Narrativa straniera Letteratura rosa Il giardino dei nuovi inizi
 

Il giardino dei nuovi inizi Il giardino dei nuovi inizi

Il giardino dei nuovi inizi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Lo storico albergo di Boonsboro, nel Maryland, ha visto succedersi guerre e momenti di pace, periodi prosperi e tempi difficili, ha cambiato gestionein diverse occasioni e si è persino vociferato che fosse infestato dai fantasmi. E ora nuovi cambiamenti sono in vista. Non solo perché i fratelli Montgomerye la loro eccentrica madre hanno deciso di ristrutturarlo; anche perché il nuovo progetto coinvolgerà le vite di molti. Un’ondata di sorprese travolgerà l’intera cittadina, e quando un tocco di rosa si affaccia all’orizzonte, portando una ventata di novità, nessuno dei tre fratelli verrà risparmiato. Ma c’è un altro progetto in cui Beckett Montgomery si è gettato a capofitto: fare innamorare la donna che sta aspettando di baciare da quando aveva quindici anni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giardino dei nuovi inizi 2013-01-31 14:54:05 Claire
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Claire Opinione inserita da Claire    31 Gennaio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

1° Libro della "Inn Boonsboro Trilogy"

Primo romanzo di una trilogia che gira attorno alla ristrutturazione di un vecchio hotel. Infatti i 3 fratelli Montgomery : Ryder, Owen e Beckett si stanno dando da fare per ristrutturare e riportare all'originario splendore il vecchio Boonsboro Inn .
In questo primo libro abbiamo una panoramica dei tanti personaggi che prenderanno piede anche nei libri successivi, ma la storia qui è concentrata su Beckett e Clare.
Clare è una giovane vedova con tre figli, un lavoro che ama e tanti amici, ma le manca l'amore anche se lei stessa non se ne rende conto, e quando Beckett (innamorato di lei da tempo immemore) si fa avanti i due iniziano una relazione.

Qui la cosa bella è che Beckett è un uomo "meraviglioso" , perché oltre ad amare Clare, ama i suoi tre figli (che sono delle piccole pesti) ! Non si tira indietro davanti alla responsabilità, anzi !
La storia fra Clare e Beckett è carinissima , però ad essere sincera non è che sia indimenticabile, è quasi tutto un pò troppo lento e privo di eventi esaltanti, nonostante la storia non manchi anche di una piccola parte "paranormale" (abbiamo infatti anche un fantasma a far da contorno alla storia) , e verso la fine anche se si movimenta un pò diciamo che la storia rimane un tantino piatta.
Per quel che mi riguarda mi sono annoiata non poco con tutti i dettagli di cui è farcita la storia sui lavori di ristrutturazione del Boonsboro Hotel , credo che la Roberts nel periodo in cui scrisse la storia si era fissata con le piastrelle e i dettagli del bagno ! Che palle !
Comunque la cosa che a me è piaciuta , oltre alla sensibilità di Beckett, è l'amore fraterno fra i Montgomery . Ho già eletto il bisbetico Ryder come mio Montgomery preferito , e non vedo l'ora di leggere la sua storia !

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giardino dei nuovi inizi 2012-09-29 06:38:13 Foschia75
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Foschia75 Opinione inserita da Foschia75    29 Settembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli affascinanti-carpentieri-Montgomery

Mi rendo conto che non aver mai letto niente di una delle scrittrici più amate d'America, sia stato un peccato, perché il suo modo di scrivere è davvero accattivante, pur rimanendo negli schemi tipici del genere. Quello che più mi ha colpito, sono le "perle" di sarcasmo che l'autrice cuce con magistrale precisione e originalità nella trama, quelle "chicche" di ilarità danno sapore alla narrazione che scorre elegante e fluida fino alla fine con un bel colpo di scena sul finire che forse chiude troppo in fretta questo primo apppuntamento con la graziosa e piacevole cittadina di BoonsBoro dove tutti si conoscono, si aiutano a vicenda e vivono serenamente la routine di provincia.
Partiamo dai personaggi che hanno dato vita e ispirazione alla trilogia. I fratelli Montgomery, no scusate, i sexy-carpentieri-Montgomery.....e da qui parte l'immaginazione!!! Tre ragazzi prestanti tra i venti e i trent'anni, che lavorano alla ritrutturazione dell'albergo di famiglia. Quando fa caldo lavorano a torso nudo, sono atletici e educati con le donne. Cosa si può pretendere di più? Dei sexy-gentleman che lavorano sodo, non hanno grilli per la testa e sono il sogno di ogni madre che abbia una figlia in età da marito, ma anche di quelle con una figlia rimasta vedova ancora in età da marito e per giunta con tre figli a carico. Clare, la compagna del liceo, quella irraggiungibile che ha sposato il capitano della squadra di football della scuola e che è andata via da BoonsBoro per diversi anni per poi tornare all'improvviso vedova di guerra. Questa è l'occasione che Beckett aspetta da quando aveva sedici anni. Fare di Clare la sua donna , magari per il resto della vita. Ma i due non hanno più la libertà e spensieratezza dei tempi della scuola, sono due adulti con il loro lavoro e la loro vita quotidiana, scandita da impegni improrogabili, quali tre pesti in età scolare, due attività che assorbono la maggior parte delle loro giornate, amici e fratelli "ficcanaso" che faranno di tutti per spingerli l'uno nelle braccia dell'altra non senza difficoltà. L'amore è come una tavolozza di colori, ci sono quelli pastello che permeano le giornate romantiche e ci sono quelli più cupi che descrivono le giornate meno allegre, ma quando l'amore è ricambiato con la stessa intensità e fiducia, allora ci sta anche la scala di grigi.....insieme torna sempre il sereno. E così sarà per i due protagonisti, che ormai adulti dovranno affrontare qualche ostacolo più o meno piacevole prima di capire che la freccia di cupido ha colpito proprio loro. Il tutto incorniciato da uno sfondo di provincia molto naif, dove i cittadini vivono in armonia e rispetto del prossimo, dove il lavoro scandisce le giornate che terminano davanti a un boccale di birra e un pò di chiacchere. Dove gli amici sono sempre disposti ad ascoltare e condividere, dove l'amore si diverte a sbocciare e far visita ai fratelli Montgomery..... Beckett gli ha spalancato già il cuore, ma Owen e Ryder sono ancora un pò sordi. Che la Roberts abbia buttato già i semi anche per loro in questo primo romanzo? Direi proprio di si!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lettura "morbida", veloce e piacevole insomma un bell'intermezzo
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giardino dei nuovi inizi 2012-09-28 19:42:51 Pupottina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    28 Settembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il 1° della Inn BoonsBoro Trilogy

Mancanza di ispirazione o voglia di approfondire qualcosa già detto in passato?
Forse la seconda delle due opzioni.
Non sono ovviamente romanzi gemelli, ma c’è un punto di contatto: la ristrutturazione di un vecchio edificio storico, popolato da presenze, fantasmi buoni che non vedono niente di male nello sbocciare di un amore. Converrete con me che è molto romantica come ambientazione.
I romanzi in questione appartengono a due serie diverse. Il primo, I ribelli, letto qualche mese fa, è del 1996.
Quello di cui vi parlo oggi è Il giardino dei nuovi inizi; è stato scritto nel 2011 ed è il primo di una nuova serie Inn BoonsBoro Trilogy.
Nora Roberts ha cambiato impostazione con questo romanzo, ma ha confermato la sua eleganza nel raccontare la nascita di un amore.
Tre fratelli lavorano duramente per riportare all’antico splendore un vecchio albergo abbandonato e, per farlo, lo personalizzano. Il libro è pieno degli elementi di questo luogo romantico che avrà le camere con i nomi delle coppie famose della letteratura, perché il loro amore benedirà chi ci trascorrerà anche solo una notte. Le donne adorano queste descrizioni, in cui gli ambienti vengono arredati con minuzie di dettagli. La Roberts ha uno stile impreziosito di aggettivi positivi, di descrizioni luminose, di personaggi buoni di cui ci si innamora.
Una lettura ideale per un pubblico di lettrici dal cuore tenero, che amano le emozioni dell’amore romantico, da favola, da sognare, leggendo fra le righe.

*** AVVISO SPOILER ***
In questo romanzo, l’amore di Beckett per Claire è di vecchia data, ma lei non ne sapeva niente. Lei aveva vissuto una vita che le aveva dato grandi gioie, i tre figli, ma anche il dolore di perdere prematuramente il marito. Tornata nella città natale, riprenderà a vivere e non potrà non lasciarsi affascinare da Beckett che ha sempre avuto occhi soprattutto per lei. Un uomo favoloso Beckett, che si contrappone a Sam, un personaggio negativo.
Claire e la sua famiglia sono in pericolo. L’idillio iniziale della situazione viene avvolto dall’oscurità di uno stalker, Sam, da sempre ossessionato da Claire. L’amore di Beckett può proteggerla in questa storia romantica che Nora Roberts racconta con il suo solito magico stile e che rende moderna, introducendo problematiche attuali nella vita di una donna.
L’amore vince, come nelle migliori fiabe, e lascia la sensazione che la vita possa essere meravigliosa, all’ombra di un imponente e magico hotel, come quello di Boonsboro, nel Maryland.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri