La mano sbagliata La mano sbagliata

La mano sbagliata

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Parigi, giorni nostri. Nella vita ci sono i buoni e i cattivi, poi ci sono tutti gli altri. Baptiste Dupré è un uomo insolito, con una morale fuori dai canoni: niente lo ispira, si sente libero e liberato, lui è un giocatore. Niente definisce il suo modo di vivere meglio del gioco d’azzardo. Ed è con l’azzardo che ha costruito la sua vita, è diventato avvocato e ha vinto il cuore di sua moglie. Ma dopo qualche anno la noia inizia a intorpidirlo, fino a quando una sera incontra sul tavolo da gioco un degno avversario, che lo spinge a imbarcarsi in una scommessa terribilmente rischiosa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La mano sbagliata 2016-05-26 18:27:28 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    26 Mag, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I piatti della bilancia

Ciò che si è e ciò che si fa. Le due cose quasi mai coincidono.
Baptiste Dupré fa l'avvocato: ha sposato la bella Anne ed ereditato lo studio e la clientela del suocero, uno dei più prestigiosi avvocati parigini.
Ma Baptiste Dupré è un giocatore. Lo è per natura. Lo è sempre stato, ben prima di dedicarsi seriamente alla professione legale.
Ciò che si è, prevale. Una moglie desiderabile, una bella casa, una macchina elegante, non hanno potere contro la noia, l'insoddisfazione che nasce dal non poter assecondare la propria natura. Baptiste ricomincia a cercare nel sottobosco della notte parigina qualcuno da sfidare, persone che possano stargli alla pari. Finisce ad un tavolo di poker nel retro del Royal Etoile, a giocare con un ex campione di automobilismo, un uomo d'affari libanese, due imprenditori e un giocatore professionista, Pierre Leguen.
Chi sembra più interessato d'ogni altro a quelle partite notturne, però, è Franck Moreno, il proprietario del locale. E quando Baptiste comincia a perdere...

Al suo terzo romanzo, Jean-Michel Guenassia accantona il racconto di storie nella Storia, che aveva caratterizzato i suoi libri precedenti, e intreccia due temi “forti” della letteratura: quelli del “sosia” e del destino personale.
Mette i suoi protagonisti sui due piatti della bilancia: Baptiste Dupré è all'apice, e da lì comincia la sua irrefrenabile discesa; Pierre Delaunay è invece al suo punto più basso – in carcere da innocente – e, in forza di un puro colpo di fortuna colto al volo dal suo amico Moreno, intravede la speranza di una risalita.
La scrittura di Guenassia, nel dipanare il filo del racconto, è scorrevole ed essenziale. Ma siamo lontanissimi dal suo splendido libro d'esordio: “Il club degli incorreggibili ottimisti”, nel narrare la storia dei dissidenti dell'Est attraverso lo sguardo di un ragazzino curioso, aveva un respiro epico. Non a caso nel 2009 ha vinto il Premio Goncourt (il maggior premio letterario di Francia).
“La mano sbagliata”, invece, ha la sua parte migliore nei finali e controfinali che si susseguono, e che chiudono inesorabilmente il cerchio attorno ai personaggi principali, l'uno dopo l'altro. Beninteso, non si tratta di un classico giallo. A un certo punto quei finali viene naturale immaginarli, ma non è detto che li si indovinino: segno, al di là della semplicità della storia, di un intreccio ben strutturato.

“Se davvero vedete tutto, sapete che non ho fatto niente di male.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri