel trascorrere delle nostre giornate? L’immaginazione è più rapida della ragione tanto che quella risata, quel tratto distintivo che è stato associato, non può nascere che da questa semplice sensazione.
Siamo nell’agosto del 2000 su un’isola immaginaria – e questa è anche una novità per chi conosce lo scrittore – della Manica di Mornesey, in cui sorge la statua dedicata al Cardinale Mazzarino. Colin ha sedici anni, è orfano prima del padre, Jean, poi della madre, Anne, (suicida), da quando aveva sei anni ed è cresciuto con gli zii, Brigitte e Thierry. È un ragazzo autonomo, indipendente, silenzioso a cui basta un libro per star bene. Con i neogenitori ha un rapporto superficiale, non riesce ad instaurarvi un legame di sincero affetto. È più su loro spinta che decide di partecipare a un campo estivo purché però lo mandino in quel che lui ha scelto e cioè su quell’isoletta in cui Jean, archeologo, e Anne avevano fondato un’associazione finalizzata al preservare un’abbazia caratterizzata, come tutto il sottosuolo del territorio, da cunicoli distribuiti come arterie e rappresentanti la presenza dei frati benedettini. È in questo contesto che ha avvio la Follia.

«L’espressione, lo sguardo, l’insieme del viso non mi lasciavano dubbi, nonostante la barba che nei miei ricordi non c’era. Era lui!»

Al contempo, il laureato in giurisprudenza e prestato al servizio estivo di sorveglianza a bordo di una mountain bike da parte del comune, Simon Casanova, viene chiamato ad intervenire sul luogo di un delitto. Sì, un delitto occorso su questa realtà in cui regna il nulla e la più totale apatia. Un messaggio chiaro e inequivocabile:

«Alle 16.31 sono stati dichiarati scomparsi due detenuti del penitenziario Mazzino, Jonas Nowakoski e Jean-Louis Valerino. Sono fuggiti durante un trasferimento dal continente al centro di detenzione. Jean-Louis Valerino, condannato per truffa, è un detenuto a fine pena, doveva essere rimesso in libertà fra meno di due mesi. Jonas Nowakoski è molto più pericoloso, ha varie condanne per una rapina a mano armata e lesioni gravi a pubblici ufficiali. Doveva scontare ancora sette anni.»

È in un lasso temporale di appena quattro giorni che le vicende si svolgono in un perfetto alternarsi di mistero, avventura, reati e un tesoro da scoprire. Perché nulla è come appare, perfino la stessa Follia Mazzarino. Tra adulti menzogneri, un padre che forse davvero morto non è, evasi, un barbone sempre ubriaco, giornalisti senza lode ma con tanta ambizione, nuovi amici (Armand e Madiha) e poliziotti stagionali, Michel Bussi crea un giallo dai ritmi serrati, i tempi ben bilanciati e il giusto ritmo narrativo.
Un elaborato in cui ritrovare ogni aspetto caro e ogni tratto distintivo di questo particolarissimo autore ma anche un elaborato in cui traspare il profondo legame con lo scritto proprio da parte del suo creatore. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri