Nulla ti cancella Nulla ti cancella

Nulla ti cancella

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Una mattina di giugno del 2010 Esteban, di dieci anni, scompare sulla spiaggia basca di Saint-Jean-de-Luz. Nessuno sa niente, nessuno ha visto niente. Dopo le infruttuose ricerche della polizia locale la dottoressa Maddi Libéri, madre di Esteban, lascia il Paese basco e va a rifarsi una vita in Normandia. Torna a Saint-Jean-de-Luz dieci anni dopo, quasi in pellegrinaggio, e sulla stessa spiaggia vede un bambino di dieci anni che è la copia identica di Esteban, indossa lo stesso costume, ha addirittura una voglia nello stesso punto della pelle in cui l’aveva Esteban. Si apposta, lo spia, riesce a scoprire che il bambino si chiama Tom e vive con la madre a Murol, un paesino dell’Alvernia, antica zona vulcanica al centro della Francia. Colpita dalla straordinaria rassomiglianza e dalle incredibili coincidenze, Maddi si trasferisce a Murol, dove apre uno studio medico e segue da vicino Tom, scoprendo presto che corre un grosso pericolo. Vuole salvarlo, ma l’interesse che mostra per un bambino non suo suscita sospetti in paese. Nel frattempo le coincidenze si moltiplicano. Tom sembra la reincarnazione di Esteban, concetto inaccettabile per la mente scientifica della dottoressa Libéri e allo stesso tempo barlume di speranza per la madre inconsolabile. La ricerca della verità di Maddi segue un percorso parallelo di scientificità e irrazionalità, e a complicare le cose contribuiscono due misteriosi omicidi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nulla ti cancella 2022-02-19 16:12:29 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    19 Febbraio, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Maddi & Esteban, gioco di specchi

Torna in libreria Michel Bussi autore prolifico e giunto alla ribalta del grande pubblico con il suo “Ninfee nere” e vi torna con uno scritto molto particolare intitolato “Nulla ti cancella”. Anche questa volta le tinte e le trame descritte trasportano in lettore pagina dopo pagina in un mese di giugno del 2010 macchiato da una scomparsa misteriosa che vede quale vittima un bambino.
Maddi Libérì è una donna benestante. Dottoressa, quarantenne e indipendente ma anche madre single, ella vive esercitando la sua professione di medico in quel di Saint-Jean-de-Luz insieme al figlio Esteban. La celebre località balneare della costa basca è nota e amata dai più e accoglie ogni mattina il rituale familiare dei due: prima dell’inizio della giornata lavorativa per lei e di studio/scuola per lui, i due si vestono in qualche modo e vanno in spiaggia per poi fare il bagno già appena la primavera fa capolino. Tuttavia, quel 21 giugno 2010, con un mare arrabbiato e pieno di cavalloni, la madre disincentiva quella pratica perché il mare è troppo mosso ed è pericoloso. È vero, è il compleanno del bambino, il suo decimo compleanno, ma il rischio è sinceramente troppo alto. Fatto ciò, la madre dà al bambino un euro affinché compri da solo una baguette mentre lei lo aspetterà a casa, dopo la doccia, con quel regalo nascosto come da consuetudine nel mobiletto del bagno situato sotto al lavandino. Il tempo passa ma del ragazzo non c’è traccia. L’attesa si protrae, diventa sempre più strana e sempre più sinonimo di preoccupazione per quella donna sola che lo sta crescendo. Un sesto senso o forse una consapevolezza atavica ma sta di fatto che Esteban quella mattina non fa ritorno a casa né per festeggiare il suo compleanno né per aprire quel bramato dono. Di Esteban si perde semplicemente ogni traccia. Nessuno in quel di Saint-Jean-de-Luz ha visto o sentito di un ragazzo di dieci anni con indosso un costume blu indico con una piccola balena bianca ricamata sulla gamba sinistra. E come nessuno ha visto o sentito, nemmeno Maddi può accettare quella scomparsa. Cosa ne è stato di suo figlio non lo sa ma non riesce ad accettare quanto accaduto.
Passano dieci anni, esattamente dieci anni. Maddi in quel giugno 2020 è alle prese con quel tentativo di ricostruire la propria vita. Trasferitasi dopo i fatti a Ètrat in Normandia è adesso nuovamente madre di Gabriel. Non ha mai metabolizzato la perdita di Esteban ma non può non tentare di ripartire. Decide di tornare nei Paesi Baschi e qui assiste a un fatto davvero singolare: sulla spiaggia, la stessa spiaggia, un bambino biondo con lo stesso costume blu indaco e la stessa balena è sdraiato sulla spiaggia. Stessa altezza, stessa fisionomia del corpo. Ma non può essere Esteban, suo figlio oggi sarebbe un ventenne. Allora chi è? Deve saperlo, deve scoprirlo e vi riesce. Il piccolo si chiama Tom Fontaine, ha proprio dieci anni e vive a Murol e cioè in un villaggio montano all’Alvernia.
Maddi Libéri ha una vita ben costruita, adesso. È solida, lavorativamente affermata, affettivamente concreta. Gabriel è molto diverso da Esteban, è bravissimo con il web, rappresenta la sua colonna, è coraggioso e la ama con tutto se stesso. Ma lei non riesce a togliersi dalla testa di quel sosia visto sulla spiaggia. Non ascolta i consigli dello psichiatra, non si cura delle conseguenze proprio su Gabriel che è il suo faro, si trasferisce nella località montana e qui si insedia come medico. Tutto per seguire Tom e constatare che, dopo aver vinto le reticenze e le durezze di quelle persone dall’indole dura quali i montanari, le somiglianze e le assonanze sono più di quel che ella stessa pensava. Ivi compresa quella voglia che caratterizzava suo figlio. Cosa ne sarà di Maddi e Gabriel? Riuscirà la donna a venire al capo della matassa? Riuscirà a risolvere l’intrigo e a scoprire cosa è davvero successo a Esteban e a chi è Tom?
Come sempre Michel Bussi dona ai suoi lettori un romanzo che sin dalle prime battute si dimostra essere avvincente e ben strutturato. Non manca quella canonica forma temporale che porta ad oscillare tra presente e passato, una struttura che per chi già ha letto l’autore non è cosa nuova quanto certezza e consuetudine del ritrovarsi a casa, nuovamente.
A tratti l’opera, per costruzione e gioco di specchi, ricorda “Central Park” di Guillame Musso ma al contempo se ne distanzia. Bussi dona ai lettori un romanzo solido, dalle ambientazioni ben delineate e la cui forza è l’imperfezione dei propri personaggi che sopraggiungono a chi legge con tutta la loro più semplice autenticità. Il ritmo è rapido, ben cadenzato e conduce senza difficoltà sino a quell’epilogo che sul mistero fa luce. Uno scritto come sempre estremamente logico, con una trama che fonde la razionalità alla soprannaturalità ma anche all’emozione atavica e naturale che si scava nell’interno. Tra somiglianze, giochi di specchi, paradossi e un unico vero e grande filo conduttore. Una storia machiavellica anche per quanto crudele.

Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie