Resti perfetti Resti perfetti

Resti perfetti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tra le remote montagne delle Highlands, il corpo di Elaine Buxton sta bruciando. Tutto quello che rimarrà per identificare la donna, un brillante avvocato scozzese, sono i suoi denti e un frammento di vestiario. Intanto, nella stanza nascosta sul retro di una casa di Edimburgo, la vera Elaine Buxton urla nel buio. L’ispettore Luc Callanach ha appena messo piede nel suo nuovo ufficio e subito il caso di una donna scomparsa si trasforma in un’indagine per omicidio. Dopo aver lasciato una promettente carriera all’Interpol, Callanach è impaziente di mettersi alla prova con la sua nuova squadra. Ma l’indagine che lo aspetta è molto diversa da qualunque sfida abbia mai affrontato prima d’ora, perché l’assassino ha coperto le sue tracce con cura meticolosa. Quando un’altra donna di successo viene rapita, è chiaro che si tratta di una disperata corsa contro il tempo per impedire al gioco perverso di una mente criminale di mietere altre vittime.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Resti perfetti 2020-09-22 08:09:14 FrancoAntonio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    22 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prigioniere del folle

L’ispettore Luc Callanach è un bravo poliziotto franco-britannico che ha operato per molti anni in Francia, presso l’Interpol. Per una brutta storia che vorrebbe poter dimenticare ha dovuto cambiare vita e trasferirsi in Scozia, terra natale di suo padre. Qui, assegnato a dirigere una squadra investigativa, appena insediato e con lo scoglio linguistico ancora da assorbire, si trova a dover sbrogliare un intricatissimo caso: tra i resti bruciati di un rifugio delle Highlands sono stati trovati pochi frammenti carbonizzati appartenenti a una donna. Gli scarsissimi reperti biologici ancora utilizzabili per l’analisi fanno risalire il cadavere a Elaine Buxton, giovane avvocato civilista di Edimburgo, scomparsa da alcune settimane. Le indagini partono immediatamente tra dissidi interni alla squadra e scarsità di elementi di prova da valutare. Chi è che ha selvaggiamente ucciso e dato alle fiamme la povera donna? Soprattutto: può colpire ancora?
Ma Elaine non è morta: è malconcia, brutalmente torturata, psicologicamente devastata, ma è viva e ancora prigioniera del pazzo dott. Reginald King che ha in serbo per lei e, purtroppo, per altre vittime un futuro raccapricciante per soddisfare un suo progetto allucinato.
Mentre l’ispettore Callanach si dibatte tra i fantasmi del suo passato e l'impotenza a risolvere rapidamente il mistero, la sua collega e amica ispettrice Ava Turner è alle prese con un doloroso caso di neonati abbandonati a morire di freddo in un parco. Per una serie di imprevedibili coincidenze le due indagini finiranno per incrociarsi, fino alla conclusione spasmodica e tragica della vicenda.

Il primo aggettivo che mi è venuto in mente, giunto alla parola fine di questo libro, è stato: agghiacciante. Infatti il romanzo è davvero spaventoso, da incubi notturni. Tuttavia è pure avvincente: è difficile staccare gli occhi dalle sue pagine e si vorrebbe concludere la lettura in un battito di ciglia, per il desiderio di scoprire tutti i risvolti della vicenda, ma soprattutto per l’inconscia impazienza di abbreviare i tormenti delle povere vittime del dott. King, per far cessare la subdola inquietudine che la storia semina nell'animo.
Trovo incredibile come le storie più feroci di maltrattamenti alle donne siano concepite e scritte proprio da autrici. Molto più dei colleghi maschi riescono a toccare le corde giuste per seminare ansia e far partecipare il lettore a questi viaggi nel terrore puro. Incredibile, ma anche logico: chi più di una donna, infatti, può concepire, comprendere e descrivere con lucida vivezza la malvagia disumanità di cui può, essa stessa, essere fatta oggetto da parte degli uomini o della società (maschilista?) in generale.
La Fields è riuscita perfettamente nell'intento di suscitare empatia, tensione e la convulsa, spasmodica attenzione nel lettore, pur avendo scelto una strada decisamente impervia: il serial killer ci viene presentato sin dalle primissime pagine. Apprendiamo tutto di lui: il suo nome, i suoi metodi, il motivo delle sue insane pulsioni, dove e con chi lavora, come sceglie le sue vittime e cosa infligge loro, dove le nasconde e cosa si prefigge. Mentre gli investigatori brancolano nel buio, il lettore può seguire le due storie che si sviluppano in parallelo senza alcun velo che offuschi la visione complessiva. Nonostante l’assoluta mancanza di mistero la storia riesce a ingenerare ansia e aspettativa al massimo grado, al punto da far sorvolare pure su alcune probabili incongruenze e semplificazioni che, a mente fredda, potrebbero forse far storcere il naso ai più esigenti.
Lo stile è sempre incalzante e i personaggi sono tutti ben delineati e molto umani, con i loro pregi e i loro difetti. La storia principale, anzi le due storie principali (quella dei rapimenti operati da King e quella dei neonati) non tolgono spazio alle storie personali dei protagonisti con cui familiarizziamo lentamente.
Insomma, davvero un buon libro da inserire nella categoria che i francesi definiscono polar, cioè tra i thriller ad altissima tensione emotiva.
_______________
Per l’angolo del pignolo osservo che tra le probabili incongruenze cui ho fatto cenno ce n’è una a mio avviso piuttosto grossolana. Ovviamente non rivelerò qual è per non anticipare un particolare centrale della storia, tuttavia, al lettore più attento non sfuggirà che il dott. Reginald King, per quanto perfettamente organizzato ed efficientissimo, non avrebbe potuto procurarsi alcuni oggetti molto particolari con tale facilità, in modo così semplicistico come descrive la storia, per lo meno senza lasciare un’evidentissima traccia dietro di sé. Però, la narrazione è così convulsa che il dettaglio sfugge nell'immediato: io ho riflettuto sull'assurdità solo parecchi giorni dopo aver terminato il libro e ne ho sorriso. Quindi, in fondo, ciò va a ulteriore merito per l’autrice. Brava, davvero brava.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i thriller coinvolgenti. Come stile e come situazioni a me ha ricordato l'ottimo "Il giardino delle farfalle" di Dot Atkinson: stessa ansia e stessa maestria nel gestirla, anche se il romanzo dell'americana è indubbiamente superiore.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri