Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Un fuoco che brucia lento
 

Un fuoco che brucia lento Un fuoco che brucia lento

Un fuoco che brucia lento

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Con lo stesso stile inconfondibile di "La ragazza del treno" e "Dentro l'acqua", Paula Hawkins ci cattura in una rete di inganni, omicidi e vendette. Laura ha trascorso la maggior parte della vita sotto il peso dei giudizi altrui. È considerata irascibile, turbata, un'outsider. Miriam sa che, solo perché Laura è stata vista lasciare la scena di un crimine orribile con i vestiti sporchi di sangue, ciò non fa di lei necessariamente un'assassina. L'amara esperienza le ha insegnato quanto sia facile essere colti al posto sbagliato nel momento sbagliato. Carla è ancora scossa dal brutale omicidio del nipote. Non si fida di nessuno: sa che anche le persone buone sono capaci di azioni terribili. Ma fin dove è disposta a spingersi per trovare pace? Innocente o colpevole, ognuno di noi è segnato nel profondo. Ma alcuni di noi sono segnati al punto di uccidere. Perché quando accendi una miccia, non puoi più fermare l'incendio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un fuoco che brucia lento 2021-11-05 18:09:11 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    05 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MI ASPETTAVO DI PIU'

Questo thriller è ambientato a Londra nel suggestivo Regent's Canal e in una delle case galleggiante che costeggiano questo canale artificiale, è stato ritrovato il corpo di Daniel Sutherland.
La vittima presenta moltissime pugnalate e a scoprire il cadavere sarà Miriam, la vicina di barca del ragazzo. La donna ha cinquant'anni e vive da sola, è single ed è un'ottima osservatrice, sulla scena del crimine occulta delle prove pensando che in un qualche modo le potranno tornare utili. Anche se inizialmente non capiamo quale fosse il suo obiettivo. Nel suo passato ha subito un grave torto, uno scrittore molto famoso le ha rubato il suo libro , una sorta di memoir della sua vita; pubblicando un giallo che narrava molti eventi contenuti nel suo scritto.
Laura, invece, è una ragazza che ha avuto un' avventura con la vittima, è una donna problematica con delle ferite che si porta dal passato, è piena di difetti e di insicurezze.

"La scarsa autostima era di certo uno dei problemi di Laura, ma non l'unico. Ne aveva un intero battaglione a farle compagnia [...] attacchi di rabbia, scarso controllo degli impulsi, perdita di memoria a breve termine, ipersessualità e una zoppia pronunciata."(riferito a Laura) (CIT.)

Oltre a Miriam e Laura c'è anche una terza donna che ruota attorno a Daniel, è sua zia Carla che ha nel suo passato un divorzio, dal marito Theo e un grave lutto che non è mai riuscita a superare.

"Lasceresti bruciare il mondo intero, se solo servisse a renderli felici."(CIT.)

La storia viene raccontata dal punto di vista di queste tre donne, tra il loro presente e il loro passato, ho trovato che questo thriller nella prima parte sia stato molto scorrevole, interessante, mentre poi è diventato più lento e noioso e il ritmo della storia è sceso moltissimo.
Queste tre donne non si conoscono, hanno un passato difficile alle spalle, sono dei personaggi che però ho trovato antipatici e inaffidabili, non ho creduto in molti casi al loro dolore, forse non le ho completamente capite.
L'autrice durante la storia, ha volutamente inserito dei passaggi in cui le donne vengono discriminate, un po' per "denunciare" ancora una società dove manca l'inclusione, per esempio quando viene sottolineato che Miriam non è una signora ma una signorina solo perché è ancora single a cinquant'anni. Ancora quando l'autrice sottolinea che una donna che porta i figli al lavoro non può svolgere al meglio il ruolo di professionista e di madre o ancora che una donna senza figli non può capire quale sia l'amore vero.
Ho apprezzato molto lo stile dell'autrice, pulito, diretto e scorrevole però secondo me è un libro che è stato scritto con poco cura e in maniera frettolosa ho trovato alcune ripetizioni a distanze di poche righe e questo mi è dispiaciuto.
Avevo letto alcuni anni fa, "La ragazza del treno" e sebbene non mi fosse piaciuto particolarmente, ho trovato che questo romanzo sia a un livello inferiore rispetto al suo più famoso thriller, mi ha deluso il finale e il colpevole che purtroppo avevo intuito prima.
Sicuramente mi è piaciuto il fatto che abbiamo conosciuto la storia attraverso il racconto e la vita di tre donne che hanno subito delle ingiustizie, che le hanno portate a covare dentro un forte risentimento e una profonda voglia di vendetta.
Mi aspettavo di più da questa autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un fuoco che brucia lento 2021-11-04 07:34:34 deborino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
deborino Opinione inserita da deborino    04 Novembre, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA RABBIA CHE BRUCIA LENTA

Premetto che questo è il secondo romanzo che leggo di Paula Hawkins e, rispetto alla Ragazza del Treno, c'è stato un vero salto di qualità.
Questa storia gira intorno a tre donne indagate per l'omicidio di un ragazzo: Laura, Miriam e Carla.
Laura è una ragazza problematica che, spesso agisce senza ragionare ed è per questo già segnalata alle autorità;
Miriam è una donna che si sente perennemente inferiore agli altri a causa del suo aspetto fisico e di ciò che ha subito quando era giovane;
Carla è una donna di classe, elegante ma molto diffidente.
Queste tre donne hanno in comune una cosa: nel passato hanno subito tutte un trauma che si portano dentro e che le ha cambiate nel profondo e tutte hanno sete di vendetta perchè la loro rabbia giace sempre lì e continua a bruciare.
Io sono rimasta spiazzata dal finale, sinceramente mi ero fatta un'altra idea sulla dinamica dell'omicidio quindi mi ha sorpreso e, per un giallo, è questo che conta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Girl in snow
Avversario segreto
L'ermellino di porpora
Otto perfetti omicidi
Città in fiamme
Lupa nera
Prede
Il cercatore di tenebre
La solitudine del ghiaccio
Il mistero della signora scomparsa
Cuori in trappola
La sua verità
Il seme del terrore
Autopsia
Nulla ti cancella
Le ore più buie