Prima del gelo Prima del gelo

Prima del gelo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Svezia. Sei cigni vengono cosparsi di benzina e fatti bruciare. Poco dopo una telefonata anonima avvisa la polizia di Ystad. L'ispettore Kurt Wallander si reca sul posto. Con lui c'è sua figlia Linda, che ha appena terminato l'accademia e tra qualche settimana prenderà ufficialmente servizio nella polizia. Qualche tempo dopo tocca a un vitello venire arso. È solo l'opera di uno squilibrato, un sadico che ama tormentare gli animali?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Prima del gelo 2020-02-09 14:30:49 sonia fascendini
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    09 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

troppa roba

Sono un gruppo di cigni le prime vittime di questo romanzo. A cercare chi abbia deciso di dare fuoco ai pennuti è l’ispettore Kurt Wallander. A questo che inizialmente viene considerato come un atto di vandalismo isolato seguono altri reati altrettanto inquietanti che fanno pensare che ci si trovi di fronte a un delinquente seriale che stia puntando al rialzo con atti sempre più efferati. Al poliziotto svedese si affianca anche la figlia Linda: un quasi poliziotto in attesa di entrare in servizio effettivo. Le indagini dei due si svolgono su due fronti diversi: quella di lei è volta alla ricerca dell’amica Anna che sembra scomparsa nel nulla. Quella del padre invece è volta a cercare di capire se dietro a una serie di fatti strani ci sia la stessa mano che si stia preparando al colpo grosso. Le due indagini spesso si scontrano e si intralciano, altre volte corrono parallele. I due metodi di lavoro e i caratteri di padre e figlia li portano ad azzuffarsi, tenersi il muso, salvo alla fine raggiungere comunque la meta.
Mi sembra che questo romanzo sia la dimostrazione che spesso la semplicità paga. Secondo me l’autore ha voluto mettere troppe cose nello stesso calderone sul presupposto che più ingredienti aggiungi più la zuppa è buona. Il risultato invece è stato una gran confusione di fatti, personaggi e luoghi. Sì: alla fine tutto viene chiarito, ma sarebbe stato bello non avere bisogno di tornare spesso indietro per riprendere il filo del discorso. Mi sarebbe piaciuto di non dovermi preoccupare di più storie ognuna lasciata in sospeso e non sempre così interessante da farmela ricordare anche quando viene ripresa dopo qualche decina di pagine. Quindi in definitiva una storia che avrebbe potuto piacermi ma che è stata rivestita da così tante sottostorie e racconti collaterali da rendermi faticosa la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima del gelo 2012-07-29 16:26:46 cesare giardini
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    29 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mankell, un maestro del giallo contemporaneo

Henning Mankell, nel ciclo di romanzi imperniati sul commissario Kurt Wallander, cede in questo “Prima del gelo” il ruolo di protagonista alla figlia di Wallander, Linda, giovane aspirante poliziotto che si fa le ossa seguendo le orme del padre e facendosi già valere per sagace intuito e cocciutaggine, al punto di incorrere in gravi rischi sino a mettere a repentaglio la propria vita. E’ lei che indaga su una setta di fanatici religiosi che, propalando una rinascita del cristianesimo, giungono dalla Guyana, fanno via via proseliti convincendoli, tramite interpretazioni soggettive della Bibbia, che il grande momento di entrare in azione è giunto : fanno sacrifici di animali, uccidono barbaramente chi, a loro giudizio, si è macchiato di peccati, preparano esplosivi da collocare nelle più importanti cattedrali scandinave. Il collegamento tra la banda di fanatici e Linda è la scomparsa di una cara amica della giovane, Anna, il cui padre, scomparso da anni, si rivela come il capo indiscusso della setta. Se la prima parte del romanzo scorre piuttosto lentamente, con digressioni sulla vita di Linda e sulle vicende che hanno dato vita alla nascita della setta religiosa, in seguito, dopo le frequenti assenze di Anna, che Linda vive angosciosamente e di cui ricerca disperatamente la causa, il giallo prende quota, le vicende si susseguono con ritmo incalzante sino al finale emozionante : Linda, in pericolo di vita, si salverà grazie all’aiuto del papà commissario. Commissario la cui presenza aleggia sempre nel romanzo, non tanto nell’azione investigativa quanto nei rapporti a volte burrascosi con la figlia ribelle : il buon Wallander, abituato a meditare, temporeggiare ed a valutare a fondo le situazioni, si trova infatti spesso a dover frenare le decisioni impulsive di Linda che ovviamente appartiene ad una generazione diversa, più impulsiva, non ancora temprata dall’età e dall’esperienza. Ed è proprio qui che Mankell eccelle, nel sondare psicologicamente i caratteri di padre e figlia, rivelandone pregi e difetti ed offrendoci due personaggi difficilmente dimenticabili.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le indagini del commissario Wallander, di H.Mankell
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Prima del gelo 2012-06-04 11:19:14 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    04 Giugno, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fuoco al Nord

Giallo svedese della serie di Kurt Wallander. Il libro comincia con l'immagine di sei cigni che vengono cosparsi di benzina e fatti bruciare. Conosciamo anche Linda, figlia di Kurt, che ne ha ereditato intuito e brillantezza di pensiero. Comincia un'inquietante sere di eventi e cominiciano le indagini, fra animali arsi, persone che scompaiono nel nulla, un padre e una figlia. E' una lettura piacevole, anche se non lo ritengo uno dei migliori gialli di questa serie, perchè non c'è introspezione psicologica nel delineare i personaggi e alcuni dettagli della storia sono un pò troppo fuori dalla realtà. Di veramente bello, come sempre, c'è l'atmosfera e l'ambientazione nel grande Nord.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gialli scandinavi
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Five survive
Cause innaturali
Compleanno di sangue
La prigione
Senza pietà
La casa delle tenebre
Omicidio a Manhattan
Lo scambio
L'ultima carta è la morte
Tempo di caccia
A cena con l'assassino
Teddy
Rabbits. Gioca se ne hai il coraggio
Polvere negli occhi
Nel cerchio del male
Natale rosso sangue