Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror La lunga estate calda del commissario Charitos
 

La lunga estate calda del commissario Charitos La lunga estate calda del commissario Charitos

La lunga estate calda del commissario Charitos

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un gruppo di terroristi, che vorrebbero riportare la Grecia ai valori militari del Regime dei colonnelli, in opposi/ione al trionfo indiscriminato dei mass media e all'immoralità dilagante, si impossessa di un traghetto con trecento passeggeri a bordo. Non sarà un caso come gli altri, perché su quella nave c'è Katrina, la figlia del commissario Kostas Charitos. Intanto, ad Atene, un efferato serial killer, un vecchio colonnello torturatore, semina morti nel mondo gay e in quello corrotto della pubblicità. Un doppio intrigo, dunque, intessuto da oscuri nessi, in un'Atene spettrale e insidiosa che solo la sagacia, la curiosità e l'ironia di Gharitos potranno sbrigliare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lunga estate calda del commissario Charitos 2010-08-07 11:30:20 Interferenze letterarie
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Interferenze letterarie Opinione inserita da Interferenze letterarie    07 Agosto, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intelligenza, simpatica e novità

Partiamo da un presupposto. Le forze dell’ordine, in Italia, sono viste come un’accozzaglia praticamente incompentente (basti pensare alle barzellette sui carabinieri) ma comunque attraverso una lente di simpatia e rispetto. In Grecia la polizia è quasi un nemico, è tacciata di fascismo e di violare alle libertà personali. Questa mentalità è figlia del regime degli anni 70, in cui la polizia era il braccio armato dei colonnelli e non si faceva molti problemi a torturare, arrestare e far sparire persone sulla base di delazioni anche inconsistenti. In Grecia la polizia fa ancora paura. Per questo il commissario Charitos è un personaggio immediatamente simpatico. Non è un esaltato dal proprio lavoro ma nemmeno un fannullone che pensa solo a scaldare la sedia. E’ un uomo che usa l’intelligenza, che sa cercare, un personaggio buono, che il più delle volte passa per “coglione” anche quando non dovrebbe. Leggere un romanzo di Markaris è come leggere un testo di sociologia. La società ateniese moderna è descritta in maniera perfetta. Gli arrivisti, i palazzinari, le star dello spettacolo, i disoccupati, gli immigrati, i nostalgici del regime e i vecchi comunisti, le aspirazioni (tradite) del dopo-olimpiade. La realtà greca contemporanea è descritta in maniera decisa dalle impressioni del commissario, dalle sue riflessioni, dalle analisi sulla psicologia dei personaggi che incontra, il tutto unito a uno stile semplice e immediato. Il commissario Charitos è un uomo come tutti: ingabbiato tra una moglie religiosa e una figlia dalla mentalità moderna, alle prese con un capo che pensa solo a salvarsi il didietro che lo assegna alle indagini più puriginose. In questo romanzo, che prende immediatamente, Charitos è direttamente coinvolto nel rapimento della figlia su una nave diretta a Creta e poi inviato ad Atene per indagare su strani omicidi nel mondo dello star-sistem greco. Con una prosa avvicente e semplice, Markaris lascia incollati alle pagine per tutta la durata della vicenda, tra il mare di Creta e l’afa insopportabile di Atene. Forse la soluzione dell’enigma mi è sembrata un po’ banale, uno stratagemma “deus ex machina” per concludere la vicenda ma potrebbe essere solo un’impressione. Markaris riesce nell’obbiettivo ( enel sogno) di ogni scrittore: far tornare a casa solo per prendere il libro in mano e continuare nella lettura. E questo è un grande merito del “Maigret” greco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i gialli di Maigret, per chi cerca un romanto giallo che si legga con leggerezza senza troppi svolazzi letterari, per chi adora la Grecia. Sconsigliato a chi cerca un testo "hard-boiled" o comunque un noir più aggressivo.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie