Le origini del male Le origini del male

Le origini del male

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Hyu-min si sveglia una mattina nel proprio letto e scopre di essere ricoperto di sangue. Non solo il suo corpo, ma tutta la stanza ne è imbrattata. Lui non ricorda quasi niente della notte appena trascorsa, solo di essere uscito a correre per distendere i nervi. O meglio, di essere sgattaiolato fuori di casa visto che sua madre è meglio non sappia delle sue scappatelle notturne. Hyu-min ha ventisei anni e vive con lei e il fratello adottivo Hae-jin in un appartamento all'ultimo piano di un residence di Gundo, nella moderna periferia di Seul. Da quando sono morti in un incidente d'auto il padre e il fratello maggiore, Hyu-min è sottoposto a una terapia di psicofarmaci che tiene a bada l'epilessia di cui soffre, ma provoca terribili effetti collaterali: emicranie atroci, acufene, attacchi di rabbia. E vuoti di memoria. Ecco perché non ricorda cosa sia successo per essere ricoperto di sangue. Hyu-min esplora l'appartamento e trova in salotto il cadavere della madre, con la gola tagliata. A questo punto, comincia a ricostruire gli eventi della notte precedente e, quando un orecchino di perla mai visto prima scivola fuori dalla tuta indossata per correre, Hyu-min è terrorizzato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le origini del male 2023-09-07 06:52:28 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    07 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricostruendo un delitto

"Le origini del male" è un romanzo in cui sono incappata quasi per caso mentre sceglievo i libri da acquistare per ricevere in omaggio l'ennesimo plaid realizzato da Feltrinelli. La copertina ha catturato subito la mia attenzione per le sue vibes inquietanti, mentre la sinossi mi faceva pensare a "L'abito da sposo" -letto ed apprezzato lo scorso anno-, inoltre ero curiosa di scoprire come You-jeong avesse gestito il tropo del narratore non affidabile.

L'incipit infatti ci proietta in una situazione decisamente insolita, nella quale il protagonista non ricorda di essere finito: lo studente sudcoreano Han Yu-jin si risveglia nel suo letto completamente sporco di sangue; subito capisce di non essere ferito, ma il quadro non si fa meno preoccupante quando, nell'arco di poche pagine, trova il cadavere della madre sul pavimento della cucina. Da qui inizia una sorta di indagine durante la quale Yu-jin cerca di recuperare i ricordi della giornata precedente, e non solo: deve infatti spingersi sempre più nel passato per capire cosa l'abbia portato a compiere un simile gesto.

La narrazione non segue una struttura familiare ai lettori occidentali, ma si articola in quattro macro-capitoli -lunghi un'ottantina di pagine ciascuno- in cui alla ricostruzione nel presente si alternano dei corposi flashback che permettono di analizzare meglio la storia familiare del protagonista, con particolare attenzione al suo rapporto con Kim Ji-won, la madre sempre in ansia per la sua salute. Viene indagato anche il rapporto conflittuale con la zia materna Kim Hye-won, interessante nonché fondamentale nell'economica della storia, mentre mi sarei aspettata qualcosa in più per quanto riguarda la figura del fratello adottivo Kim Hae-jin, relegato ad un ruolo meno attivo di quanto sottinteso inizialmente.

Lo stesso discorso vale per il padre, morto anni prima ma che avrebbe potuto ottenere un po' di spazio nei flashback, anche solo per mostrare quale fosse la sua opinione in merito ai problemi del figlio. La mancanza di queste prospettive è l'unico difetto concreto del romanzo, anche se personalmente ho trovato discutibile la scelta di tradurre il testo dall'inglese (con il risultato di farci credere che Seul e dintorni siano pieni di luoghi dai nomi molto amerihani) e anche l'inserimento di fin troppi salti temporali: l'impressione è che l'autrice volesse rendere più complessa una trama abbastanza lineare.

Oltre all'ottima analisi delle relazioni familiari del protagonista, rigorosamente disfunzionali e influenzate dalle pressioni sociali, ho trovato ben riuscito il ritratto psicologico di Yu-jin che si delinea pian piano nel corso della narrazione: la premessa crea un ingannevole senso di empatia verso di lui, ma quest'impressione iniziale va scemando mentre il lettore si rende conto delle sue azioni e dei suoi pensieri.

Seppur non sia il focus principale, credo che l'intreccio sia stato pensato con attenzione e, pur procedendo con grande pacatezza, riesca a mettere in scena delle valide svolte narrative. In sostanza, mi sto sempre più appassionando ai thriller asiatici: dopo Yoshida, anche la cara Jeong finisce nella lista degli autori di cui (traduzioni permettendo!) vorrei recuperare un po' tutto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Prato all'inglese
Ti ricordi Mattie Lantry
The turnglass
La donna che fugge
Un animale selvaggio
Sepolcro in agguato
Tutti su questo treno sono sospetti
Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Il mistero del treno azzurro
Senza pietà
Il libro delle cose sconosciute
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232